Coppa Italia: Lampo di Muriel, primo round all’Udinese

Pubblicato il 04 febbraio 2014 da redazione

UDINE – Sotto la pioggia che imperversa sul Friuli, è la Fiorentina a partire con il piede giusto: i ragazzi di Montella cercano di imporre il proprio ritmo sin dalle prime battute, mentre l’Udinese fatica a uscire palla al piede. Col passare dei minuti però i ragazzi di Guidolin prendono confidenza, rendendosi pericolosi in ripartenza. Le chance: Vargas libera il sinistro al 24’ ma non trova la porta, Pinzi e Pereyra al 33’ fanno venire i brividi a Neto. Arrivano anche i gol: al 36’ contropiede bruciante dell’Udinese, Widmer serve a Di Natale la sfera dell’1-0. La viola reagisce subito: prima invocando un rigore (tocco di Domizzi con il gomito), poi in allungo con Matri (bravo Scuffet) e infine con Vargas, bravissimo a mettere palla sotto la traversa con un sinistro potente al 44’ (anche se l’Udinese si lamenta per un fallo su Di Natale). All’intervallo è 1-1.

Di Natale rimane negli spogliatoi: al suo posto c’è il portoghese Bruno Fernandes, Guidolin ridisegna l’Udinese con un 4-4-1-1, con Lopez di punta. Il refrain però è quello di inizio partita, con la Fiorentina a menare le danze. Scuffet si salva in angolo sul destro di Joaquin al 55’, mentre è fortunato sulla girata di Matri al 64’. E’ sempre Fiorentina: Vargas di testa da due passi, salva ancora Scuffet. E’ il momento dei cambi: dentro i colombiani Muriel e Cuadrado, Anderson e Badu, e la partita diventa spezzettata. E’ proprio uno dei nuovi entrati a dare lo scossone all’82’: Muriel riceve palla al limite e scocca un destro che bacia il palo e si deposita in rete. E’ il gol-partita, non il gol-qualificazione: per quella bisognerà attendere mercoledì prossimo.

Ultima ora

14:50Studenti tentano occupare scuola, messi in fuga da vigilante

(ANSA) - BARI, 18 DIC - Un vigilante che si trovava in servizio di sorveglianza all'esterno del liceo artistico De Nittis-Pascali, a Bari, avrebbe puntato la pistola contro alcuni ragazzi per impedire l'occupazione della scuola. Lo riferiscono i rappresentanti degli studenti che la notte scorsa hanno tentato di occupare l'istituto, ma sono stati messi in fuga delle guardie giurate a cui la dirigente aveva commissionato il servizio di tutela contro gli atti vandalici. La dirigente scolastica stamani ha contattato l'istituto di vigilanza chiedendo con urgenza una relazione sull'accaduto. Stando al racconto che il vigilante ha fatto alla dirigente, l'uomo avrebbe solo alzato la voce mettendo in fuga gli studenti che volevano scavalcare il muro di cinta della scuola. Durante la fuga una ragazza sarebbe caduta ferendosi ad una mano. Gli studenti, questa mattina, sono entrati nell'istituto, hanno avuto un confronto con la dirigente scolastica e sono ora in autogestione.

14:45Ex calciatore ucciso: amico e madre restano in carcere

(ANSA) - MILANO, 18 DIC - Potrebbero uccidere ancora Raffaele Rullo e sua madre Antonietta Biancaniello, accusati dell'omicidio dell'ex calciatore Andrea La Rosa, ritrovato lo scorso 14 dicembre in un fusto per il gasolio nell'auto della 59enne. Lo si legge nell'ordinanza firmata dal gip di Milano Livio Cristofano, che ha convalidato il fermo e disposto la misura cautelare per entrambi. L'istanza di arresti domiciliari, avanzata dal difensore di Rullo, è stata respinta. Nell'interrogatorio di ieri, Rullo aveva negato di aver commesso il delitto. La donna, che in un primo momento si era assunta la responsabilità dell'omicidio, si è chiusa invece nel silenzio. Nella ricostruzione dell'accusa, La Rosa la notte tra il 14 e il 15 novembre era stato attirato a Quarto Oggiaro con l'inganno da Rullo, che gli doveva restituire 38mila euro. Poi sarebbe stato addormentato con del sonnifero, sgozzato e infilato in un bidone.

