Torna in libertà Giuseppe Di Fabio. Sale a 9 il numero delle vittime delle proteste

Pubblicato il 22 febbraio 2014 da redazione

CARACAS – Dopo settimane in carcere, il giovane consigliere comunale italo venezolano e dirigente di Volontá popolare, Giuseppe Di Fabio, é tornato in Libertá. Ne ha dato motizia la Console Reggente Jessica Cupellini, che ha seguito la vicenda in prima persona, specialmente dopo gli appelli giunti dall’Italia. Il connazionale, appena tornato in libertà, é in buone condizioni di salute. Resta in carcere, invece, Gabriel Gallo, il leader italo-venezolano di Volontá popolare arrestato nello Stato Yaracuy.

Dopo un’altra notte di “guarimbas” (barricate alzate lungo le strade per ostacolare il transito), la capitale, così come il resto delle maggiori città del Paese, si è svegliata in un clima di nervosismo latente. In strada, specialmente nei quartieri di classe media dove più violenta è stata la protesta,  la presenza della polizia e della Guardia Nacional è massiccia e minacciosa. E’ una calma piatta, quella che si respira in queste ore, nella capitale  in attesa che si concluda la manifestazione pacifica organizzata dalla “Mesa de la Unidad”, l’ala meno radicale dell’opposizione al presidente della Repubblica, Nicolàs Maduro.

Centinaia, migliaia di venezolani si sono riversati in strada, sfidando la presenza della polizia in assetto ‘antisommossa’ e ancor più la minaccia dei ‘colectivos – le bande armate di motociclisti che nei giorni scorsi hanno sparato sulle manifestazioni di protesta provocando il panico e uccidendo ben 8 giovani -. E hanno risposto all’invito degli organizzatori della protesta, trasformando in un immenso fiume umano la Av. Francisco de Miranda nel tratto che attraversa il quartiere di classe media Los Palos Grandes.

Sebbene l’appello degli organizzatori è alla calma e la manifestazione è pacifica, si teme che possa degenerare e infiammare una volta ancora la protesta.

Nel lato opposto della città, una manifestazione di “Mujeres por la Paz” (Donne per la Pace) è stata organizzata dai movimenti pro-governativi. Il corteo, anch’esso numeroso, è giunto nei pressi di Miraflores.

Si è appreso intanto che anche la giovane Geraldine Moreno, che era stata ferita ad un occhio da una pallottola di gomma che era poi penetrata al cervello causando gravi danni, è morta. La giovane aveva ricevuto una raffica di pallottole di gomma al volto sparate da un Guardia nacional e da mercoledì scorso versava in gravissime condizioni in un ospedale di Valencia. Sono ora 9 le vittime delle proteste che da settimane infiamma il Venezuela

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora