Francesca Commissari: il fermo, la paura e la liberazione

Pubblicato il 04 marzo 2014 da redazione

CARACAS.- «Grazie a tutti i miei amici, al Consolato italiano, a El Nacional, al Sindacato Nazionale dei Lavoratori della Stampa e all’Avvocato Nazir el Fakid e al Foro Penale Venezuelano sono libera».

Due righe su Twitter, semplici ed al tempo stesso intense, che mettono la parola “fine” ad un weekend che ha deciso di vestire i panni del più crudele dei lunedì.

Francesca Commissari, fotoreporter italiana, è stata fermata nel tardo pomeriggio di venerdì nei pressi di piazza Altamira nell’ambito di una vasta “operazione speciale” condotta dalla Guardia Nacional Bolivariana. Tra le 41 persone detenute, assieme a lei, altri 7 stranieri.

In un primo momento, non era chiaro se la giovane connazionale, collaboratrice del quotidiano El Nacional, disponesse oppure no di un visto di lavoro. Sembrava possibile, infatti, che fosse entrata nel Paese nelle vesti di semplice turista. Ciò che era risultato subito evidente, invece, è che le fosse stata tolta la sua macchina fotografica assieme a tutto il resto e che fosse stata trasferita presso il complesso militare di Fuerte Tiuna in tarda serata, come da lei stessa annunciato attraverso l’account Twitter @Mrlz_Crdv.

L’Avvocato Alfredo Romero, direttore del Foro Penale Venezuelano (unorganizzazione non governativa molto attiva nellambito della tutela dei diritti umani, ndr) ha confermato su web e reti sociali quanto stava accadendo, dichiarando sin da subito di essere pronto ad assistere i giovani coinvolti. Il suo team di legali, in contatto con il Consolato Generale d’Italia, è riuscito ad incontrare la ragazza ed ha subito confermato che stesse bene.

Romero si è poi presentato presso il Palazzo di Giustizia di Caracas per assumerne la difesa ed ottenere chiarimenti in relazione alle accuse che sarebbero state formalizzate.

In buona sostanza, le autorità venezuelane non hanno fornito grossi dettagli, mentre un altro fotografo, che ha preferito rimanere nell’anonimato, ha raccontato la sua versione dei fatti alla CNN.

«Eravamo in piazza Altamira e stavamo scattando foto di quanto stava accadendo, quando all’improvviso è arrivata una banda di motociclisti ed abbiamo iniziato a correre. Nel bel mezzo della confusione, ci siamo persi di vista. Sono riuscito a rifugiarmi in un edificio e, non appena mi sono reso conto che Francesca non era con me, ho provato a chiamarla e ad inviarle messaggi. Messaggi ai quali non ha risposto».

«Più tardi – ha aggiunto – ho contattato via Twitter numerosi amici e colleghi giornalisti per capire se sapevano qualcosa, ma, nulla. Poco dopo, sempre attraverso i social network, è arrivata purtroppo la triste conferma della sua cattura».

Alle prime luci del mattino, dopo aver trascorso la notte in uno dei saloni di un commissariato militare, la visita della Console reggente Jessica Cupellini, in un Fuerte Tiuna quantomai blindato. Le parole rassicuranti «Francesca sta bene» ed il massimo impegno per tirarla immediatamente fuori dai guai.

La giovane, classe 1979 ed originaria di Reggio Emilia, ha affermato di non aver subito maltrattamenti e di aver ricevuto cibo e bevande a sufficienza, sollevando però dei dubbi riguardo all’accoglienza riservata ad alcuni dei suoi colleghi di sventura.

Il caso è stato trasferito, nel tardo pomeriggio di sabato, alla procura competente affinché il Pubblico Ministero potesse formalizzare oppure no le accuse a suo carico. Scartata sin da subito l’ipotesi di “terrorismo internazionale”, Francesca ha rischiato di vedersi imputare capi quali istigazione alla violenza, resistenza a pubblico ufficiale ed associazione a delinquere.

