Papa Francesco: Un Samaritano nel cantiere di Dio

Pubblicato il 04 marzo 2014 da redazione

CITTA’ DEL VATICANO. – Con il primo gesuita a diventare Papa, l’interiorità, e la necessità di conoscere Dio non “per sentito dire”, incontrandolo nel mondo che è “cantiere di Dio”, giungono nel cuore del papato. Con il primo pontefice latinoamericano della storia della Chiesa la tensione verso una fede concreta che incida sul quotidiano delle persone e dei popoli, e lo sguardo del sud del mondo su religione, cultura e politica, acquistano cittadinanza nel centro del cattolicesimo. Con il primo pontefice che ha scelto di chiamarsi Francesco, la Chiesa vuole diventare “dei poveri” nel desiderio e nelle scelte del suo leader, che non possono non condizionare la gerarchia, emarginando carrierismi e mondanità spirituale. Gesuita, latinoamericano, di nome Francesco. Sta tutto qui il senso del primo anno di papa Bergoglio, e qui si comprendono le scelte concrete che vanno dipanandosi, dalla decisione di istituire una commissione mondiale di monitoraggio sugli abusi dei preti sui bambini, all’obiettivo di una nuova costituzione sulla curia che vuol dire riforma profonda della Chiesa, alle tante decisioni per continuare il cammino verso la trasparenza economicofinanziaria avviato da Benedetto XVI. Tra pressioni della cronaca, – non sempre edificante a livello giudiziario e ecclesiale – e aspirazione profonda di riforma, il primo anno di pontificato ha anche alcuni punti di contatto con il pontificato precedente. Il Concilio resta il cardine tra il grande intellettuale europeo e l’energico pastore e riformatore latinoamericano, che convivono serenamente entro le mura Leonine. Ce la farà papa Francesco? La stessa domanda che fedeli, non credenti e osservatori si ponevano agli esordi del pontificato si ripropone oggi per i contenuti della riforma, non per l’immagine del papa, verso il quale non accenna a diminuire l’entusiasmo e la simpatia. Credenti e non credenti restano calamitati dallo stile del nuovo papa, dal suo farsi prossimo di tutti, i piccoli e i grandi, più i piccoli che i grandi. Dal suo vivere sulla pelle la misericordia del suo Dio, il Dio del buon Samaritano, che soccorre, sostiene, va incontro a tutti, i vicini e i lontani, i simili e i diversi. Incarnando con assoluta sincerità la vicinanza alle persone, Bergoglio si muove nel cantiere di Dio senza imporre soluzioni precostituite, lasciando che Dio si manifesti nella storia. Non potrà mai imporre niente, agitare nessuna clava, come non ha voluto fare il predecessore, in particolare nell’ultima fase del pontificato. Come la prima sera dalla loggia delle benedizioni, quale vescovo di Roma Bergoglio chiede al suo popolo di benedirlo, mentre si dispone a camminare, a seconda delle necessità, davanti al popolo, in mezzo al popolo, dietro al popolo. Non imporrà niente, ma quando verrà il momento di decidere, le sue decisioni nate da un processo di comunione e inclusivo, avranno forse maggiori possibilità di successo. (giovanna.chirri@ansa.it)

Ultima ora

19:33Ap, mandato a fondatori, trovare soluzione consensuale

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - La Direzione di Ap, a quanto si apprende, ha votato di dare mandato ai tre fondatori Beatrice Lorenzin, Fabrizio Cicchitto, Maurizio Lupi, e al vice coordinatore Antonio Gentile, di istruire una pratica per trovare una soluzione perché le due coerenze interne al partito - una che guarda alla coalizione di governo, l'altra ad una corsa solitaria e al dialogo con FI - possano "sopravvivere". La Direzione di Ap è quindi aggiornata a domani alle ore 18.

