Draghi: Niente deflazione, su nuove misure rinvio a marzo

Pubblicato il 06 febbraio 2014 da redazione

FRANCOFORTE. – Mario Draghi non cede alle pressioni dei mercati e prende tempo: non c’è “alcuna deflazione”, ogni decisione su nuovi interventi è rinviata a marzo. La Bce, spiega il presidente dopo la decisione di lasciare i tassi invariati presa dal consiglio direttivo di oggi, ha preso nota dell’inflazione in decisa frenata nell’Eurozona. Ma lo 0,7% registrato a gennaio, inferiore alle attese e decisamente lontano dall’obiettivo appena inferiore al 2%, è principalmente dovuto a fattori esterni quali i prezzi energetici e alimentari. Si prevede che i prezzi restino su questi livelli a lungo prima di riavvicinarsi all’obiettivo, ma non che scendano ancora. Certo “una bassa inflazione a questi livelli per un periodo lungo è un rischio in sé – spiega Draghi – rispetto al quale siamo attenti e pronti ad agire”. Ma al momento, la conclusione dei banchieri centrali riunitisi oggi all’Eurotower è che la deflazione, nonostante l’allarme che arriva dalla politica e da molti investitori e media finanziari che chiedono una massiccia operazione di acquisto di titoli sul mercato, non c’è. “Dobbiamo chiederci se c’è deflazione. La risposta è no”, scandisce Draghi con attenzione davanti ai giornalisti. La ripresa dà alcuni segnali positivi, anche se con rischi. Da una parte sale la fiducia dei consumatori, dall’altra la bassa domanda impedisce alle imprese di scaricare sui prezzi gli aumenti Iva in Francia e Italia. Restano le tensioni sui mercati monetari che tengono alto il tasso che le banche applicano sui prestiti fra loro causa scarsa fiducia sui bilanci di alcuni istituti. La Bce “monitora attentamente” ed è pronta ad “azioni decisive” se necessarie. Le difficoltà delle economie emergenti “potrebbero avere il potenziale per influenzare negativamente le condizioni economiche”. Ma la Bce preferisce restare alla finestra, dopo che anche la Banca d’Inghilterra, oggi, ha mantenuto i tassi fermi allo 0,5% senza variare l’entità degli acquisti di titoli. Quasi a voler giustificare quella che molti hanno percepito come una ‘inazione’, accolta con una volata dell’euro da 1,35 a 1,36 dollari nel giro di pochi minuti, Draghi spiega che “il motivo della decisione di non agire oggi ha a che fare con la complessità della situazione, e la necessità di acquisire più informazioni”. La strategia è quella di attendere le nuove stime su crescita e inflazione dell’Eurozona che gli economisti della Bce stanno ultimando e che saranno pronte a marzo, in tempo per il prossimo consiglio direttivo Bce, e che per la prima volta includeranno i dati sul 2016. Per quella data si conosceranno anche i dati sulla crescita del Pil nell’ultimo trimestre. Qualche osservatore è rimasto perplesso, specie quando il presidente della Bce ha spiegato la complessità del quadro congiunturale dell’Eurozona dicendo che “le cose potrebbero migliorare, rimanere come sono o peggiorare”. Ma è anche vero che l’arsenale convenzionale della Bce si sta facendo ristretto. Un taglio dei tassi, che qualcuno ipotizza di 10 o 15 punti base, avrebbe un valore quasi simbolico e rimuoverebbe un’arma d’emergenza da usare in caso di shock esterni inaspettati, come una vera crisi nei Paesi emergenti. Morgan Stanley e molti altri se lo aspettano comunque per il prossimo meeting di marzo. Altra misura allo studio sono uno stop alla sterilizzazione (fatta ritirando liquidità) degli oltre 175 miliardi di euro di moneta creata acquistando bond di Italia, Spagna, Portogallo e Irlanda fra il 2010 e il 2011; un nuovo maxi-prestito ‘Ltro’ alle banche; e infine il ‘quantitative easing’ da molti evocato. Draghi si è limitato a dire che che tutti gli strumenti consentiti dai trattati sono al vaglio, e che nessun impedisce di comprare titoli di Stato sul mercato secondario, nemmeno l’esistenza del programma ‘Omt’ lanciato nel 2012 e consentito a strette condizioni. (dell’inviato Domenico Conti/ANSA)

Ultima ora

17:29Pm chiede condanna Durnwalder a 2 anni e 6 mesi

(ANSA) - BOLZANO, 29 MAG - Il pm bolzanino Donatella Marchesini ha chiesto una condanna a 2 anni e 6 mesi nel processo d'appello per la gestione dei fondi riservati che vede imputato per peculato l'ex governatore altoatesino Luis Durnwalder. La difesa chiede invece la conferma dell'assoluzione di primo grado. La sentenza dovrebbe essere emessa domani.