Appurato che la ragazza fosse giunta in Venezuela a gennaio e fosse entrata nel Paese con un normale visto turistico, da un punto di vista legale, dunque, era ed è tutt’ora pienamente legittimata ad intrattenersi sul territorio anche se, qualora fosse stato provato che stesse in realtà svolgendo attività giornalistica, sarebbero potute sorgere delle ulteriori difficoltà.

In attesa di seguire gli sviluppi della vicenda, la Console Cupellini, raggiunta dalla Console onoraria a Los Teques, Renata Mascitti, e successivamente da una delegazione dell’Ambasciata d’Italia, ha sottolineato che, sin dal momento della divulgazione della notizia, si stesse lavorando senza soste affinché la fotoreporter potesse tornare a casa.

Ed è alle 5:30 del mattino di domenica che arriva la notizia più attesa, sempre via Twitter, questa volta per mano dell’Avvocato Romero:

«5:30am, 2 marzo, libertà per i 41 detenuti di Altamira con misure cautelari. Libertà piena per Francesca Commissari e Ferreira».

Francesca è libera, rilasciata con formula piena. Assieme a lei, torna in libertà anche un altro cittadino straniero, il portoghese Ricardo Ferreira.

Il lungo elenco dei 41 viene, dunque, sostanzialmente azzerato, seppure, per alcuni rimarrà l’obbligo di rispettare le misure cautelari di presentazione stabilite dai giudici.

E adesso qualcuno polemizza su una vecchia foto in cui Francesca si lasciava ritrarre con un cartello che recitava «se fossi venezuelana, voterei per Chávez». Sono molti a chiederle se ha rinunciato oppure no al suo credo politico. A noi della Voce d’Italia, invece, piace pensare che l’unica cosa che conti veramente sia essere riusciti a lasciarsi alle spalle una tre giorni così delicata e, soprattutto, l’aver avuto la possibilità di riabbracciare a piene mani la propria libertà.

Romeo Lucci

Ultima ora

20:38Migranti: Avramopoulos a Amnesty, non siamo complici

(ANSA) - STRASBURGO, 12 DIC - La maggior parte delle raccomandazioni di Amnesty International "fa già parte delle nostre azioni": è quanto afferma, interpellato dall'ANSA, il commissario europeo alle migrazioni Dimitris Avramopoulos. "Siamo consapevoli delle condizioni disumane e terribili che alcuni affrontano - sostiene - ma non siamo complici". "La situazione in Libia - ha aggiunto Avramopoulos - non è cattiva a causa dell'Unione europea, anzi è leggermente migliore grazie all'Unione europea. E abbiamo ancora molto lavoro da fare per renderlo ancora migliore. L'Unione europea, le sue istituzioni e i suoi Stati membri stanno lavorando per salvare vite umane: puro e semplice. Lo facciamo impedendo alle persone di annegare nel Mediterraneo, evacuandole dalle condizioni disastrose in Libia e offrendo loro percorsi sicuri e legali per venire in Europa".

20:35New York: Trump, stop alla lotteria dei visti

(ANSA) - WASHINGTON, 12 DIC - All'indomani dell'attacco terroristico a Ny, Donald Trump torna a chiedere una riforma delle leggi sull'immigrazione, abolendo sia il sistema della lotteria dei visti sia quello della catena migratoria fondata sui legami di parentela, con i quali sono arrivati in Usa gli autori degli ultimi due attacchi.

20:19Da Parigi 12 progetti per il clima

(ANSA) - PARIGI, 12 DIC - L'ufficio del presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato 12 progetti da centinaia di milioni di dollari per combattere il cambiamento climatico, che sono stati presentati al vertice sul clima "One Planet Summit" a Parigi. Tra questi, un programma per lo sviluppo di auto elettriche in otto stati americani, un fondo di investimento per i paesi caraibici colpiti dagli uragani e finanziamenti per fondazione di Bill Gates che sostiene gli agricoltori.

