Lazio senza difesa, 3-3 a Sofia e addio Europa

Pubblicato il 27 febbraio 2014 da redazione

ROMA. – Pazza Lazio che facendo e disfacendo interrompe il proprio cammino europeo allo stadio Vasil Levski di Sofia. E quanti rimpianti: la formazione di Edy Reja, infatti, paga a caro prezzo gli errori difensivi e subisce nei minuti finali il 3-3 del Ludogorets che qualifica i bulgari agli ottavi, in virtù dell’1-0 dell’Olimpico. Un risultato incredibile per i romani che, dopo il doppio vantaggio Keita-Perea, subiscono la rimonta dei bulgari firmata da Bezjak e Zlatinski, tornano ancora avanti con Klose e poi si fanno recuperare allo scadere con il subentrato Juninho. A deludere è la difesa biancoceleste e soprattutto Marchetti che esordisce malamente nel 2014 (alla prima sotto la gestione Reja) e ha delle responsabilità sul tiro di Zlatinski che, secondo l’arbitro di porta, controlla oltre la linea. A partire forte però è la squadra di Reja che dopo soli 18 secondi trova il gol con Keita. Il giovane attaccante, servito da un rinvio sbagliato di Stoyanov, entra in area e batte il portiere bulgaro in uscita, realizzando così il suo primo gol in Europa. La sua è la seconda rete più veloce dell’Europa League: 18 secondi quanti i suoi anni. Ma al 17′ Stoyanov si ricorda di essere stato il miglior portiere della fase a gironi e si riscatta respingendo il colpo di testa di Candreva. Un minuto dopo capita sui piedi di Marcelinho la prima vera occasione del Ludogorets, con il brasiliano che, servito in area, calcia fuori di destro. Nella ripresa iniziano forte i padroni di casa, ma la Lazio vuole proseguire l’avventura europea e schiaccia i bulgari nella loro metà campo. Al 54′ Onazi ruba palla e lancia Perea in profondità. Il baby colombiano buca Stoyanov sotto le gambe e regala alla Lazio il gol della momentanea qualificazione. I bulgari però non mollano: al 65′ Bezjak riesce a liberarsi della pressione di Biava e calcia in porta costringendo Marchetti agli straordinari anche con l’aiuto del palo. E’ il preludio del gol: due minuti dopo l’attaccante serbo non sbaglia e angolando di destro (con una deviazione di Biava) beffa il portiere laziale. L’estremo difensore biancoceleste ha però qualche responsabilità al 78′ quando non controlla bene un tiro da 30 metri di Zlatinski: la palla sembra rimbalzare sulla linea, ma l’arbitro di porta la sfera è entrata interamente. L’episodio non condiziona la Lazio che all’84’ torna ancora avanti con Klose. Il tedesco si fa subito perdonare un’occasione avuta un minuto prima e non sbaglia il tap-in su una respinta corta di Stoyanov su Biglia. Ma dopo aver avuto in mano per due volte la qualificazione arriva la beffa: un lancio da 50 metri del Ludogorets sorprende la difesa della Lazio, Juninho salta Konko e segna il gol decisivo. Festeggiano i bulgari. Per i laziali solo rimpianti. 

Ultima ora

10:39Sci: Cortina 2021, siglati protocolli antimafia

(ANSA) - BELLUNO, 14 DIC - Una 'lente d'ingrandimento' sulle vicende societarie delle imprese esecutrici e un controllo coordinato dei cantieri: sono gli strumenti principali previsti nelle due intese sottoscritte in Prefettura a Belluno per prevenire le infiltrazioni mafiose nel settore degli appalti legati all'organizzazione dei Mondiali di sci alpino di Cortina nel 2021. Il progetto è articolato su due accordi che consentiranno di rendere più efficace la prevenzione da indebite ingerenze della criminalità organizzata nell'esecuzione delle opere pubbliche. Il primo consentirà di disporre di un quadro informativo completo sulle ditte appaltatrici, il secondo di prevenire tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata nelle opere rientranti nel "Piano straordinario per l'accessibilità a Cortina 2021".

10:24Gerusalemme: fonti, rinviata visita Mike Pence

(ANSAmed) - TEL AVIV, 14 DIC - La visita dal 17 al 19 dicembre del vicepresidente Usa Mike Pence in Israele e nella regione è stata rinviata "di qualche giorno". Lo afferma una fonte a Gerusalemme secondo cui la decisione è legata all'esigenza della presenza di Pence al Congresso Usa. La visita - secondo la stessa fonte - è stata riprogrammata per la metà della prossima settimana.

10:01Tunisia: disordini ieri sera nella capitale

(ANSAmed) - TUNISI, 14 DIC - E' tornata la calma nel quartiere popolare del Kram di Tunisi, dopo gli scontri ieri sera tra forze dell'ordine e un gruppo di giovani sceso in strada per protestare contro il trattamento brutale, secondo alcuni testimoni, riservato dalla polizia a un pescivendolo del quartiere. Dopo l'uso di gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti la situazione è tornata alla normalità, riferiscono i media locali.

10:00Giappone: indennizzo governo a operaio Fukushima

(ANSA) - TOKYO, 14 DIC - Il ministero del Lavoro giapponese ha certificato il diritto all'indennizzo delle spese mediche per un ex operaio della centrale nucleare di Fukushima, ammalatosi di leucemia dopo un'eccessiva esposizione alle radiazioni. Secondo il canale pubblico Nhk, l'uomo, poco più che quarantenne, ha lavorato 19 anni per la Tokyo Electric Power (Tepco), il gestore dell'impianto che ha subito le maggiori conseguenze dello tsunami e la successiva dispersione delle radiazioni. L'operaio è stato esposto a 99,3 millisieverts di radiazioni; un valore che secondo il ministero della Salute nipponico può causare la leucemia. Si tratta della quarta persona in Giappone a vedere riconosciuti i propri diritti ad un rimborso, dopo aver certificato lo sviluppo della leucemia e il cancro alla tiroide, come conseguenza delle condizioni di lavoro. Dalla catastrofe di Fukushima circa 56.000 persone sono state impiegate per i lavori di smantellamento dell'impianto fino al maggio di quest'anno.

09:59Somalia: kamikaze contro polizia, almeno 10 morti

(ANSA) - MOGADISCIO, 14 DIC - E' di almeno 10 morti il bilancio di un attacco contro una accademia di polizia a Mogadiscio. Un attentatore suicida si è infiltrato tra gli agenti, facendosi esplodere durante l'addestramento del mattino.

09:57Birmania: Msf, almeno 6.700 Rohingya uccisi in un mese

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Almeno 6.700 Rohingya, inclusi 730 bambini sotto ai 5 anni, sono stati uccisi tra agosto e settembre scorsi in Birmania: lo denuncia Medici senza Frontiere (Msf) in uno studio pubblicato online. Il bilancio ufficiale delle autorità birmane riferito allo stesso periodo è di 400 vittime, scrive la Bbc, la maggior parte indicate come "terroristi islamici". Dalle violenze di agosto sono oltre 645.000 i Rohingya fuggiti in Bangladesh, afferma Msf. La maggior parte delle vittime, stima Msf, sono state uccise da colpi di arma da fuoco, molte altre bruciate vive nelle proprie case date alle fiamme o picchiate a morte. "I numeri sono sottostimati, non abbiamo monitorato tutti i campi rifugiati", spiega Msf, che ha raccolto testimonianze tra i Rohingya fuggiti in Bangladesh: "Abbiamo resoconti su intere famiglie bloccate nelle case poi date alle fiamme". Sulla base dei dati esaminati, Msf stima che le vittime nel mese di agosto possano superare le 13.000 persone.

07:57Terremoti, sequenza sismica nel Canale di Sicilia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Sequenza sismica nel Canale di Sicilia: nella notte si sono registrate almeno 5 scosse di terremoto di magnitudo superiore a 2, le più forti di 3.9 e 3.7 alle 2:13 e alle 2:59. Epicentri circa 60 km a sud della ragusana Modica. Già ieri altre due scosse di magnitudo 3.5 e 3.6 erano state registrate nella zona tra le 12 e le 13. Non si segnalano danni a persone o cose.

Archivio Ultima ora