Con Senato “dei sindaci” Renzi lancia sprint riforme

ROMA. – Un Senato ‘dei sindaci’, con la presenza di presidenti di Regione ed esponenti della società civile. Senza stipendio, senza potere di sfiduciare il governo e con una produzione normativa ridotta “al minimo”. Matteo Renzi delinea il suo progetto di riforma del Senato e apre la discussione sulle modifiche alla Costituzione che dal 15 febbraio procederanno in Parlamento in parallelo con la legge elettorale. Una “grande opportunità”, concorda Enrico Letta, se si terranno “i tempi giusti” e cioè si andrà “di corsa”. E’ la vigilia di quella che il premier non esita a definire una settimana “decisiva”. Da martedì in Aula alla Camera si voterà l’Italicum: su ogni singolo emendamento potrà esserci il voto segreto. E il passaggio sarà cruciale non solo per il percorso delle riforme, ma per la vita stessa del governo. Lunedì sera Renzi riunirà l’assemblea dei deputati dem per decidere quali emendamenti portare avanti. Le pressioni per modifiche ulteriori rispetto a quelle incluse nell’accordo con Berlusconi sono forti. Ma quell’intesa per il segretario Pd resta ferma, perché “le regole si scrivono insieme” ed è “un valore” che FI sia tornato al tavolo delle riforme della Carta. Dunque, come da intesa con il Cavaliere e con Alfano, Renzi conferma che “dopo il 15 febbraio”, acquisito il via libera in prima lettura alla legge elettorale, al Senato partirà l’esame della riforma del bicameralismo e alla Camera verrà incardinato il ddl per la modifica del titolo V della Costituzione. “Una poderosa iniziativa costituzionale”, sottolinea il segretario del Pd. E il premier concorda: il Pd deve andare alle europee l’Italicum “approvato e un primo passaggio delle riforme”. E’ per impedire che l’obiettivo venga raggiunto, sostengono all’unisono Renzi e Letta, che il M5S ha lanciato la sua “escalation” alla Camera: “Gli manca la terra sotto i piedi”. Le riforme, dunque. E’ solo uno schema, per ora. Che sarà definito anche attraverso incontri del segretario con i presidenti di Regione del centrosinistra e con i senatori dem, mercoledì prossimo. Ma sullo schema c’è già, assicura Renzi, “il consenso degli altri partiti”. Il primo capitolo è la riforma del bicameralismo perfetto. Via il Senato, con riduzione dei costi e del numero dei parlamentari da 945 a 630 (i soli deputati): nascerà una Camera delle autonomie che non darà la fiducia al governo e avrà componenti non elettivi e non stipendiati. Questa ossatura per Renzi non è negoziabile: si potrà invece discutere per definire i dettagli. Il segretario immagina infatti per il nuovo Senato 150 membri, tra cui 108 sindaci di comuni capoluogo, 21 presidenti di Regione e 21 esponenti della società civile. Un organo, insomma, “incentrato più sui sindaci”. Ma è disposto a discuterne. Così come sulle competenze: lui immagina un “luogo di rappresentanza”, che partecipi all’elezione del presidente della Repubblica ma non voti il bilancio e abbia una produzione normativa “ridotta al minimo”. Ma sa che nello stesso Pd le perplessità sono tante: il capogruppo “Zanda mi ha invitato a calma e cautela”, svela. E anche il Nuovo centrodestra di Alfano con il ministro Gaetano Quagliariello avverte: “Tutta questa volontà di avere una camera di nominati mi lascia perplesso”. Quanto alla riforma del titolo V che regola le competenze tra Stato ed enti locali (“Un errore grande della sinistra”, ammette Letta), Renzi si rifà alla bozza dei ‘saggi’ consultati dal governo e chiede di abolire la legislazione concorrente, oltre ad affidare allo Stato alcuni temi come l’energia e il turismo. E propone di affiancare a questa riforma anche il tema, sia pur “demagogico”, dello “status dei consiglieri regionali”. Per ridare credibilità alle Regioni, propone, non potranno avere stipendi più alti di quelli dei sindaci. (Serenella Mattera/ANSA)