17:17Terremoto: web radio gemellate, sabato l’open day

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Open day, sabato prossimo 3 giugno, delle due web radio studentesche gemellate per il terremoto: Radio Battaglia di Norcia e Radio Rossellini di Roma. La mattinata, dalle 9.30 alle 13, sarà appunto dedicata all'open day, con gli studenti delle scuole superiori dell'Istituto omnicomprensivo De Gasperi-Battaglia di Norcia che, a scaglioni, assisteranno a dimostrazioni della durata di 20-30 minuti. Le demo verranno trasmesse in diretta su www.radiorossellini.it, www.norciaradiobattaglia.it e su Facebook. Nel pomeriggio, dalle 15.30, quattro ore di diretta durante le quali, con vari ospiti, saranno affrontati numerosi argomenti, in gran parte incentrati sul terremoto: il punto di situazione sul patrimonio storico artistico, sull'economia, sul turismo, sulla ricostruzione. Ma ci sarà spazio anche per parlare di alcuni film girati a Norcia e in Valnerina, del teatro, della presenza dei monaci benedettini. I redattori effettueranno interviste in strada e non mancheranno improvvisazioni teatrali e musicali.

17:17Calcio: Napoli, la promessa di Koulibaly

(ANSA) - NAPOLI, 29 MAG - "Una stagione straordinaria che finisce col terzo posto! Ci dispiace, però abbiamo vissuto un magnifico anno con tanti record e un calcio bellissimo. Sono orgoglioso di far parte di questa famiglia! Grazie a tutti per il sostegno! Saremo ancora più forti la prossima stagione! Forza Napoli sempre". Lo scrive in un post su Instagram Kalidou Koulibaly. Il difensore azzurro si unirà in questi giorni alla nazionale del Senegal, ma ha voluto mandare un messaggio anche per fugare le voci su un suo possibile addio al Napoli nel corso del calciomercato. Koulibaly, che di recente ha rinnovato il suo contratto con il Napoli fino al 2021, era stato già lo scorso anno al centro delle attenzioni di diversi club europei.

17:17Morta bruciata: 30 anni di carcere a ex della vittima

(ANSA) - LUCCA, 29 MAG - E' stato condannato a 30 anni di reclusione, con rito abbreviato, Pasquale Russo, 47 anni, che il 2 agosto a Lucca scorso cosparse di benzina, appiccando poi fuoco, Vania Vannucchi, 46 anni, la sua ex, morta poi in ospedale per le gravissime ustioni. La sentenza è stata emessa oggi dal gup di Lucca Antonia Aracri. Il pubblico ministero Piero Capizzoto aveva chiesto che fosse condannato all'ergastolo: non e' escluso che la procura non intenda ricorrere in appello. Russo, che venne arrestato poco dopo l'aggressione, non ha partecipato all'udienza, rimanendo nella sua cella al carcere di Prato.

17:13Sci: Cdm, stilato calendario 2017-2018

(ANSA) - BOLZANO, 29 MAG - La Federazione internazionale di sci (Fis) ha definito il calendario della stagione 2017/18 di Coppa del mondo di sci alpino. Il via il 28-29 ottobre a Soelden (Austria) con la pausa per le Olimpiadi 2018 in Corea del Sud programmata dal 9 al 25 febbraio. l'Italia ospiterà dieci prove, sette maschili e tre femminili. Trentanove le gare complessivamente in programma per la coppa maschile, Il calendario femminile prevede 40 gare. Le finali ad Are, in Svezia, dal 14 al 18 marzo.

17:08Russia: violenta tempesta a Mosca, almeno 7 morti

(ANSA) - MOSCA, 29 MAG - Una violenta tempesta si è abbattuta nel pomeriggio sulla capitale russa causando la morte di almeno sette persone. Lo riporta la Tass. Stando a una fonte del pronto intervento, 69 persone sono invece rimaste ferite. I decessi sono stati causati in maggior parte dalla caduta di alberi anche se, nel sud di Mosca, un uomo è morto dopo che il vento ha divelto la struttura di una fermata di autobus.

17:06Manovra: Bolognesi, terroristi portano più voti di vittime

(ANSA) - BOLOGNA, 29 MAG - "Si vede che le vittime del terrorismo portano dei voti, ma i terroristi ne portano di più". E' la constatazione che fa Paolo Bolognesi, deputato indipendente eletto col Pd e presidente dell'associazione dei familiari delle vittime della Strage di Bologna, di fronte al mancato inserimento nella manovra correttiva fatto delle soluzioni dei residuali problemi applicativi della legge 206 sui risarcimenti alle vittime di terrorismo e stragi. "Se ci sarà la fiducia, io non la voterò", ha detto. "E' una presa in giro infinita", ha spiegato Bolognesi a Radio Città del Capo, aggiungendo che "adesso c'è il ministro della Giustizia che si è messo a fare discorsi sulla giustizia riparativa, che è un modo surrettizio per chiudere gli anni di piombo, senza che i terroristi dicano la verità. Pensate al grado di fiducia che possiamo avere verso un governo che si comporta in questo modo". Così, "abbiamo deciso che quest'anno, il 2 agosto, chiunque venga a Bologna del Governo per noi sarà una persona sgradita". (ANSA).

Archivio Ultima ora