14:44Savoia: D’Alema, sgradevole rientro con volo Stato

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Vittorio Emanuele III è stato corresponsabile del fascismo e quindi condivido il sentimento di ripulsa delle comunità ebraiche e dell'Anpi". Con queste parole Massimo D'Alema commenta, intervistato da Serena Bortone, questa mattina ad Agorà su Rai3, il rientro in Italia delle spoglie di Vittorio Emanuele III. E conclude: "Trovo che il rientro con volo di Stato sia un episodio sgradevole da chiarire in Parlamento"

14:42Calcio: City, 25 mln per trattenere Guardiola

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Primo posto solitario in Premier League, primo posto nel girone Champions, record d'imbattibilità (in Europa interrotto dall'ininfluente sconfitta all'ultimo turno contro lo Shakhtar Donetsk): la grande stagione del Manchester City porta la firma in primis di Pep Guardiola arrivato in Inghilterra nell'estate 2016 con un contratto triennale che adesso la dirigenza dei Citizens intende allungare. Lo riportano oggi i media britannici che hanno intenzione di proporre al 46enne tecnico catalano altri 4 anni di contratto e un robusto ritocco d'ingaggio: dai 16 milioni a 22 milioni di sterline l'anno (circa 25 milioni di euro), facendolo diventare l'allenatore più pagato al mondo.

14:39Austria: Fpoe, doppio passaporto a altoatesini nel 2018

(ANSA) - BOLZANO, 18 DIC - "I sudtirolesi potranno richiedere la cittadinanza austriaca già nel 2018, al più tardi all'inizio del 2019". Lo ha annunciato a Bolzano il parlamentare austriaco Werner Neubaur, responsabile della Fpoe (il partito di ultradestra austriaco al governo) per i rapporti con l'Alto Adige. La richiesta, ha detto, potrà essere avanzata da chi si è dichiarato tedesco e dai suoi figli e sarà gratis "per non gravare sulle tasche delle famiglie". Secondo Neubauer, in futuro atleti altoatesini potranno gareggiare per la nazionale austriaca.

14:36M5S: Di Maio, regola dei due mandati non in discussione

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "La regola dei due mandati non è in discussione, è uno dei nostri asset fondamentali". Lo afferma il candidato premier M5S Luigi Di Maio a Circo Massimo, su Radio Capital, rispondendo a chi gli fa notare che, in caso di legislatura brevissima e di ritorno alle urne, lui non possa ricandidarsi in virtù del tetto massimo dei due mandati.

14:30PyeongChang: Pancalli a Mattarella, grazie per sostegno

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Signor Presidente, lei non ha mai fatto mancare vicinanza e sostegno alla nostra famiglia. Questa e' la piu' bella istantanea di un Paese che attraverso lo sport racconta una dimensione di inclusione possibile: questo senso di riconoscenza e gratitudine e' vivo in ogni atleta qui presente". Così Luca Pancalli, presidente del Comitato Italiano Paralimpico, durante la cerimonia di consegna del tricolore ai portabandiera dell'Italia ai Giochi invernali Olimpici e Paralimpici di PyeongChang 2018. "Ciascuno di loro dimostrerà di essere un esempio per tutti, di coraggio e perseveranza. Non voglio nascondere l'emozione che cerimonie come questa mi provocano. Ci sono riconoscenza, gratitudine, orgoglio e passione, in una cerimonia che ha un sapore particolare. Si colloca a chiusura di anno, quasi fosse un bilancio di una stagione straordinaria, un'esplosione del movimento paralimpico, che a inizio anno ha ottenuto riconoscimento come ente pubblico".

Archivio Ultima ora