Documento choc sulla Tav, Noa annuncia condanne morte

Pubblicato il 19 febbraio 2014 da redazione

TORINO. – La “lotta armata” partirà da Torino e dalle battaglie contro il Tav. E come primo atto vedrà l’esecuzione della “sentenza di condanna a morte” per quattro persone colpevoli di partecipare alla “repressione” del movimento che si oppone alla ferrovia Torino-Lione. Firmato: Noa – Nuclei Operativi Armati. Dicono questo i comunicati fatti pervenire alle redazioni Ansa di Torino, Roma e Bologna. Tre fogli vergati al computer, due dedicati alla “risoluzione politica” e uno alla “risoluzione strategica” con l’ordine di eseguire “immediatamente” gli omicidi, su cui ora indagano la Digos e la procura del capoluogo piemontese. Fra i bersagli figura Stefano Esposito, senatore torinese del Pd destinatario da tempo di minacce e intimidazioni per le sue prese di posizione a favore del supertreno, che ha incassato un applauso di solidarietà dai colleghi di Palazzo Madama durante la seduta di ieri; ci sono poi un imprenditore, un tecnico e un esponente delle forze dell’ordine. “Deliri criminali”, dice il ministro dei trasporti, Maurizio Lupi, secondo il quale “sulla brutta piega che ha preso l’opposizione No Tav sarebbe ora che tutti uscissero dall’ambiguità”. Il testo, con i suoi accenni a “tribunali rivoluzionari”, “coscienze proletarie” e “governi di padroni”, ha i connotati di una caricatura dei comunicati delle Brigate Rosse. Ma non per questo non viene preso sul serio dagli inquirenti. Anche perché dagli ambienti dell’antagonismo e dell’anarchismo più radicale arrivano – spiegano fonti investigative – segnali da non trascurare: c’è chi coltiva propositi di inasprire il confronto e chi pare stia tentando di soffiare sul fuoco. La sigla Noa non ha mai preso iniziative nel bacino piemontese e si sta lavorando per vedere se sia mai spuntata altrove; non ha niente a che vedere, comunque, con il “Noa” di Bologna 2012, un collettivo di artisti che sperimentarono uno “spazio occupato”. “In Valsusa – si legge nel comunicato – esiste ormai una consapevolezza rivoluzionaria. Molti compagni hanno solide radici”. E il “carcere duro” disposto per i quattro attivisti No Tav arrestati per terrorismo richiede una risposta forte: “il tempo della lotta pacifica, fatta di scritte e manifestazioni, è superato”. Il Movimento No Tav prende con forza le distanze: “Noi pratichiamo la disobbedienza civile a viso aperto senza violenza. Respingiamo al mittente, vale a dire al governo e ai poteri forti, queste operazioni di delegittimazione vecchie di quarant’anni”. Gli attivisti osservano che i misteriosi Noa si sono fatti vivi alla vigilia della grande mobilitazione No Tav di sabato prossimo, con cortei e presidi in numerose città italiane dalla Valle di Susa alla Sicilia. Polemici anche i familiari degli arrestati, che parlano di “goffo e ridicolo tentativo di strumentalizzare la condizione dei nostri cari”. Proprio oggi gli avvocati difensori hanno lanciato un appello pubblico contro l’aspro regime di carcerazione, fatto di isolamento e divieto di colloqui, cui sono sottoposti i quattro. Interviene anche il Movimento 5 Stelle, vicino ai No Tav ma pesantemente criticato dai Noa per lo “spettacolo comico” dei suoi parlamentari: “Questo non è il movimento No Tav – spiega la deputata Laura Castelli – e queste minacce fanno parte di una intossicazione informativa creata ad hoc”.  (Mauro Barletta/ANSA)

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora