Marò: Italia avverte che accusa terrorismo lede dignità

Pubblicato il 14 febbraio 2014 da redazione

ROMA. – L’Italia è pronta a giocare la carta dell’arbitrato internazionale sulla vicenda dei marò. Da calare dopo l’attesa decisione dell’Alta Corte indiana di martedì se, come si teme, anche in quell’occasione non si arriverà ad una svolta della vicenda. L’ipotesi, tornata alla ribalta dopo due anni di nulla di fatto, è “stata esplorata oggi (ieri, ndr)”, ha annunciato il ministro della Difesa Mario Mauro, appena rientrato da Delhi, nella riunione della task force sul caso dei due fucilieri. L’ultimo atto ‘operativo’ del governo di Enrico Letta che, prima di rassegnare le dimissioni al Colle, ha lasciato così sul tavolo del suo successore un asso da giocare, da valutare e mettere in campo soprattutto se martedì da Delhi dovesse arrivare la conferma all’uso della legge antiterrorismo. Mentre continua il pressing della diplomazia per fare fronte comune con la comunità internazionale, dall’Ue alla Nato passando seppur con qualche ‘intoppo’ all’Onu (l’Alto rappresentante della politica Europea Ashton ne parla con il segretario delle Nazioni Unite Ban Ki-moon), si prepara così la contromossa giuridica. E la task-force Letta-Mauro-Bonino-Cancellieri-De Mistura, passa il testimone alla prossima, ma assicurando che l’impegno sul caso “continuerà con determinazione fino alla soluzione della vicenda”, spiega il presidente del Consiglio uscente. Perché – è il messaggio ribadito in uno degli ultimi comunicati del suo governo – “l’accusa di terrorismo lede la dignità del Paese e avrebbe conseguenze negative nei rapporti con l’India”, così come in nella lotta contro la pirateria. Sul tavolo resta così l’ipotesi di un arbitrato internazionale ‘obbligatorio’, quello cioè cui si può ricorrere unilateralmente in caso di non accordo con la controparte interessata sulla richiesta di lodo. Da presentare in base alla convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare (Uniclos) che sottoporrebbe la questione ad un giudizio terzo, che potrebbe essere il tribunale internazionale per il diritto del mare di Amburgo o la Corte di Giustizia Internazionale dell’Aja. Una strada che piace a Fabrizio Cicchitto – “l’Onu accolga la richiesta” – a Giorgia Meloni di Fratelli d’Italia e al capogruppo dei Popolari Lorenzo Dellai, che la definisce un “percorso utile”. Mentre il ministro Mauro ha spiegato che sul caso è necessario “fare di tutto per fare chiarezza”. E la circostanza che l’incidente che ha coinvolto i militari sulla ‘Enrica Lexie’ sia avvenuto in acque internazionali “apre un contenzioso internazionale da gestire in un contesto internazionale”. Intanto dall’India continuano ad arrivare messaggi contraddittori. Mentre prima si ribadiva, tra i corridoi dei palazzi dei ministeri di Delhi, la possibilità dell’applicazione del ‘Sua Act’, l’ormai famosa legge antiterrorismo, seppur edulcorata (escludendo cioè l’applicazione della pena di morte), adesso stando ai media locali il clima sarebbe cambiato. E Delhi, scrive The Indian Express, starebbe studiando l’abbandono del Sua. In un’altalena di dichiarazioni, in cui si è inserito anche il viceprocuratore indiano. Assicurando che Delhi vuole un “processo equo e giusto, da chiudere il prima possibile per fare giustizia”. E che “né il governo né l’Alta Corte si lasceranno influenzare da pressioni interne” al Paese, ovvero di “quella gente del Kerala” la cui reazione rischia di aprire un fronte di ordine pubblico alla vigilia delle elezioni. (Marina Perna/ANSA)

Ultima ora

21:24Calcio:1-0 al Gremio, Real Madrid vince Mondiale club

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Il Real Madrid ha vinto il Mondiale per club battendo 1-0 (0-0) i brasiliani del Gremio nella finalissima giocata questa sera ad Abu Dhabi. Decisivo il gol di Cristiano Ronaldo su punizione all'8' della ripresa.

21:19Usa: Trump, con taglio tasse crescita fino al 6%

(ANSA) - WASHINGTON, 16 DIC - Donald Trump ha difeso oggi il testo della riforma fiscale concordata dai repubblicani respingendo le critiche che avvantaggerà più i ricchi che la middle class. La previsione del presidente è che l'economia Usa comincerà a volare dopo l'approvazione della legge, crescendo dall'attuale 3% al "4%, 5% e forse anche 6% alla fine".

21:11Leader estrema destra a Praga,no all’Ue in Europa del futuro

(ANSA) - PRAGA, 16 DIC - I leader dei partiti populisti dell'estrema destra europea, uniti oggi a Praga per discutere del futuro dell'Europa si sono impegnati a lavorare insieme per creare un nuovo modello di cooperazione continentale distante dal modello dell'Unione europea. Rivolgendosi ai partecipanti della conferenza Marine Le Pen, alla guida del Front National francese, ha definito l'Ue "una organizzazione disastrosa" che "sta uccidendo l'Europa". Geert Wilders, fondatore del partito anti-Islam olandese per la Libertà, ha proposto che l'Europa segua l'esempio del presidente Usa Donald Trump che ha imposto un bando sull'immigrazione da alcuni Paesi a maggioranza musulmana.

21:11Inaugurato primo Gufo Bar nel Bresciano, titolari minacciati

(ANSA) - BRESCIA, 16 DIC - E' stato inaugurato a Palazzolo sull'Oglio, nel Bresciano, il primo Gufo Bar in Italia, locale che espone gufi vivi. Dopo che i proprietari avevano ricevuto minacce, anche di morte, da gruppi di animalisti, all'apertura, avvenuta nel pomeriggio, non si sono registrate tensioni nonostante la presenza di un corteo animalista composto da una ventina di persone. Alla prima mancavano però proprio i gufi. "Abbiamo temuto tensioni e quindi la scelta è stata quella di non esporre gli animali" hanno detto i titolari del bar di Palazzolo sull'Oglio. "Non rinunciamo al nostro progetto, ma vogliamo comunque verificare bene cosa dica la legge sulla presenza di animali nei locali. I nostri gufi - hanno aggiunto - sono nati, cresciuti in cattività e regolarmente registrati. Agli animalisti che minacciano di entrare nel locale per liberare i gufi diciamo che, se liberati, gli animali morirebbero".

21:10Pd: Renzi al lavoro su liste, i migliori nei collegi

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Matteo Renzi ha avviato, a quanto si apprende, il lavoro per definire le candidature con un giro di contatti e telefonate anche con Andrea Orlando e Michele Emiliano. La strategia elettorale è di mettere i candidati più forti alla guida dei collegi, ad esempio Renzi a Firenze centro; il premier Paolo Gentiloni a Roma 1; Dario Franceschini a Ferrara e proporzionale in Basilicata; Andrea Orlando a La Spezia, prevedendo anche la candidatura nel proporzionale; Marco Minniti nel collegio a Reggio Calabria e nel proporzionale in Veneto. Per Orlando probabile collegio a La Spezia e proporzionale in Calabria. Per Del Rio collegio di Reggio Emilia o Bolzano e proporzionale in Sardegna. La strategia, spiegano fonti del Nazareno, è mettere in campo nei collegi i candidati migliori e radicalizzare lo scontro con il M5S come dimostrano le polemiche di questi giorni su 80 euro, Europa e pensioni.

20:36Scuola: ‘bottone rosso’e Carta diritti, novità alternanza

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Un "bottone rosso" (digitale) che gli studenti in alternanza scuola-lavoro potranno usare per segnalare eventuali criticità. Una Carta dei diritti e dei doveri per chi è impegnato in questa attività didattica "innovativa". E ancora, un osservatorio istituito al Ministero dell'istruzione con il compito di produrre ogni anno - il primo sarà a giugno 2018 - un report su quanto fatto. Si rafforza con gli Stati generali, oggi al Miur, e con l'introduzione di questi nuovi strumenti, l'alternanza scuola-lavoro che la legge 107 ha reso obbligatoria per gli studenti del triennio delle superiori. L'obiettivo, ha ribadito la ministra Valeria Fedeli, è offrire ai ragazzi, con il contributo di tutte le parti, "le garanzie per un sistema con più qualità, trasparenza e responsabilità". Un sistema che, secondo il sottosegretario Gabriele Toccafondi, ha ancora luci e ombre, ma che mira a far crescere e formare la persona. A puntare il dito sulle ombre sono stati l'Unione degli studenti e il Fronte della gioventù comunista.

20:35Droga: in autocisterna vino 700 chili cocaina e hashish

(ANSA) - TORINO, 16 DIC - Nell'autocisterna del vino erano nascosti 700 chili di cocaina e hashish. E' la scoperta fatta dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Torino, in collaborazione con i colleghi di Cagliari - dove è iniziata l'indagine - che hanno arrestato due italiani di 30 e di 32 anni. L'autocisterna è stata fermata all'interno di un capannone di Moncalieri, alle porte di Torino. Una volta travasato il vino rosso, dentro la cisterna sono saltate fuori delle casse metalliche con all'interno lo stupefacente. Il mezzo è stato sequestrato. Le indagini proseguono nel massimo riserbo per stabilire la provenienza della droga e identificare i complici dei due arrestati. (ANSA).

Archivio Ultima ora