Dieci anni fa giù ultimo muro cortina di ferro, a Gorizia

Pubblicato il 11 febbraio 2014 da redazione

GORIZIA. – Oggi alle 10:36 saranno dieci anni da quando cadde l’ultimo muro in Europa, quello che separava Gorizia da Nova Gorica (Jugoslavia prima e Slovenia poi). In realtà, quello che le chiavi inglesi dei sindaci delle due città, rispettivamente Vittorio Brancati e Mirko Brulc, smontarono era una rete, anche se il valore simbolico (e non solo) è sempre stato quello di un muro invalicabile. Una rete che guerra prima e trattati di pace dopo avevano innalzato nella piazza della Transalpina dove è rimasta per oltre cinquant’anni. Su quella rete passava la linea della “cortina di ferro”: Est e Cccp di là, Ovest e Nato di qua. La rete sopravvisse perfino al più simbolico dei muri, Berlino, caduto nel 1989, per essere smantellata, appunto, solo nel 2004, due mesi e mezzo prima dell’ingresso della Slovenia nell’Ue, tre mesi prima della adesione di questa al trattato di Schengen. Domani a incontrarsi nella piazza saranno i successori di Brancati e Brulc, i sindaci Ettore Romoli e Matej Arcon, che ricorderanno come il 12 febbraio 2004, alle 10.36, fu rimosso il primo quadrato del reticolato che dal 1947 divideva la piazza della stazione ferroviaria a nord di Gorizia. Piazza diventata negli anni uno dei simboli della Nuova Europa. “Finora non si può dire che l’ingresso della Slovenia abbia comportato benefici all’economia goriziana – sottolinea Romoli all’ANSA -. Anzi, è vero il contrario: il passaggio, indubbiamente epocale, non era stato preparato a dovere dalle istituzioni, con il risultato che è completamente andata perdendosi l’economia di frontiera, non ottenendo per contro benefici diretti dall’apertura a est dell’Europa”. Il Gruppo europeo di cooperazione territoriale (Gect), riconosciuto dall’Ue e formato dai comuni di Gorizia, Nova Gorica e Sempeter-Vrtoiba “dovrà attuare la politica economica comune capace di diventare motore di sviluppo per l’area”, dice Romoli. Per Matej Arcon, interpellato dall’ANSA, “dieci anni fa Nova Gorica e Gorizia hanno superato l’Europa, tracciando i primi passi verso una nuova era in cui il confine fisico non sarebbe più esistito. Oggi stiamo lavorando all’unione delle due città, con le nostre azioni cerchiamo di migliorare la vita degli abitanti delle due comunità”. Romoli e Arcon smantelleranno domani una parte della rete che ancora sorge a ridosso dell’ex valico confinario di Sant’Andrea. (di Christian Seu/ANSA)

Ultima ora

15:16Assad, 400 mld dollari di danni materiali dalla guerra

(ANSA) - MOSCA, 18 DIC - I danni materiali del conflitto in Siria ammontano a circa 400 miliardi di dollari: è la stima fatta dal controverso presidente siriano Bashar al Assad e riportata oggi dal vice premier russo Dmitri Rogozin. "Secondo le stime del presidente siriano - ha detto Rogozin - i danni provocati da questa aggressione contro la Siria ammontano a circa 400 miliardi di dollari".

15:16Calcio: Torino, Ansaldi operato a Monaco,intervento riuscito

(ANSA) - TORINO, 18 DIC - E' "perfettamente riuscito" l'intervento di sports Hernia, l'ernia dello sportivo, a cui è stato sottoposto Cristian Ansaldi. Il difensore del Torino, che ha anticipato l'intervento già previsto per giugno approfittando dalla lesione muscolare alla lesione destra che comunque l'avrebbe tenuto fuori fino al 2018, è stato operato dalla professoressa Ulrike Mushawech alla Atos Klinik di Monaco di Baviera. Era presente anche il responsabile sanitari del club granata, Rodolfo Tavana. Nei prossimi giorni, informa il club, Ansaldi verrà dimesso e tornerà a Torino dove lavorerà con lo staff medico granata per riprendere l'attività sportiva. I tempi per il recupero all'attività agonistica non sono stati resi noti.

