Brasile: 27 medici cubani abbandonano loro posti di lavoro

RIO DE JANEIRO. – Almeno cinque medici cubani hanno abbandonato nei giorni scorsi il programma brasiliano ‘Mais Medicos’ (Più Medici) che, sulla base di un accordo, prevedeva l’arrivo di migliaia di professionisti dell’isola caraibica per far fronte alla cronica carenza di camici bianchi, soprattutto nelle regioni più remote del gigante sudamericano. Dalla firma dei primi contratti, sono già 27 i medici della nazione castrista usciti dal progetto federale. Secondo il ministero della Salute brasiliano, in tutto se ne sono andati 90 medici, la maggioranza dei quali brasiliani. Alla base dell’abbandono da parte dei medici cubani ci sarebbe, in molti casi, l’insoddisfazione per i bassi stipendi: dei 4 mila dollari offerti all’Avana dal governo Dilma Rousseff, solo mille finirebbero nelle loro tasche. Brasilia starebbe intanto valutando la possibilità di concedere aumenti. 

Condividi: