Draghi: Niente deflazione, su nuove misure rinvio a marzo

Pubblicato il 06 febbraio 2014 da redazione

FRANCOFORTE. – Mario Draghi non cede alle pressioni dei mercati e prende tempo: non c’è “alcuna deflazione”, ogni decisione su nuovi interventi è rinviata a marzo. La Bce, spiega il presidente dopo la decisione di lasciare i tassi invariati presa dal consiglio direttivo di oggi, ha preso nota dell’inflazione in decisa frenata nell’Eurozona. Ma lo 0,7% registrato a gennaio, inferiore alle attese e decisamente lontano dall’obiettivo appena inferiore al 2%, è principalmente dovuto a fattori esterni quali i prezzi energetici e alimentari. Si prevede che i prezzi restino su questi livelli a lungo prima di riavvicinarsi all’obiettivo, ma non che scendano ancora. Certo “una bassa inflazione a questi livelli per un periodo lungo è un rischio in sé – spiega Draghi – rispetto al quale siamo attenti e pronti ad agire”. Ma al momento, la conclusione dei banchieri centrali riunitisi oggi all’Eurotower è che la deflazione, nonostante l’allarme che arriva dalla politica e da molti investitori e media finanziari che chiedono una massiccia operazione di acquisto di titoli sul mercato, non c’è. “Dobbiamo chiederci se c’è deflazione. La risposta è no”, scandisce Draghi con attenzione davanti ai giornalisti. La ripresa dà alcuni segnali positivi, anche se con rischi. Da una parte sale la fiducia dei consumatori, dall’altra la bassa domanda impedisce alle imprese di scaricare sui prezzi gli aumenti Iva in Francia e Italia. Restano le tensioni sui mercati monetari che tengono alto il tasso che le banche applicano sui prestiti fra loro causa scarsa fiducia sui bilanci di alcuni istituti. La Bce “monitora attentamente” ed è pronta ad “azioni decisive” se necessarie. Le difficoltà delle economie emergenti “potrebbero avere il potenziale per influenzare negativamente le condizioni economiche”. Ma la Bce preferisce restare alla finestra, dopo che anche la Banca d’Inghilterra, oggi, ha mantenuto i tassi fermi allo 0,5% senza variare l’entità degli acquisti di titoli. Quasi a voler giustificare quella che molti hanno percepito come una ‘inazione’, accolta con una volata dell’euro da 1,35 a 1,36 dollari nel giro di pochi minuti, Draghi spiega che “il motivo della decisione di non agire oggi ha a che fare con la complessità della situazione, e la necessità di acquisire più informazioni”. La strategia è quella di attendere le nuove stime su crescita e inflazione dell’Eurozona che gli economisti della Bce stanno ultimando e che saranno pronte a marzo, in tempo per il prossimo consiglio direttivo Bce, e che per la prima volta includeranno i dati sul 2016. Per quella data si conosceranno anche i dati sulla crescita del Pil nell’ultimo trimestre. Qualche osservatore è rimasto perplesso, specie quando il presidente della Bce ha spiegato la complessità del quadro congiunturale dell’Eurozona dicendo che “le cose potrebbero migliorare, rimanere come sono o peggiorare”. Ma è anche vero che l’arsenale convenzionale della Bce si sta facendo ristretto. Un taglio dei tassi, che qualcuno ipotizza di 10 o 15 punti base, avrebbe un valore quasi simbolico e rimuoverebbe un’arma d’emergenza da usare in caso di shock esterni inaspettati, come una vera crisi nei Paesi emergenti. Morgan Stanley e molti altri se lo aspettano comunque per il prossimo meeting di marzo. Altra misura allo studio sono uno stop alla sterilizzazione (fatta ritirando liquidità) degli oltre 175 miliardi di euro di moneta creata acquistando bond di Italia, Spagna, Portogallo e Irlanda fra il 2010 e il 2011; un nuovo maxi-prestito ‘Ltro’ alle banche; e infine il ‘quantitative easing’ da molti evocato. Draghi si è limitato a dire che che tutti gli strumenti consentiti dai trattati sono al vaglio, e che nessun impedisce di comprare titoli di Stato sul mercato secondario, nemmeno l’esistenza del programma ‘Omt’ lanciato nel 2012 e consentito a strette condizioni. (dell’inviato Domenico Conti/ANSA)

