House of Cards sbanca in Cina, tra i fan i leader del partito

Pubblicato il 20 febbraio 2014 da redazione

WASHINGTON. – House of Cards, la serie tv americana più popolare in questo momento, sbanca in Cina. La saga di Frank Underwood, il protagonista del primo serial ‘on demand’ in streaming giunto alla seconda stagione, è stata accolta con grande successo tra i telespettatori cinesi. E tra i maggiori fan della storia ambientata nella Washington politica, ci sarebbero proprio i leader del più potente partito comunista al mondo. Un successo che avrebbe anche un interessante risvolto politico nei rapporti tra Stati Uniti e Cina. Infatti, la passione dei cinesi per la storia sordida, interpretata da Kevin Spacey, non è solo il frutto della qualità indiscussa del prodotto, seguitissimo in tutto il mondo, ma anche l’effetto della propaganda governativa. Pare infatti che le trame dei personaggi senza scrupoli descritti dalla fiction rifletta esattamente l’immagine del potere americano, corrotto e ipocrita, portata avanti da anni dall’amministrazione di Pechino. ”Per il cinese medio, l’America è il grande spauracchio del mondo, quindi ha senso che ci sia interesse per l’intrigo e il potere che domina i palazzi di Washington – osserva Michael Auslin, esperto di Asia presso l’American Enterprise Institute, un think tank conservatore. ”Detto questo – aggiunge – probabilmente non è una grande bella cosa che sia questo l’aspetto che stanno vedendo… Per comprendere veramente la politica degli Stati Uniti, preferirei che guardassero C-SPAN, il canale specializzato nella trasmissione delle sedute parlamentari, ma probabilmente questa non è una cosa realistica”. Proprio grazie al favore delle autorità la serie prodotta da Netflix, la prima espressamente creata per la tv on-line, non solo non è stata censurata dal controllatissimo web cinese, ma ha avuto un’ampia diffusione in tutto il Paese. A comprare i diritti è stata la Sohu, uno dei più grandi provider cinesi, che ha ‘postato’ tutti i 13 episodi della seconda serie in contemporanea con gli Stati Uniti, qualche giorno fa. Una svolta storica, se pensiamo che il governo di Pechino autorizza la proiezione di appena 34 film stranieri l’anno. E dire che questa seconda serie, non è che parli benissimo della Cina. Tuttavia, secondo quanto fa sapere la Cnn, il governo pare abbia deciso di non intervenire. ”Non sapevamo che la seconda stagione avrebbe avuto così tanto a che fare con la Cina, probabilmente a causa della crescente importanza del nostro Paese negli affari mondiali”, ha confessato Charles Zhang, amministratore delegato di Sohu. ”Tuttavia – ha concluso – molti cinesi, compresi anche pezzi grossi del governo, stanno guardando la serie e sinora non abbiamo avuto nessun problema di censura”. (Marcello Campo/ANSA)

Ultima ora

10:18Gerusalemme: Netanyahu, per pace riconoscere realtà

(ANSA) - BRUXELLES, 11 DIC - "Quanto il presidente Trump ha fatto è mettere i fatti sul tavolo per quello che sono. La pace è basata sul riconoscimento della realtà. E che Gerusalemme sia la capitale è evidente per tutti". Così il premier israeliano Benjamin Netanyahu arrivando al consiglio affari esteri europeo, invita a dare "una possibilità alla pace" col tentativo dell'amministrazione Usa. "E' tempo che i palestinesi riconoscano che lo stato ebraico e che Gerusalemme è la sua capitale".

09:49Venezuela: Maduro vince comunali, ma senza opposizione

(ANSA) - CARACAS, 11 DIC - Il partito socialista di Nicolas Maduro ha stravinto alle elezioni municipali nella maggior parte delle città del paese, anche se sul voto ha pesato il boicottaggio di quasi tutta l'opposizione. Lo stesso capo dello stato, durante un comizio in cui ha annunciato il suo trionfo, ha avvertito che "i partiti che non hanno partecipato al voto non potranno farlo più e scompariranno dalla mappa politica". Quindi di fatto li ha estromessi dalle presidenziali del prossimo anno.

09:41Birmania:stupri su donne Rohingya metodici, indagine

(ANSA) - UKHIA (BANGLADESH), 11 DIC - Gli stupri di donne Rohingya da parte dell'esercito birmano sono stati radicali e metodici. Lo rivela un'indagine condotta dall'Associated Press intervistando 29 tra donne e ragazze fuggite nel vicino Bangladesh. Le vittime delle violenze sessuali hanno tra i 13 e i 35 anni.

06:47Kashmir: giornalista francese arrestato da polizia India

NEW DELHI - Un giornalista televisivo francese, Paul Edward Comiti, e' stato arrestato dalla polizia indiana a Srinagar, capitale dello Stato di Jammu & Kashmir, per violazione del regolamento sui visti dato che, disponendo di uno di tipo business stava pero' realizzando un documentario sugli abitanti feriti nelle manifestazioni con fucili a pallini delle forze di sicurezza. Lo riferisce il portale Kashmir Watch.

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

Archivio Ultima ora