Renzi vuole chiudere in settimana, tratta con Alfano

Pubblicato il 18 febbraio 2014 da redazione

ROMA. – C’è il No di Sel e della Lega e i Cinque Stelle spaccati sulla decisione di partecipare o meno agli incontri. C’è la ‘mezza’ apertura di Gal. E poi c’è il lungo chiarimento tra Matteo Renzi e Angelino Alfano. La ‘maratona-consultazioni’ del premier incaricato inizia che è metà mattina e si concluderà domani, con Berlusconi e il Pd. Ed è inframmezzata da un primo ‘fuori onda’: l’incontro tra il premier incaricato e l’esponente della minoranza del Pd, Gianni Cuperlo che chiede anticipazioni sul programma. Per ora, i ‘renziani’ professano ottimismo: tutto procede come deve. Giovedì ci sarà la stretta sulla squadra di governo e, assicura il braccio destro del premier incaricato, Graziano Delrio, il governo sarà pronto “entro la settimana”. Nichi Vendola ribadisce: Sel è “indisponibile a contribuire ad governo di larghe intese”. Matteo Salvini invece chiarisce: è andato a ‘sentire’ i programmi di Renzi ma resterà “dall’altra parte della barricata”. Il Nuovo Centrodestra, invece, tratta. Seguendo il suo filo conduttore: questo è un governo di coalizione; non un monocolore Pd. “E’ la stessa maggioranza che ha sostenuto Letta” sottolinea Angelino Alfano che tira un sospiro di sollievo dopo il No di Sel. “Il primo scoglio è superato” esulta, prima di mettere i suoi paletti: niente patrimoniale e niente giustizialisti alla Giustizia. Alfano chiede e incassa anche un confronto di maggioranza sui programmi, prima di dare il via alla fiducia. L’incontro si terrà domani e dovrebbe essere Graziano Delrio a rappresentare Renzi che ha acconsentito alla richiesta di Ncd, ma non parteciperà al ‘tavolo’ programmatico. Dopo il confronto di questa sera, sembra che si stiano facendo passi avanti. Un dato di fatto confermato anche dalle parole di Maurizio Lupi: “Si chiude sabato o domenica”. Un aiuto potrebbe arrivare a Renzi anche da Gal che non teme di andare divisa al voto di fiducia considerato che “all’interno” del partito c’è una certa “dialettica”. I Cinque Stelle invece attaccano: Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio non vogliono neppure incontrarlo Renzi. Sul blog lo descrivono come ‘Arlecchino servo di due padroni’, e cioè di De Benedetti e Berlusconi. Poi danno la linea sulle consultazioni: non si devono fare ma, visto che l’assemblea dei parlamentari è divisa in merito, saranno gli iscritti al Movimento a scegliere. Renzi, per ora, non li ha neppure inseriti nell’agenda degli incontri, in attesa che sciolgano la riserva. Dalla rete, tuttavia, sono molte le indicazioni a ‘replicare’ lo streaming inaugurato con Pierluigi Bersani. Se dovessero andare, in ogni caso, ad andare sarebbero i capigruppo con il vicepresidente della Camera, Luigi Di Maio. La delegazione di Centro Democratico è la prima ad incontrare il presidente del Consiglio incaricato nella sala del Cavaliere a Montecitorio. Ci sono Bruno Tabacci, Pino Pisicchio e Nello Formisano: “E’ l’ultima carta, gli auguriamo successo” dicono uscendo. Poi c’è la delegazione del Maie, gli italiani all’estero, guidati da Franco Bruno, l’ Api e poi ancora la Minoranza linguistica della Val d’Aosta che ha apprezzato il “decisionismo e l’ascolto” mostrato da Renzi. Verso le 11 è il turno di Riccardo Nencini e Marco Di Lello (Psi-Pli). Chiedono “un cronoprogramma e di conoscere con certezza la maggioranza che sosterrà il governo”. Renzi vede anche i Fratelli d’Italia che ribadiscono la loro contrarietà alla ‘staffetta’ ma promettono “un’opposizione responsabile”. Quando è il turno di Gal entrano Mario Ferrara e Antonio Scavone. Grandi Autonomie “ha al suo interno una certa dialettica, sarà sviluppata una volta letto il programma” preannunciano. La mattina si chiude poi con l’incontro di Renzi con i Popolari che dettano al premier incaricato “precise condizioni” per dire Sì e partecipare all’esecutivo: un’orizzonte di legislatura e una legge elettorale e riforme “per superare il bicameralismo”. La riserva non sarebbe quindi sciolta: i “gruppi parlamentari Per L’Italia si sono riservati di definire la propria posizione finale” dicono. Disponibilità ampia arriva invece da Sc: il segretario Stefania Giannini parla di “partecipazione convinta in prima linea, condividendo tutte le responsabilità”, anche di governo. “Non abbiamo chiesto poltrone ma il rafforzamento dell’autonomia e in questa ottica siamo disposti a assumerci più responsabilità” annuncia invece Karl Zeller alla guida della delegazione della Svp-Patt. La riforma del Titolo V, insomma, salverà le province autonome.  (Francesca Chiri/ANSA)

Ultima ora

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

Archivio Ultima ora