19:24Staccò lobo di un orecchio a morsi, offre 5mila euro

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Voleva risarcire con cinquemila euro il tassista a cui staccò il lobo di un orecchio il bodybuilder Antonio Bini, a processo con l'accusa di lesioni aggravate dai futili motivi, ma la cifra è stata considerata troppo bassa dai legali di Pier Federico Bossi, ancora in convalescenza dopo l'aggressione avvenuta per una banale lite di viabilità lo scorso 28 novembre nei pressi della Stazione centrale. Il giudice Carlo Cotta della undicesima sezione penale ha quindi aggiornato al prossimo 5 febbraio il dibattimento a carico del 29enne, per consentire alle parti di trovare un accordo sul risarcimento del 48enne autista del taxi, che si è costituito parte civile. I legali di Bossi, gli avvocati Sostene Invernizzi e Mauro Mocchi, e la difesa di Bini, gli avvocati Beatrice Saldarini e Patrizia Pancanti, torneranno tra due mesi di fronte al giudice, che potrà quindi valutare eventuali richieste di riti alternativi (patteggiamento, rito abbreviato o sospensione del processo con messa alla prova).

19:17Basket: Brindisi esonera Dell’Agnello

(ANSA) - BARI, 11 DIC - Dopo la sconfitta di ieri, in casa, contro Trento, la Happy Casa Brindisi ha comunicato di aver esonerato l'allenatore, coach Sandro Dell'Agnello. Brindisi è rimasta ultima con 4 punti nella classifica di Lega A di basket. "Al tecnico - si legge in una nota della società - vanno i più sentiti ringraziamenti per il lavoro svolto e l'augurio per le migliori fortune personali e professionali". Quanto al prossimo futuro: "Alla ripresa degli allenamenti - viene chiarito - la squadra verrà affidata temporaneamente al vice allenatore Massimo Maffezzoli".

19:10Calcio: il 19 dicembre assemblea di Lega B

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - E' convocata per martedì 19 dicembre a Milano l'Assemblea di Lega B con all'ordine del giorno l'approvazione del Bilancio d'esercizio 2016/2017, la costituzione e la nomina dei componenti del Comitato esecutivo, la composizione e le deleghe delle Commissioni e le determinazioni inerenti alla governance di B Futura. Quindi si provvederà ad aggiornare le società sul processo di cessione dei diritti audiovisivi per il triennio 2018-2021. L'Assemblea verrà preceduta in mattinata dal Consiglio direttivo.

19:10Morti in corsia a Saronno, altri 18 casi al vaglio

(ANSA) - BUSTO ARSIZIO (VARESE), 11 DIC - Sono altri 18 i casi di morti "sospette" all'interno del pronto soccorso di Saronno (Varese), attualmente "sottoposti all'esame dei consulenti" come confermato dal Procuratore della Repubblica di Busto Arsizio (Varese) Gianluigi Fontana, nell'ambito del terzo filone dell'inchiesta 'Angeli e Demoni' sulle morti sospette in corsia a pronto soccorso di Saronno. I casi in esame riguardano pazienti trattati antecedentemente al 2013 dall'ex vice primario del pronto soccorso di Saronno Leonardo Cazzaniga, già accusato di nove decessi in corsia e in concorso con l'amante infermiera Laura Taroni delle morti di suo marito, suo suocero e sua madre, le cui cartelle cliniche sono state sequestrate contestualmente all'arresto del medico il 29 novembre 2016.

19:02Champions: Al Khelaifi avvisa il Real

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Abbiamo molto rispetto per il Real Madrid, saranno due grandi partite, i tifosi vivranno due magici match, a Madrid e nel Parc des Princes. Noi dobbiamo essere pronti a giocare contro tutte le squadre e arriveremo preparati all'appuntamento". Così il presidente del Psg, Nasser Al Khelaifi, in una dichiarazione sul sito del club, subito dopo il sorteggio di Nyon che ha messo di fronte negli ottavi di Champions ai campioni di Francia i campioni d'Europa. Questa sarà la quarta volta in cui il club parigino e il Real Madrid si affrontano in Europa.

18:53Maltempo: tracima il fiume Entella a Chiavari

(ANSA) - GENOVA, 11 DIC - Il fiume Entella a Chiavari (Genova) ha tracimato dopo aver raggiunto i livelli di guardia ingrossato dai suoi principali affluenti, il Lavagna e lo Sturla, che raccolgono la pioggia dell'intera vallata. Spettacolare la portata d'acqua alla foce dove il fiume trova una imponente mareggiata che di fatto ne impedisce parzialmente il deflusso. Anche a Riva Trigoso onde di sei metri impediscono alle acque del torrente Petronio di defluire provocando una progressiva erosione del litorale. (ANSA).

Archivio Ultima ora