La giornata politica: Primo, risolvere il problema della crescente disoccupazione

Pubblicato il 05 marzo 2014 da redazione

ROMA. – La cura choc di Matteo Renzi per la grande malata d’Europa, l’Italia, dovrà fare i conti con lo scetticismo degli euroburocrati. La secca bocciatura del commissario europeo agli Affari economici Olly Rehn dell’ultima manovra del governo Letta è giunta inattesa sul tavolo di palazzo Chigi. Rehn parla di ”squilibri macroeconomici” e di debito pubblico eccessivo, due voci che richiedono un’immediata correzione: parole che fanno temere all’opposizione una manovra correttiva in giugno di almeno 10 miliardi, se non addirittura il ricorso alla patrimoniale.  S’intende che per il premier ciò rappresenterebbe una sconfitta capace di incrinare tutta la credibilità del suo piano di rilancio. Ciò spiega la sua latente irritazione e l’intenzione di non lasciarsi sfuggire l’occasione del vertice di Bruxelles dedicato alla crisi ucraina per porre subito il tema della ripresa ai capi di governo Ue. Renzi può contare sull’appoggio esplicito di Giorgio Napolitano il quale da Tirana, dove è in visita di Stato, ha ribadito la necessità di risolvere con un programma di rilancio la questione ”non più sopportabile” della crescente disoccupazione e ha messo in guardia contro la crescente crisi di consenso popolare della Ue. Renzi ha sempre detto di volersi presentare al semestre italiano di presidenza Ue con una serie di riforme in tasca (istituzionali e del lavoro) che gli consentano di imporre un cambio di agenda ai rigoristi di scuola merkeliana. Tuttavia la sortita di Rehn fa capire che non sarà così facile: se la commissione europea continua a parlare di squilibri senza tenere nessun conto del contesto economico globale in cui si verificano e soprattutto mostra di non considerare minimamente la possibilità di modificare il quadro di rigidissime regole del fiscal compact, è chiaro che si indebolisce la speranza renziana di sbloccare il patto di stabilità almeno per i comuni del Nord (che hanno i soldi in cassa ma non possono spenderli). Una mossa che rappresenta uno dei cardini della sua strategia. In realtà il premier punta anche su altre carte: il piano casa, il Jobs Act, misure immediate per l’edilizia scolastica (con lo stanziamento di due miliardi freschi). Tutto ciò per tentare di rimettere in moto il mercato interno. Basterà? La cattiva notizia è, come osserva sempre Rehn, che anche il mercato tedesco è in stallo, tirano solo le esportazioni. Se è così, difficile credere che sia proprio quello italiano il primo a riprendersi. In altre parole, il problema è molto più grande, riguarda ormai l’intera Unione e ciò non favorirà né le misure di rilancio del governo né la presidenza italiana. Naturalmente il Rottamatore ci proverà. L’economia ha una decisiva componente psicologica e l’importante è far tornare all’orizzonte un po’ di ottimismo. La pronta risposta alla ue del ministero dell’Economia, guidato da una personalità molto apprezzata a Bruxelles come Pier Carlo Padoan, lo aiuterà in questa battaglia, ma intanto i primi passi appaiono più faticosi di quanto si era immaginato. Lo stesso accordo sull’Italicum ha dimostrato come il varo delle riforme sia da conquistare giorno per giorno. Forza Italia per ora garantisce a denti stretti il suo appoggio ma rimprovera al premier-segretario di non avere il controllo dei suoi: nelle prime votazioni della riforma elettorale alla Camera sono già comparsi qua e là i franchi tiratori. Ma il vero scoglio sarà costituito dall’abolizione del Senato e dalla sua trasformazione in Camera delle autonomie: un provvedimento di cui si parla da trent’anni e che non ha mai visto la luce proprio per l’opposizione dei senatori. Renzi è consapevole di giocarsi tutto proprio su questa riforma, tanto attesa dall’opinione pubblica in termini di razionalizzazione e di taglio dei costi della politica. Resta il fatto che se sarà approvato l’Italicum, ci sarà un tempo da terra di nessuno nel quale, se si dovesse tornare alle urne per il collasso del quadro politico, le due Camere avrebbero due leggi elettorali distinte: uno ”scempio istituzionale”, tuona Beppe Grillo, sul quale Napolitano tace. Secondo Luidi Di Maio Pd e Forza Italia hanno trovato un’intesa per ”sgonfiare” i 5 stelle. Per Grillo, Renzi assomiglia ormai a Mussolini con i figli della Lupa (allusione alla sua visita alla scolaresca di Siracusa). ”Io sto con gli scolari, tu con Forza Nuova”, la dura replica del Rottamatore. (di Pierfrancesco Frerè/ANSA)

Ultima ora

01:37Pallavolo: 3-0 a Civitanova,Zenit Kazan vince Mondiale club

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - I russi dello Zenit Kazan hanno vinto il Mondiale per club di pallavolo battendo in finale a Cracovia la Lube Civitanova per 3-0 (27-25, 25-22, 25-22). Sfuma quindi il sogno della squadra marchigiana di salire sul tetto del mondo.

