Papa: “Cessi la violenza”. Jaua: “Nessun uso eccessivo della forza”

Pubblicato il 26 febbraio 2014 da redazione

CARACAS – La polizia e la Guardia Nazionale non hanno fatto uso eccessivo della forza nel reprimere le manifestazioni di protesta che, in questi giorni, si sono allargate a macchia d’olio infiammando il Paese. Lo ha affermato il ministro degli Esteri, Elías Jaua, che ha inizato una ‘tournèe’ tra i paesi latinoamericani per dare la versione ufficiale di ció che accade in Venezuela.

E mentre il ministro degli Esteri, cercherà di convincere i Paesi amici che in Venezuela stiamo assistendo ad un “golpe lento, strisciante” promosso da frange dell’estrema destra il Papa ha fatto un appello alla pace, sensibilizzato sicuramente dall’immensa bandiera venezolana che per la seconda domenica di seguito ha invaso Piazza San Pietro, e allarmato dalle notizie della violenza che scuote il Paese.

L’appello di Papa Francesco affinché “cessi quanto prima la violenza” in Venezuela è arrivato poche ore prima dell’apertura della “conferenza per la pace e la vita” convocata dal presidente Nicolás Maduro a Caracas. In una giornata nella quale, d’altronde, la capitale è stata scenario di nuove manifestazioni. Durante l’udienza generale in Vaticano, il papa ha detto di seguire “con apprensione” la situazione nel paese e ha chiesto che “tutto il popolo venezuelano” – anzitutto i suoi “responsabili politici e istituzionali”- promuovano “un dialogo sincero, rispettoso della verità e della giustizia”.

Proprio ieri, la Conferenza Episcopale del Venezuela aveva denunciato “l’uso della forza in alcune manifestazioni da parte delle forze della sicurezza”, così come “l’irruzione di gruppi armati che non sono né polizia né militari e che hanno attaccato la popolazione”.

La stessa denuncia, ma in maniera più silenziosa, era stata fatta domenica scorsa (e anche la precedente) in Piazza San Pietro da un grupo di organizzazioni venezuelano-italiane coordinate dalla Mud-Italia. E sicuramente l’immensa bandiera tricolore del Venezuela che ha invaso Piazza San Pietro avrà richiamato l’attenzione di Papa Francesco, sempre sensibile a quanto accade in questa parte dell’Oceano.

Dalla sede dell’assemblea dei vescovi, come in programma, è partita ieri una “marcia silenziosa delle donne in bianco”, guidata da Maria Corina Machado -esponente del settore più radicale dell’antichavismo- e dall’italo-venezuelana Lilian Tintori, moglie di Leopoldo Lopez, il leader del partito Volontà Popolare imprigionato ed accusato di aver istigato la violenza di piazza nelle protesta antichaviste.

Il corteo ha consegnato un documento di “denuncia di abusi, tortura ed uccisioni” nella sede centrale della Guardia Nazionale Bolivariana (Gnb). La manifestazione delle donne antichaviste si è tenuta lontano da un’altra manifestazione, questa, però, pro-Maduro.

Il presidente Maduro, intanto, prosegue nella sua denuncia di un  golpe fascista strisciante” appoggiato dagli Usa. E’ proprio Washington, ritiene il presidente, a nascondersi dietro la contestazione studentesca. Per cercare di porre fine alla tensione, Maduro ha decretato che oggi e domani siano giorni festivi, allungando così fino a martedì prossimo le ferie in occasione del Carnevale, contestando alcuni sindaci dell’opposizione che hanno preferito cancellare ogni festeggiamento.

– L’alternativa – ha proclamato il presidente Maduro – è felicità contro amarezza, odio contro amore, Carnevale contro fascismo.

Il capo dello Stato, quindi, ha annunciato la creazione in Parlamento di una “commissione per la verità” sulle violenze di questi giorni. Una commissione integrata da esponenti del partito di governo. Da sottolineare, poi, che è caduto nel vuoto l’appello del presidente Maduro di dare vita ad una “Conferenza per la Pace”. I leader della Mud l’hanno disertata in blocco. La ‘Conferenza’ è stata definita “una mascherata” dall’ex candidato presidenziale Henrique Capriles. I vescovi cattolici hanno a loro volta accettato l’invito, puntualizzando però che non serve “chiedere pace e dialogo con un linguaggio incendiario” e che “la ricerca della verità è un valore ormai perso in Venezuela, in quanto oscurato dalle polemiche politiche”.

Il Capo dello Stato, intervenendo poco prima dell’apertura della ‘Conferenza’ ad una manifestazione di contadini e indigeni ha affermato che sono più di 50 i morti a causa delle proteste. Un bilancio assai pesante.

– Più di cinquanta morti – ha detto il capo dello Stato parlando a reti unifícate -: è il bilancio delle azioni di questi ultimi giorni organizzate da “piccoli gruppi fascisti” a Caracas e in altre città del Venezuela. Ormai i morti per le barricate e i blocchi delle strade – ha sottolineato – sono più di cinquanta.

E mentre nel Paese le proteste infiammano gli animi dei venezolani, la diplomazia è al lavoro per ricucire lo strappo tra Venezuela e Stati Uniti. Il Segretario di Stato, John Kerry, dopo la notizia che la “Casa Amarilla” aveva designato un ambasciatore per gli Stati Uniti, ha assicurato che il suo paese desidera un miglior rapporto con il Venezuela. Ma ha anche detto che “non resterà a braccia conserte mentre si accusano gli Stati Uniti di cose che non hanno fatto e di cui non sono responsabili”.

– Siamo pronti ad un cambio – ha detto Kerry  -. Le tensioni tra i due Paesi durano da troppo tempo.

Ultima ora

07:57Terremoti, sequenza sismica nel Canale di Sicilia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Sequenza sismica nel Canale di Sicilia: nella notte si sono registrate almeno 5 scosse di terremoto di magnitudo superiore a 2, le più forti di 3.9 e 3.7 alle 2:13 e alle 2:59. Epicentri circa 60 km a sud della ragusana Modica. Già ieri altre due scosse di magnitudo 3.5 e 3.6 erano state registrate nella zona tra le 12 e le 13. Non si segnalano danni a persone o cose.

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

Archivio Ultima ora