Osvaldo-Juve è fatta, giallo su Hernanes all’Inter

ROMA – A meno di 24 ore dalla fine della finestra del calciomercato invernale (le 23 italiane di oggi) comincia a prendere forma il restyling della Serie A, nonostante le voci, le indiscrezioni e i rumors si autoalimentino nel rush finale.

L’arrivo ormai certo di Osvaldo alla Juventus (prestito secco fino a giugno) potrebbe riaprire la voce ‘cessioni’ in casa bianconera, con Quagliarella e Giovinco in pole soprattutto dopo le parole del procuratore di Vucinic che ha detto che il suo assistito “resta alla Juventus”. Al di là delle intenzioni, per il montenegrino resta comunque sempre percorribile la pista estera (Arsenal, Tottenham, Monaco). Per un affare ‘quasi’ fatto, uno (Hernanes) avvolto ancora nel mistero più fitto sulla rotta Roma-Milano (Lotito: “parliamo di chiacchiere”, “non è stato ancora venduto”) e solo oggi si saprà qualcosa di definitivo. Un affare pero’ Thohir (atteso ieri nella capitale, ma nessuno lo ha visto) lo ha portato a termine: il laterale del Torino D’Ambrosio che ha firmato un quadriennale. Nelle ultime 24 ore i nerazzurri si dovranno concentrare sull’esterno (o esterni) da dare a Mazzarri: i nomi sul taccuino sempre i soliti: Nani, Hernandez, oltre lo stesso Vucinic. Allo stesso tempo dovranno cercare di fare cassa con Guarin sul quale ieri c’è stato un nuovo no a Marotta, mentre il colombiano punta i piedi e riapre la pista Galatasaray che intanto cerca anche Astori dal Cagliari (emissari isolani sono andati a Istanbul).

Dopo aver preso Honda, Rami, Essien e Taarabt per il presente, il Milan pensa anche al futuro e per il dopo-Abbiati prende il giovane Gori dal Brescia.

Oggi finirà anche il tormentone Biabiany al Guanghzou: dopo aver perso (pare) definitivamente Diamanti, si saprà se Lippi potrà contare sul 25enne francese di Guadalupa.

Il ds della Roma Walter Sabatini sembra invece aver finito di sfogliare la margherita sul difensore centrale: la scelta è caduta su Rafael Toloi, 23enne del San Paolo che ha superato la concorrenza del più navigato Paulo Andrè (30). C’era stato anche un abboccamento per Ranocchia ma gli alti costi dell’operazione hanno rinviato il discorso a gijgno. Il problema del difensore brasiliano resta legato al suo status ma grazie alle sue origini italiane la Roma intende tesserarlo come comunitario. Ufficiali invece l’arrivo nella capitale di due altre giovani promesse: Petar Golubovic, terzino destro classe ‘94, dall’Ofk Belgrado e Alberto Tibolla (addirittura ‘96) dal Chievo.

La Fiorentina ha ceduto Olivera al Brescia e preso Diakitè, dal Sunderland. Molto attivo il Parma che si tiene stretta i suoi pezzi pregiati (Paletta, Parolo), ufficializza Molinaro dallo Stoccarda ed è a un passo da Zaccardo. Scambio Cagliari-Chievo: Agazzi va da Corini, mentre Lopez prende Silvestri. Ufficiali anche Elder Postiga alla Lazio, Estigarribia all’Atalanta, Brighi e Floccari al Sassuolo. Il Napoli, dopo Henrique, è a un passo da Goulham (Saint Etienne), ma ha ancora poche ore di tempo per sperare nel colpo Capouè (Tottenham) e cercare qualcosa a sinistra, rimasta scoperta dopo l’infortunio a Zuniga e il desiderio di Armero di cambiare aria (West ham insiste). In uscita c’è Cannavaro sul quale c’è sempre il Sassuolo di Malesani.