Sochi: Falce e martello alla ceremonia inaugurale, pochi i big dell’Occidente

Pubblicato il 05 febbraio 2014 da redazione

SOCHI. – Le fiabe russe, lo zar Pietro il Grande con la sua passione per le navi, l’Ottocento tolstoiano di ‘Guerra e Pace’ e quello gogoliano delle ‘Anime morte’, ma ci saranno anche i grattacieli staliniani e falce e martello comunisti nella cerimonia di inaugurazione dei Giochi di Sochi, il 7 febbraio. Un evento disertato dalla maggioranza dei leader occidentali, da Obama alla Merkel, da Hollande a Cameron, per una tacita protesta contro la legge che vieta la propaganda gay, oggetto – in coincidenza con l’arrivo della fiamma olimpica a Sochi – di una manifestazione in varie città del mondo. La Norvegia ha invece scelto la via della ”mezza” provocazione: domani ci sarà la premier norvegese, Erna Solberg, ma alla cerimonia dei Giochi Paraolimpici, il Paese sarà rappresentato da Bent Hoie, ministro della sanità e omosessuale dichiarato, che si farà anche accompagnare dal marito, il pubblicitario Dag Tarje Solvang, con il quale si è regolarmente sposato. Il Cremlino si consola con una tribuna record per una Olimpiade invernale: oltre 50 tra capi di Stato e di governo, tra cui il premier italiano Enrico Letta ed almeno altri due capi di governo europei, l’olandese Mark Rutte e il bulgaro Plamen Oresharski. Il resto saranno i principali leader asiatici (compresi il presidente cinese e il premier giapponese) e delle ex repubbliche sovietiche. Numerose le teste coronate, in particolare dei Paesi nordici, e i top manager di aziende internazionali. Ancora top secret l’ultimo tedoforo che accenderà la fiamma olimpica: sul web cadono le quotazioni della ginnasta Alina Kabaieva, la presunta compagna clandestina di Putin secondo i gossip, e salgono quelle di Irina Rodnina, una della pattinatrici sul ghiaccio di maggior successo, l’unica ad aver vinto in coppia dieci mondiali consecutivi (1969-78) e tre ori di fila alle Olimpiadi (1972, 1976, 1980). Unica macchia aver postato su twitter un fotomontaggio del presidente Usa Obama con la bocca piena mentre qualcuno gli porge una banana, attirandosi un coro di reazioni sdegnate e di accuse di razzismo. I big e i 40 mila spettatori dello stadio Fisht assisteranno comunque ad una cerimonia straordinaria, che intende essere una celebrazione del Paese con una cavalcata attraverso la sua storia, assicura chi ha visto le prove twittando alcune foto nonostante i divieti. Ecco quindi la fiabesca Russia medievale, le grandi navi d’epoca comandante da Pietro il Grande, lo zar artefice della Russia europea e della potenza marittima del Paese. E poi la Russia nobile ed epica di Tolstoi, con il gran ballo di Natasha che illuminerà anche la tradizione del balletto russo. Suscita grandi interrogativi come verrà sintetizzata la controversa epoca comunista, ma le indiscrezioni, anche fotografiche, parlando di locomotive, di grattacieli staliniani (le famose ”Sette sorelle” di Mosca) e della celebre statua ‘L’Operaio e la Colcosiana’ (lui con il martello e lei con la falce): fu realizzata nel 1937 (anno clou delle Purghe) dalla scultrice Vera Mukhina e divenne una delle icone dell’arte sovietica e della glorificazione del lavoro socialista, nonché logo della Mosfilm, la storica casa cinematografica dei grandi registi dell’Urss. Poi ci saranno altre sorprese prima dei fuochi d’artificio finali, compreso un omaggio a tutte le discipline di queste Olimpiadi e un concerto dove spiccherà il duo pseudo lesbico Tatù con la canzone dal titolo emblematico: ”Non ci raggiungeranno”. Ma il ”quadro” più caro a Putin e al suo desiderio di autocelebrazione pare sia la ”rapida” troika evocata da Gogol nelle Anime Morte come metafora della Russia che vola ”irraggiungibile” in una terra ”che si distende su mezzo mondo” mentre ”le cedono il passo gli altri popoli e le altre nazioni”. (dell’inviato Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

14:03Champions: Juventus-Tottenham e Shakhtar-Roma

(ANSA) - NYON (SVIZZERA), 11 DIC - Il Tottenham è l'avversario della Juventus negli ottavi di finale di Champions League, la Roma se la dovrà vedere con lo Shakhtar Donetsk. I bianconeri giocheranno la partita d'andata in casa, i giallorossi in trasferta. Questo l'esito del sorteggio svoltosi a Nyon. Il quadro completo degli incontri: (andata 13-14 e 20-21 febbraio 2018, ritorno 6-7 e 13-14 marzo): Juventus-Tottenham; Basilea-Manchester City; Porto-Liverpool; Siviglia-Manchester United; Real Madrid-Paris Saint Germain; Shakhtar Donetsk-Roma; Chelsea-Barcellona;Bayern Monaco-Besiktas.

