Ucraina: Caccia a Ianukovich, mandato d’arresto per strage

Pubblicato il 24 febbraio 2014 da redazione

KIEV. – Fino a pochi giorni fa Viktor Ianukovich era il capo dello Stato, oggi in Ucraina è il ricercato numero uno. Contro di lui è stata aperta un’inchiesta con un’accusa pesantissima: “uccisioni di massa”. E il riferimento è ai sanguinosi scontri della scorsa settimana nel centro di Kiev in cui hanno perso la vita almeno 82 persone, tra cui anche 16 poliziotti. Ma la maggior parte delle vittime sono insorti, falciati dai proiettili dei cecchini il 20 febbraio. Ianukovich per ora è uccel di bosco. E non solo di lui, ma anche di molti ministri del suo governo e dei suoi più stretti collaboratori si sono perse le tracce, mentre le nuove autorità hanno annunciato che sono più di 50 le persone indagate per “la strage di Kiev”. Intanto le forze politiche fino a poco tempo fa all’opposizione stanno piazzando uomini di propria fiducia su tutte le poltrone più importanti, da quella di procuratore generale a quella di governatore della banca centrale, ed oggi dovrebbe finalmente essere formato il nuovo governo. Quale che sia la sua composizione, Mosca ha già fatto sapere di ritenere “illegittime” le nuove autorità e, dopo aver richiamato il proprio ambasciatore in Ucraina, ha addirittura denunciato l’emergere di “metodi dittatoriali e a volte terroristici” a Kiev contro chi dissente dal nuovo potere ‘rivoluzionario’. La Russia, inoltre, ha già congelato sine die l’aiuto finanziario da 15 miliardi di dollari promesso al defenestrato presidente Ianukovich e l’Ucraina, la cui economia è in ginocchio, ha bisogno disperato di denaro. Il presidente ad interim Oleksandr Turcinov sta premendo per riprendere al più presto il percorso di integrazione europea dell’Ucraina e firmare l’accordo di associazione congelato a fine novembre da Ianukovich per buttarsi tra le braccia di Mosca. Una scelta costata cara all’ex presidente, perché è stata la scintilla che ha fatto scoppiare le rivolte antigovernative. Iulia Timoshenko intanto fa sapere che andrà in Germania a curare l’ernia del disco per cui è stata ricoverata in stato di detenzione in un ospedale di Kharkiv dal maggio del 2012 fino a due giorni fa, quando è stata scarcerata dopo il crollo del “regime”. L’ex principessa del gas – personaggio che in realtà divide lo stesso fronte anti-Ianukovich fra seguaci e detrattori – ha già detto che non punta a diventare di nuovo premier. Ma questo non esclude che possa candidarsi alle presidenziali del 25 maggio. Intanto ha proposto che il nuovo governo includa “tutti gli eroi di Maidan”, la piazza dell’Indipendenza di Kiev centro della rivolta di questi ultimi tre mesi: cosa che può creare più di un imbarazzo perché tra le tante formazioni che hanno partecipato alla protesta ci sono anche elementi di estrema destra, come ‘Pravii Sektor’, un gruppo paramilitare che è stato decisivo negli scontri con la polizia. Intanto il nuovo procuratore generale Oleg Makhnitski, membro del partito ultranazionalista ‘Svoboda’, ha definito “illegali” le inchieste sugli atti vandalici contro le statue di Lenin, una dichiarazione destinata a suscitare polemiche. 

Ultima ora

10:18Gerusalemme: Netanyahu, per pace riconoscere realtà

(ANSA) - BRUXELLES, 11 DIC - "Quanto il presidente Trump ha fatto è mettere i fatti sul tavolo per quello che sono. La pace è basata sul riconoscimento della realtà. E che Gerusalemme sia la capitale è evidente per tutti". Così il premier israeliano Benjamin Netanyahu arrivando al consiglio affari esteri europeo, invita a dare "una possibilità alla pace" col tentativo dell'amministrazione Usa. "E' tempo che i palestinesi riconoscano che lo stato ebraico e che Gerusalemme è la sua capitale".

09:49Venezuela: Maduro vince comunali, ma senza opposizione

(ANSA) - CARACAS, 11 DIC - Il partito socialista di Nicolas Maduro ha stravinto alle elezioni municipali nella maggior parte delle città del paese, anche se sul voto ha pesato il boicottaggio di quasi tutta l'opposizione. Lo stesso capo dello stato, durante un comizio in cui ha annunciato il suo trionfo, ha avvertito che "i partiti che non hanno partecipato al voto non potranno farlo più e scompariranno dalla mappa politica". Quindi di fatto li ha estromessi dalle presidenziali del prossimo anno.

09:41Birmania:stupri su donne Rohingya metodici, indagine

(ANSA) - UKHIA (BANGLADESH), 11 DIC - Gli stupri di donne Rohingya da parte dell'esercito birmano sono stati radicali e metodici. Lo rivela un'indagine condotta dall'Associated Press intervistando 29 tra donne e ragazze fuggite nel vicino Bangladesh. Le vittime delle violenze sessuali hanno tra i 13 e i 35 anni.

06:47Kashmir: giornalista francese arrestato da polizia India

NEW DELHI - Un giornalista televisivo francese, Paul Edward Comiti, e' stato arrestato dalla polizia indiana a Srinagar, capitale dello Stato di Jammu & Kashmir, per violazione del regolamento sui visti dato che, disponendo di uno di tipo business stava pero' realizzando un documentario sugli abitanti feriti nelle manifestazioni con fucili a pallini delle forze di sicurezza. Lo riferisce il portale Kashmir Watch.

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

Archivio Ultima ora