20:10Honduras: Hrw, forti indizi di frode alle presidenziali

(ANSA) - TEGUCIGALPA, 12 DIC - Esistono "forti indizi di frode" nelle elezioni presidenziali in Honduras dello scorso 26 novembre. "Vanno accertati per rispettare la volontà degli elettori": a dirlo è stato José Miguel Vivanco, responsabile per l'America Latina di Human Rights Watch (Hrw). In un comunicato, Hrw sottolinea che "diversi osservatori internazionali hanno informato di irregolarità nel processo elettorale, che hanno sollevato seri dubbi sulla legittimità delle elezioni". "Dopo che sono emersi questi dati sulla manipolazione dei risultati elettorali, sono iniziate le proteste, e le autorità hanno decretato lo stato di emergenza", prosegue la nota. Il Tribunale Supremo Elettorale (Tse) dell'Honduras non ha ancora proclamato il nuovo presidente del paese centroamericano, ma gli ultimi dati diffusi danno per vincitore il presidente uscente, Juan Orlando Hernandez, mentre lo sfidante dell'opposizione, Salvador Nasralla, ha detto di non riconoscere lo scrutinio ufficiale e di considerarsi eletto.

20:01Il Crocifisso affisso in Consiglio comunale a Genova

(ANSA) - GENOVA, 12 DIC - Per la prima volta il crocifisso è entrato ufficialmente nell'aula del Consiglio comunale di Genova a fianco del gonfalone del Comune, delle bandiere dell'Unione Europea, dell'Italia, della città di Genova e dell'Associazione nazionale Comuni italiani. E' stato affisso alle spalle dei banchi della Giunta nella prima seduta utile convocata oggi pomeriggio a Palazzo Tursi dopo che l'assemblea martedì scorso ha approvato una mozione presentata da Lega Nord, prima firmataria, FdI, Vince Genova e Direzione Italia, per l'introduzione del crocifisso nella sala consiliare.

19:58Si apre voragine durante lavori in casa, cadono due operai

(ANSA) - NAPOLI, 12 DIC - Stavano effettuando dei lavori di manutenzione nel piano interrato di una casa quando si è aperta una voragine, di circa 6-7 metri, e due operai sono precipitati dentro. E' accaduto poco a fa a Napoli, in via Villari. Secondo i Vigili del Fuoco i due operai parlano e le loro condizioni non sembrerebbero gravi. In atto le operazioni di recupero; la voragine si è creata sotto uno sgabuzzino. Sul posto anche la Polizia municipale di Napoli.

19:56Calcio: Mondiale club, Zidane “non sarà facile ripetersi”

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - "Questo Mondiale per club non è paragonabile all'anno scorso: c'è minore differenza di fuso orario. E poi, ci siamo allenati solo per due giorni, ma siamo ugualmente concentrati sulla partita di domani. Abbiamo studiato gli avversari, ma la cosa più importante è l'atteggiamento in campo". Così Zinedine Zidane, alla vigilia della semifinale del Mondiale per club che domani opporrà il 'suo' Real Madrid ai padroni di casa dell'Al-Jazira Abu Dhabi. Zidane ha dei dubbi di formazione, perché Bale e Varane non sono al top, Kroos e Modric influenzati. Nel Mondiale per club è previsto l'uso della Var che, per Zidane, "non cambierà nulla", nell'attesa che sbarchi nella Liga. "E' normale - dice il francese - che la tecnologia entri a far parte del calcio, è fatta per migliorare le cose". Il Real si presenta da campione del mondo in carica e, anche quest'anno, farà "il massimo per vincere, anche se non sarà facile", fa notare Zidane. "Intanto, però, si deve conquistare la finale", le parole del tecnico.

Archivio Ultima ora