13:58Maltempo: Belgio, 1000km totali di code e voli deviati

(ANSA) - BRUXELLES, 11 DIC - Mille chilometri totali di code (se si sommano tutte le file del Paese), tunnel chiusi nella capitale, voli dirottati su altri aeroporti, molti treni interrotti e bus fermi: è la situazione del Belgio sotto la neve, dopo un giorno e mezzo di maltempo. "Situazione catastrofica" la definisce la tv belga, che riporta del traffico "saturo in entrambi i sensi" sull'anello che circonda Bruxelles. Inoltre, fuori dalla capitale, diversi incidenti con camion coinvolti hanno provocato interruzioni alla circolazione. Molte linee dei tram sono deviate, e l'aeroporto principale, Zaventem, ha deviato parte del traffico su Liegi in attesa di pulire la pista.

13:56Gerusalemme: Netanyahu, mi aspetto europei seguano Usa

(ANSA) - BRUXELLES, 11 DIC - "Anche se ancora non abbiamo un accordo, questo è quello che credo accadrà in futuro: la maggior parte dei Paesi europei sposteranno le loro ambasciate a Gerusalemme, riconoscendola come capitale di Israele, e si impegneranno con forza, con noi, per sicurezza, pace e prosperità". Così il premier israeliano Benjamin Netanyahu, a Bruxelles, per partecipare ad una colazione informale con i ministri degli esteri Ue.

13:54Parla suora, Papa Luciani morì sereno, fu decesso naturale

(ANSA) - VENEZIA, 11 DIC - Papa Giovanni Paolo I morì "disteso nel suo letto, sereno. Aveva gli occhiali sul naso e in mano tre fogli. La morte era stata fulminea". A raccontare le ultime ore di Papa Albino Luciani è suor Margherita Marin, originaria di Riese e attualmente in convento a Vittorio Veneto, unica superstite delle quattro suore di Maria Bambina che lo hanno assistito nei 34 giorni del suo pontificato. Per la prima volta suor Margherita ha raccontato in pubblico questa vicenda, affermando che per lei si è trattato di una morte naturale. La religiosa conferma che il Papa ebbe una fitta al petto la sera precedente la sua morte: "Lo confidò ai segretari. Ma non ci diede peso".

13:52Usa: California, in fiamme una zona più vasta di NY e Boston

(ANSA) - LOS ANGELES, 11 DIC - I violenti incendi che ormai da oltre una settimana divampano nel sud della California sono purtroppo, affermano i vigili del fuoco, destinati ad aumentare, alimentati da forti raffiche di vento, mancanza di pioggia e boschi secchi a causa di una perdurante siccità. Nuovi ordini di evacuazione sono stati emessi per abitazioni nei pressi delle città di Montecito e Carpinteria, nella contea di Santa Monica. Nelle contee di Los Angeles, San Diego e Riverside sono stati mandati rinforzi per cercare di contenere diversi fronti di fuoco, che vengono globalmente denominati Thomas Fire e che complessivamente coprono un'area, scrive la Cnn online, maggiore di New York City e Boston messe insieme. Si tratta di risorse mobilitate verso la zona di Santa Barbara, per combattere l'incendio che ormai copre circa 700 chilometri quadrati e che è iniziato il 4 dicembre nella vicina contea di Ventura. Secondo un conteggio aggiornato a ieri sera, le fiamme hanno finora distrutto 790 strutture e danneggiate altre 191.

13:51Maltempo: troppa neve, chiusi mercatini Natale Aosta

(ANSA) - AOSTA, 11 DIC - "A causa del maltempo" sono chiusi i mercatini di Natale di Aosta. La scritta su un foglio A4 fuori dall'area del Teatro romano getta nello sconforto tanti turisti arrivati per fare compere nel noto Marché Vert Noel, in grado di attirare migliaia di visitatori ogni anno, dall'Italia e dall'estero. La perturbazione che da ieri sta interessando la regione non dà tregua neanche ad Aosta, dove si registrano tra i 60 e i 70 centimetri di neve. "Stiamo facendo una pulizia straordinaria, penso che nel pomeriggio riapriremo", spiega, contattato dall'ANSA, il sindaco Fulvio Centoz.(ANSA).

13:50Gerusalemme: Usa, un peccato che Anp non veda Pence

(ANSAmed) - TEL AVIV, 11 DIC - "E' un peccato che l'Autorità nazionale palestinese prenda le distanze da una possibilità di discutere il futuro della regione". Così la Casa Bianca sul fatto che il presidente palestinese Abu Mazen, dopo la decisione Usa su Gerusalemme, non vedrà il 19 dicembre il vicepresidente Mike Pence. "Ma l'amministrazione Usa - ha detto la portavoce di Pence, citata dai media - resta determinata nei suoi sforzi di aiutare a raggiungere la pace tra israeliani e palestinesi e il nostro team di pace rimane al lavoro nel preparare un piano".

Archivio Ultima ora