15:15Calcio: Udinese, Oddo “a Napoli per passare il turno”

(ANSA) - UDINE, 18 DIC - "Non sottovalutiamo l'impegno di Coppa, andiamo a Napoli per vincere, per passare il turno. Se poi saranno più bravi di noi...". Il proclama arriva dal tecnico dell'Udinese Massimo Oddo, nella conferenza stampa della vigilia in vista della gara degli ottavi di coppa Italia a Napoli, che riporta i bianconeri di fronte alla capolista, dopo il successo di sabato con l'Inter. Una gara preparata "questa mattina", con un occhio al prossimo impegno di campionato sabato con l'Hellas Verona che porterà un inevitabile turnover: "Ci sono due partite in una settimana, quindi è normale provare a gestirle, con i pro e i contro, a prescindere contro chi giochi. Qualcuno ha bisogno a livello fisico di recuperare, chi va in campo va a cogliere una opportunità importante", ha aggiunto annunciando che in porta giocherà Scuffet e con gli uomini contati in difesa ne confermerà "due su tre".

15:13Romania: migliaia in piazza contro riforma giustizia

(ANSAmed) - BELGRADO, 18 DIC - In Romania migliaia di persone hanno nuovamente manifestato ieri sera in varie città del Paese contro la riforma del sistema giudiziario varata dal governo del premier socialdemocratico Mihai Tudose, accusata di minare lo stato di diritto e vanificare la lotta alla corruzione dilagante. Nella capitale Bucarest circa 5 mila persone hanno percorso in corteo il centro della città partendo dalla sede del governo e raggiungendo il parlamento, dove oggi è in programma una seduta dedicata all'esame della legge contestata. "Vogliamo giustizia, non corruzione", "Governo covo di ladri", hanno scandito i manifestanti che hanno sfidato il maltempo e il freddo intenso. Proteste popolari si sono registrare in diverse altre città quali Timisoara, Cluj, Brasov.

15:10Germania: parenti vittime Amri da Merkel, assenti Di Lorenzo

(ANSA) - BERLINO, 18 DIC - I parenti delle vittime dell'attentato del mercatino di Natale di Berlino incontrano stamattina la cancelliera Angela Merkel, a un anno dalla tragedia che li ha colpiti. Non ci saranno, però, i parenti di Fabrizia Di Lorenzo, che non verranno nella capitale tedesca neppure domani per la commemorazione ufficiale, nella data del primo anniversario. I Di Lorenzo, come i familiari delle altre 11 vittime di Anis Amri, il tunisino che travolse la folla nella Breitscheidplatz con un camion, hanno firmato una lettera aperta alla Merkel, criticando la gestione complessiva dell'accaduto e rimproverandole, fra l'altro, di non aver porto loro le condoglianze personalmente, in un anno. La settimana scorsa, il delegato per i familiari delle vittime Kurt Beck ha reso pubblico un rapporto in cui con le denunce dei parenti delle vittime sulle tante mancanze del sistema, si faceva autocritica.

15:05Di Maio, se si farà referendum sull’Euro voto per l’uscita

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Se si dovesse arrivare al referendum, che però io considero una 'extrema ratio', è chiaro che io voterei per l'uscita, perché significherebbe che l'Europa non ci ha ascoltato. Ma io vedo oggi una opportunità dall'Europa". Lo ha detto a L'aria che tira, su La7, il candidato premier di M5s Luigi Di Maio, rispondendo alla domanda su come voterebbe in caso di referendum per l'uscita dell'Italia dall'Euro.

14:59Sgombero Labas: chiesto rinvio a giudizio per undici persone

(ANSA) - BOLOGNA, 18 DIC - Rinvio a giudizio per undici persone in seguito agli scontri con le forze dell'ordine per lo sgombero, lo scorso 8 agosto, del centro sociale Labas dall'edificio dell'ex caserma Masini, in via Orfeo: sono queste le richieste della procura della Repubblica di Bologna per i reati di resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali, getto pericoloso di cose e per il tentativo di non farsi identificare usando caschi, fazzoletti e occhiali da sole per nascondere il volto. Alcuni degli occupanti, dopo aver costruito barricate con cassonetti e balle di fieno, hanno lanciato "petardi, fumogeni, bombe carta e corpi contundenti" contro gli agenti, causando a sette di loro lesioni personali con prognosi tra i sei e i 64 giorni. A detta dei pm Antonello Gustapane e Antonella Scandellari, a dirigere le operazioni di protesta è stato Gianmarco De Pieri, noto attivista e co-presidente della lista 'Coalizione civica'. (ANSA).

Archivio Ultima ora