Ultima ora

23:28Calcio: decide Zaza, il Valencia piega la Real Sociedad

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Il Valencia è la quarta forza della Liga, dopo Barcellona, Atletico Madrid e Siviglia. La squadra allenata da Marcelino Garcìa Toral è andata a vincere 3-2 sul difficilissimo terreno dell'Anoeta, a San Sebastian, contro la Real Sociedad. A decidere il posticipo della 6/a giornata ci ha pensato ancora una volta Simone Zaza, che ha battuto Rulli al 40' st. Moreno per i 'pipistrelli' aveva aperto le danze, dopo 26', il pari dei padroni di casa è arrivato al 33' grazie a Elustondo; Vidal ha riportato avanti il Valencia al 10' st, 4' più tardi Oyarzabal aveva firmato il momentaneo 2-2. A rompere l'equilibrio nei Paesi Baschi ci ha pensato l'attaccante italiano, al quarto gol in due partite (dei cinque in totale in questa Liga). Adesso in classifica Valencia 12 punti, Siviglia a 13, Atletico Madrid 14 e Barcellona in vetta con 18. Il Real Madrid è a -7 dai catalani. (ANSA).

23:24Ira Trump contro atleti, inaccettabile

(ANSA) - NEW YORK, 24 SET - "Grande solidarietà per il nostro inno nazionale e per il nostro Paese. Stare in ginocchio è inaccettabile": così il presidente americano Donald Trump replica su Twitter all'ondata di proteste sui campi di football americano. "Patrioti coraggiosi hanno combattuto e sono morti per la nostra grande bandiera, dobbiamo onorarli e rispettarli" aggiunge Trump.

23:22Maria: Jennifer Lopez dona a Porto Rico 1 milione di dollari

(ANSA) - SAN JUAN, 24 SET - Jennifer Lopez ha annunciato di avere donato 1 milione di dollari ai portoricani per aiutarli dopo il passaggio dell'uragano Maria che ha devastato l'isola. La cantante e attrice, nata negli Usa, ma con origini portoricane, ha aggiunto di essersi impegnata insieme all'ex giocatore di baseball Alex Rodriguez, il cantante Marc Anthony alcuni musicisti latinoamericani e atleti e imprenditori a ottenere risorse e aiuti per l'isola caraibica. La popstar emozionata ha lanciato il suo appello oggi ad un evento organizzato a New York e ha parlato in spagnolo.

23:14Calcio: Serie A, Fiorentina-Atalanta 1-1

(ANSA) - ROMA, 24 SET - La Fiorentina pareggia 1-1 con l'Atalanta di Gian Piero Gasperini, nell'ultimo posticipo della sesta giornata del campionato di calcio di Serie A. I viola erano passati in vantaggio dopo 12' con Chiesa, ma sono stati raggiunti in pieno recupero da una bordata di Freuler. I bergamaschi avrebbero potuto vincere se il 'Papu' Gomez non si fosse fatto neutralizzare un rigore al 17' st da Sportiello.

22:01Meloni, sono in campo per la leadership del centrodestra

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Io sono in campo per la leadership del centrodestra e quindi in Italia, del resto se è in campo di Maio possiamo agevolmente competere anche noi. Ci dicano qual è lo strumento, compatibilmente con la legge elettorale, se sono le primarie o le preferenze. Io voglio un metodo con cui potermi misurare e ognuno di noi chiederà agli italiani quale sia la proposta piu' credibile". Lo afferma Giorgia Meloni, leader di Fdi a margine dell'ultima giornata della festa di Atreju

22:00M5S: Fico, il candidato premier non è il capo del Movimento

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Oggi il candidato premier è il capo della forza politica, ovvero è riferito alla legge elettorale e non è capo della vita politica generale del movimento. Questa è una grande distinzione". Lo ha detto il deputato M5S Roberto Fico, parlando con alle telecamere della Rai che lo attendevano davanti al suo albergo.

21:59Casaleggio, aiutiamo Di Maio, M5s sia squadra volontari

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "In bocca al lupo a Di Maio. Lo dovremo aiutare tutti assieme perche' dobbiamo essere una squadra di volontari ignoti". Lo afferma Davide Casaleggio dal palco di Italia 5 Stelle. "Dobbiamo aiutare il M5S a cambiare l'Italia senza cercare qualcosa subito ma per cercare di cambiare questa nazione", prosegue Casaleggio ribadendo come su Rousseau saranno fatte le scelte piu' importanti per "creare una smart nation, una nazione intelligente"

Archivio Ultima ora