Sochi: Settimo sigillo con bronzo in biathlon a squadre

Pubblicato il 19 febbraio 2014 da redazione

KRASNAYA POLIANA (RUSSIA). – ”Doro il peperoncino”, ”Karin la ragazza d’oro”, ”Dominik l’orsetto da gara” e ”Lukas la Ferrari”: è la staffetta mista del biathlon azzurro che stasera ha conquistato ai Giochi di Sochi uno storico bronzo nella gara d’esordio olimpica di questa specialità, che in Italia conta poche decine di atleti. La squadra italiana è arrivata dietro ai norvegesi (primi con 1.09.17) e ai cechi, due delle formazioni favorite. Ma soprattutto davanti ai nostri rivali più diretti, i tedeschi, staccati di 43 secondi nonostante un budget da 1 milione di euro che noi ci sogniamo: un duello e un numero che anche qui evocano subito la ‘partita del secolo’ Italia-Germania 4-3 a Città del Messico. Con in più l’ironia della geografia di una squadra tutta altoatesina (tutti di Brunico, tranne Karin Oberhofer che è di Bressanone) che parla con accento tedesco ma compete per l’Italia. E’ questo team, il più giovane in gara, età media 24,75 anni, a mettere il settimo sigillo sul medagliere italiano con il quinto bronzo di questi Giochi, quarta medaglia nella storia olimpica del biathlon italiano (e il secondo bronzo di squadra dopo la staffetta 4×7,5 km di Calgary), dove l’ultimo podio risale a 16 anni fa, con l’argento di Pieralberto Carrara a Nagano. Una gara perfetta, trainata dal turbo femminile, con Dorothea Wierer che parte in testa e chiude seconda il primo tratto di 6 km, Karin Oberhofer che dopo il sorpasso dei norvegesi difende la terza posizione con un vantaggio di 30 secondi davanti ai polacchi, e infine la coppia Dominik Windish-Lukas Hofer che incrementa il vantaggio sugli inseguitori tedeschi. ”No, non è merito di noi donne, ma di tutti, anche se noi donne spariamo normalmente molto meglio degli uomini”, scherza la piccola Dorothea, la più giovane del team (23 anni), quella che tutti i compagni indicano come ”il capitano”, anche se il team non ne ha uno. Ma è lei la più vivace, il ”peperoncino” di questo piatto forte del biathlon. ”E’ la medaglia più bella, una medaglia di tutta la squadra. Abbiamo tutti caratteri diversi ma andiamo d’accordo e ci divertiamo”, prosegue. ”Oggi abbiamo azzeccato la giornata, ci siamo concentrati e abbiamo dato il massimo”, aggiunge. ”La staffetta mista era la scelta migliore per far vedere come è cresciuta tutta la squadra italiana, sia maschile che femminile”, dice Lukas con i suoi occhi di ghiaccio. ”Oggi abbiamo dimostrato che non siamo ‘figli di un dio minore’, che non siamo inferiori ai tedeschi, lo abbiamo dimostrato anche in tutta la stagione”, sottolinea. ”La medaglia olimpica la sogniamo da ‘bocia’ (ragazzino, ndr), ma la medaglia di squadra è ancora più bella”, assicura. Anche nella singola dedica della medaglia emergono le affinità elettive, legate al mondo della famiglia e degli amici: Dorothea ”a quelli che hanno creduto veramente in me, pochi, pochi intimi”; Karin ”alla squadra, alla famiglia, agli amici”; Dominik ”alla mia famiglia, soprattutto ai miei genitori e a mio fratello Marco, un pezzo di medaglia è anche sua perché mi ha aiutato tanto in questi ultimi anni a migliorare”; Lukas, infine, ”alla famiglia e in particolare a mio papà che ho perso nel 2012, lui mi ha aiutato tanto sino alla fine”. ”Prima di stasera eravamo un po’ frustrati, non arrivava niente, l’aria cominciava a diventare pesante”, spiega il direttore agonistico Fabrizio Curtaz, soddisfatto dei progressi fatti dopo Vancouver ”grazie alla fiducia di Coni e Fisi” e convinto che ci siano ancora margini di miglioramento, soprattutto nel settore femminile. “Non dico che ce l’aspettavamo, ma credevamo in questa gara, sapevamo di essere competivi: il nostro punto forte è la squadra, che va oltre quello che è lo sport, siamo molto uniti e ci aiutiamo tutti”. Lui la descrive così: ”Dorothea ‘Doro è il peperoncino della squadra, non è facile da gestire ma è bello e importante averla perché tiene vivo tutto l’ambiente, nel bene e nel male. Karin è una ragazza d’oro, prima di essere una bravissima atleta è una persona molto equilibrata che aiuta tutti a mantenere l’equilibrio. Dominik invece è il nostro orsetto, pacioccone, con una capacità di concentrazione incredibile, un uomo da gara. Lukas è la nostra Ferrari, un talento, un atleta completissimo, che ha come punto debole la gestione dell’emozione”. ”Nello sport magari questo non ti aiuta ma, nella vita è bello anche emozionarsi”. Come stasera. (dell’inviato Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

22:46Ap: lite Cicchitto-Formigoni su adesioni a intesa con Pd

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Lite fra Fabrizio Cicchitto e Roberto Formigoni su quanti parlamentari di Ap hanno optato per l'alleanza con il Pd e quanti invece sono favorevoli a una intesa con il centrodestra. "Eegistriamo che una larga parte di AP - ha detto CIcchitto - ritiene giusto convertire la coalizione di governo in una alleanza politico-elettorale caratterizzata dall'incontro tra liste autonome e diverse. Su questa linea finora si sono collocati larga parte dei coordinatori regionali del partito e oltre due terzi dei parlamentari di Camera e Senato". "Sono dichiarazioni molto impegnative - ha replicato Formigoni - ma se le fa l'onorevole Cicchitto penso proprio che sia in grado di fornire un elenco nominativo di questi due terzi di parlamentari e di questa larga parte dei Coordinatori regionali. Siamo tutti curiosi di leggere questo elenco. Se però l'onorevole Cicchitto non fosse in grado di fornire questo elenco, credo che potrà con onestà intellettuale fare ammenda di un conteggio del tutto sbagliato".

Archivio Ultima ora