Caso Di Fabio, interviene la Farnesina

Pubblicato il 18 febbraio 2014 da redazione

CARACAS – La notizia pubblicata da La Voce Tv dell’arresto del giovane consigliere del Comune di Manaure nell’Isola di Margarita, l’italo-venezolano Giuseppe Di Fabio, ha avuto eco anche in Italia. In Abruzzo, regione di origine dei genitori di Di Fabio, dopo un primo comprensibile momento di smarrimento e sorpresa, non sono mancate le reazioni. C’era la speranza che tutto fosse frutto di uno spiacevole malinteso; poi, però, col passare dei giorni è subentrata la preoccupazione per il giovane ancora in carcere. E così il consigliere abruzzese e membro del Cram, Ricardo Chiavaroli, anch’egli nato in Venezuela, ha chiesto l’intervento del ministero degli Esteri, esortando la ministro Bonino ad intervenire “pur nella riservatezza diplomatica utile in casi simili”, e ha sollecitato si faccia tutto il possibile per la liberazione di Giuseppe Di Fabio.

– La diplomazia sta lavorando – ha confermato il consigliere Chiavaroli raggiunto telefonicamente dalla Voce -.In questi casi – ha sottolineato –, sono necessari anche un po’ di discrezione e pazienza. Ho fatto questo appello perché conosco la ministro Bonino e so quanto sia sensibile. L’importante è tenere alta l’attenzione. Ho parlato con lo staff della ministro che mi ha assicurato il massimo interesse.

Il consigliere ha spiegato che in Abruzzo c’è “grande attenzione e i giornali locali seguono il caso con preoccupazione”.

– La famiglia – ha proseguito – é in stretto contatto con la Farnesina, con il ministero degli Esteri. Il papà di Giuseppe è in Venezuela. Si sta lavorando tenendo conto delle sue origini italiane e, soprattutto cercando di dimostrare che Giuseppe Di Fabio, il giorno delle proteste, si trovava altrove.

Dal canto suo, il Primo Consigliere della nostra Ambasciata, Paolo Miraglia del Giudice, ha spiegato che del caso se ne sta occupando la console reggente, Jessica Cupellini. Comunque, ha informato che “è stata chiesta ufficialmente la visita consolare”

– Questo è quanto, per il momento – ha aggiunto -, ci è stato chiesto dai familiari. Siamo in attesa dell’autorizzazione. Una volta ottenuta, il nostro console onorario sarà l’incaricato di verificare lo stato di salute del connazionale. L’Ambasciata e il Consolato sono in contatto con i parenti.

Il Consigliere, dopo aver accennato al delicato momento che vive il Paese, ha detto che l’Ambasciata segue il caso con “opportuna sensibilità e prudenza”.

– In questo momento – ha proseguito -, la cosa più importante è assicurare l’assistenza consolare; visitare il connazionale; parlare con lui e ascoltare le sue esigenze. Questa è la via che stiamo seguendo.

In quanto alla doppia cittadinanza, ha spiegato che in questi casi “normalmente prevale quella del Paese in cui si risiede”.

– Questa è una delle ragioni che ci obbliga ad agire con prudenza – ha aggiunto -. Possiamo muoverci entro certi limiti, é un aspetto che rende il caso più complesso, a prescindere dalla militanza politica del connazionale. Certo, se fosse stato solo cittadino italiano avremmo avuto una maggior capacità d’intervento.

I genitori di Di Fabio sono originari di Corvara, in provincia di Pescara. Sul giovane pendono accuse pesanti: associazione a delinquere, istigazione alla violenza e resistenza al pubblico ufficiale. Sono tutte imputazioni vincolate alle proteste di un gruppo di venezolani di fronte all’Hotel Venetur di Margarita, dove, durante la Serie del Caribe, alloggiava la squadra cubana di base-ball.

Rosalia Di Fabio, residente in Italia, ha smentito che il fratello abbia partecipato alle proteste presso l’Hotel Venetur.

Sostiene che dal 30 gennaio al 2 febbraio Giuseppe Di Fabio si trovava a Cantaura, dove si realizzava la tradizionale “Feria de Toros Coleados”. E a sostegno di quanto afferma rimanda a un video, postato su Youtube, realizzato dalla televisione locale. Nel video, Giuseppe Di Fabio, mentre la ‘Feria’ è in pieno svolgimento, è intervistato da un giornalista locale.

Mauro Bafile

 

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora