Sochi: prima protesta atleta russo, Pussy Riot ok

Pubblicato il 06 febbraio 2014 da redazione

SOCHI (RUSSIA). – Le Pussy Riot sono a New York, per denunciare il regime oppressivo di Putin insieme a Madonna. Ma la loro ombra arriva sino ai Giochi di Sochi, sulle montagne di Rosa Khutor, dove uno snowboardista russo le ha omaggiate riproducendo sulla sua tavola una di loro con l’ormai celebre passamontagna colorato, la balaclava, mentre brandisce un coltello. Un’immagine che ha fatto subito il giro del mondo, sotto la voce ”prima protesta” alle Olimpiadi di Putin. Protagonista del gesto, la cui portata forse va anche oltre le sue intenzioni, é Alexiei Sobolev, primo atleta russo a competere nei Giochi e unico rappresentante del suo Paese nello snowslope, specialitá al debutto in queste Olimpiadi. Prima della gara aveva attirato l’attenzione per aver messo il proprio numero di telefonino sul casco per farsi telefonare dai fan e ”rompere la noia del villaggio olimpico”. ”Spero lo facciano anche un paio di mie colleghe molto carine, di cui prenderei volentieri il numero”, aveva scherzato. Ma in pista lo sguardo dei giornalisti é caduto sulla sua tavola da snowboard, con quel disegno che richiama subito una Pussy Riot. Un omaggio alla coppia di attiviste condannate a due anni per aver cantato una preghiera anti Putin nella cattedrale ortodossa di Mosca, e poi olimpicamente amnistiate alla vigilia dei Giochi? ”Tutto é possibile”, ha risposto Sobolev. ”Ma non sono io il designer, il disegno della tavola mi piace ma non è un’idea mia, me l’ha data lo sponsor”, si é schermito il giovane atleta contattato dall’Ansa, facendo sospettare anche un colpo pubblicitario per sfruttare un’immagine ormai trendy. Anche se poi di fatto il sostegno alle cantanti ribelli è arrivato. ”Non mi occupo di politica, quindi non posso dire se la pena é stata troppo dura”, premette. Ma ammette che l’associazione del disegno della sua tavola con le Pussy Riot ”è immediata”. E non si sottrae alla domanda sulla punk band femminile diventata una icona della contestazione al potere, pur chiedendo ”un minuto di tempo per riflettere” sulle emozioni che gli suscita. ”Sono ragazze originali. La loro protesta in qualche modo ha qualcosa di positivo. Esprimendosi hanno portato all’attenzione qualcosa”. Il loro, aggiunge, ”è più un gioco politico”. Poi esita ancora: ”non voglio parlare della politica russa, se sia giusta o no la reazione del potere”. Ma da atleta amante del rischio e della spericolatezza, ne sembra attratto: ”loro sono radicali, e in questo c’è qualcosa di positivo, hanno seguito la loro strada fino in fondo, in modo originale”. Incalzato sulla legge che vieta la propaganda gay tra minori, sembra cadere dalle nuvole: ”non ne sapevo nulla, questo dimostra il mio atteggiamento neutrale per questi problemi. Ripeto: sono un atleta, non un politico”. Ma l’immagine della Pussy Riot sulla sua tavola é giá l’icona della prima protesta di questi Giochi, nonostante il divieto di qualsiasi forma di ”propaganda” della carta olimpica. Ora si vedrá se rischia qualche sanzione.

Ultima ora

21:39Gerusalemme:Casa Bianca, Trump resta impegnato su pace

(ANSA) - WASHINGTON, 13 DIC - Trump "resta impegnato per la pace come sempre": lo ha ribadito la Casa Bianca dopo l'annuncio dei palestinesi che non riconosceranno più il ruolo degli Usa nel processo di pace con Israele. Una fonte dell'amministrazione ha osservato che "questa retorica ha impedito la pace per anni". La Casa Bianca, ha aggiunto, continuerà a lavorare duro "per elaborare il suo piano, di cui beneficeranno sia il popolo israeliano sia quello palestinese". Un piano che sarà svelato "quando sarà pronto e il momento sarà giusto".

21:38Gerusalemme: Iron Dome intercetta 2 razzi da Gaza

(ANSAmed) - TEL AVIV, 13 DIC - Il sistema antimissili Iron Dome ha intercettato "con successo" due razzi lanciati dalla Striscia di Gaza verso Israele. Lo ha riferito il portavoce militare israeliano.

21:34Tribunale, Inps eroghi premio nascita a tutte le madri

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Ha "carattere discriminatorio" la condotta dell'Inps "consistente nell'aver introdotto requisiti non previsti dalla legge del 2016 per poter beneficiare del cosiddetto 'premio alla nascita'" come il permesso di soggiorno di lungo periodo. Il premio va quindi esteso "a tutte le future madri" straniere "regolarmente presenti in Italia che ne facciano domanda". Lo ha deciso il giudice del Tribunale civile di Milano accogliendo il ricorso di APN - Avvocati per niente Onlus, A.S.G.I. Associazioni Studi Giuridici sull'Immigrazione e Fondazione Guido Piccini per i Diritti dell'Uomo Onlus.

21:27Calcio: Mondiale club,2-1 all’Al Jazira e R.Madrid in finale

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Real Madrid vince 2-1 contro i padroni di casa dell'Al Jazira di Abu Dhabi e stacca il biglietto per la finale del Mondiale per club di sabato, dove affronterà i brasiliani del Gremio Porto Alegre, campioni in carica del Sudamerica.

21:23Gerusalemme: sirene di allarme nel sud di Israele

(ANSAmed) - TEL AVIV, 13 DIC - Le sirene di allarme anti missili sono risuonate poco fa nel sud di Israele, nella zona della cittadina di Sderot non lontano dalla Striscia. Lo conferma l'esercito, citato dai media. Secondo questi ultimi ci sarebbe stato almeno un razzo dalla Striscia intercettato dall'Iron Dome.

21:15‘Boicotta Espresso’, ma blitz Forza Nuova fallisce a Torino

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - Avevano in programma un'azione dimostrativa sotto la redazione torinese del quotidiano La Repubblica, simile a quella effettuata a Roma lo scorso 6 dicembre, i militanti di Forza Nuova che ieri sono stati fermati dalla polizia a Torino. Gli investigatori della Digos hanno intercettato il corteo, non autorizzato, prima che arrivasse in via Lugaro, sede del giornale, e i manifestanti si sono allontanati. Secondo quanto appreso, l'intenzione di Forza Nuova era quella di appendere uno striscione con la scritta 'Boicotta il Gruppo Espresso'. (ANSA).

21:12Calcio: 3-2 alla Sampdoria, Fiorentina ai quarti

(ANSA) - FIRENZE, 13 DIC - La Fiorentina ha battuto 3-2 la Sampdoria negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti affronterà la vincitrice di Lazio-Cittadella, in programma domani sera allo stadio Olimpico di Roma. Viola in vantaggio già al 2' grazie a Babacar. Il pareggio ligure lo firma Barreto a cinque minuti dall'intervallo. Nella ripresa l'arbitro Rosario Abisso, di Palermo, diventa protagonista fischiando tre rigori, due con l'ausilio della Var. Il primo lo trasforma Veretout, il secondo - quello del 2-2 - è opera di Ramirez al 32'. Al 90' ancora Veretout sul dischetto. Il francese non sbaglia battendo Puggioni con grande freddezza. Per la Samp anche un clamoroso palo colpito da Caprari su punizione.

Archivio Ultima ora