Leopoldo Lopez convoca corteo per consegnarsi

CARACAS. – Leopoldo Lopez, leader del partito di opposizione Volontà Popolare ricercato dalla giustizia venezuelana, che lo accusa di aver organizzato la violenza di piazza che ha lasciato un bilancio di 3 morti e decine di feriti la settimana scorsa, ha annunciato che si consegnerà domani nella sede del ministero degli Interni, invitando i suoi supporter ad accompagnarlo in corteo, vestiti di bianco, come simbolo della sua volontà di pace. “Non ho nulla da temere, perché non ho commesso nessun delitto”, ha detto Lopez in un video pubblicato sulla sua pagina di Twitter, e ha aggiunto che “se esiste una qualche decisione per imprigionarmi illegalmente allora voglio presentarmi personalmente perché si ammetta questa persecuzione, questa decisione infame da parte dello Stato”. Dallo scorso mercoledì, quando una manifestazione studentesca davanti alla sede della Procura nazionale di Caracas è degenerata in scontri, il governo chavista accusa Lopez di essere il responsabile della violenza. Il presidente Nicolás Maduro, senza mai nominarlo, ha chiesto al leader oppositore di sottoporsi alla giustizia: “Consegnati, fascista, vigliacco, ti stiamo cercando”, ha tuonato l’erede di Hugo Chavez. Lopez ha detto che vuole consegnare al ministero degli Interni un dossier con “foto, video e altre prove” sugli episodi di violenza di piazza della settimana scorsa, per esigere “il disarmo dei gruppi paramilitari che sono stati i responsabili degli omicidi”.