01:34Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Risultati della 12/a giornata della Superlega di pallavolo: Lube Civitanova - Wixo Piacenza 3-2 (giocata il 16/11) Sir Safety Perugia - Azimut Modena 0-3 Calzedonia Verona - Callipo Vibo V. 3-0 (ieri) Gi Group Monza - Bunge Ravenna 3-1 Kioene Padova - Taiwan Ex. Latina 3-0 Biosi' Indexa Sora - Diatec Trentino 1-3 (giocata il 13/12) Revivre Milano - BCC Castellana Grotte 3-0 - Classifica: Civitanova 31; Perugia e Modena 30; Verona 24; Padova e Ravenna 20; Piacenza e Trentino 19; Milano 18; Monza e Latina 12; Vibo Valentia 9; Castellana 5; Sora 3.

01:14Calcio: Inzaghi, la Lazio ha dimostrato che non molla mai

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Abbiamo dato una bella risposta su un campo difficile, sapevamo che avremmo sofferto. Siamo andati sotto di due gol e per molti sarebbero stati colpi decisivi, invece non ci siamo disuniti e siamo riusciti a pareggiare. Poi abbiamo commesso un errore sul rigore, ma siamo riusciti ancora a pareggiare: penso che non si sia annoiato nessuno". Così il tecnico della Lazio Simone Inzaghi al termine di Atalanta-Lazio. "Non sono due punti persi rispetto alle prime - dice ancora il tecnico -. L'Atalanta è la squadra che mi ha impressionato di più per ritmo e qualità dei giocatori. Infatti è arrivata quarta nella scorsa stagione e prima nel girone in Europa League. Segnare 3 gol qui non è facile, abbiamo dimostrato di non mollare mai e vogliamo restare attaccati al treno delle prime qualsiasi cosa succeda". Un commento sull'espulsione: "Non ho detto una parola - spiega -, ma Irrati mi ha mandato via. Mi dispiace perché non ho mai protestato per tutta la gara, forse Irrati era un po' prevenuto, al ritorno starò attento".

01:04Calcio: Messi rigore parato, ma Barcellona serve il poker

(ANSA) - BARCELLONA, 17 DIC - In attesa di giocare l'attesissimo 'Clasico' di sabato prossimo (ore 13) al Santiago Bernabeu, il Barcellona ne fa quattro al Deportivo La Coruna nel posticipo serale della Liga. Luis Suarez e Paulinho, con una doppietta a testa, sono i protagonisti del 4-0 finale, ma di questa partita rimane anche l'immagine di Lionel Messi che si è fatto parare un rigore da Ruben Martinez, portiere della squadra galiziana. Con i tre punti di questa sera il Barcellona è primo in classifica con 6 punti di vantaggio sull'Atletico Madrid, che ha scavalcato il Valencia (sconfitto dall'Eibar) e ora è secondo. Il Real Madrid, impegnato ieri nella finale del Mondiale per club contro il Gremio, ha undici punti di ritardo dagli arcirivali.

00:55Calcio: Gasperini, da questa sfida Atalanta esce più forte

(ANSA) - BERGAMO, 17 DIC - "Sono comunque soddisfatto, la Lazio ha delle risorse importanti. Non siamo riusciti a chiuderla in molti momenti, ma abbiamo fatto una partita importante e usciamo più forti da questa sfida. Abbiamo giocato nel modo in cui mi piace". L'allenatore dell'Atalanta Gian Piero Gasperini è soddisfatto del pareggio della sua squadra nonostante si sia fatta raggiungere per due volte dalla Lazio. "Abbiamo avuto delle difficoltà solo nel finale del primo tempo - dice ancora Gasperini -, poi il loro primo gol ha dato grande fiducia alla Lazio che ha dei giocatori molto abili e veloci. A fine gara c'era molta delusione nello spogliatoio perché se avessimo vinto avremmo fatto un bel salto in classifica. Ma questo campionato è molto equilibrato, abbiamo affrontato una squadra molto forte e abbiamo capito che possiamo fare bene, e mi sento più forte dopo questa gara. Preoccupato per l'astinenza da gol di Gomez e Petagna? No perché abbiamo fatto tre gol e abbiamo avuto moltissime occasioni. Peccato non aver chiuso la gara".

00:54Basket: serie A, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A di basket: Grissin Bon Reggio Emilia - Openjobmetis Varese 76-66 (ieri) Betaland Capo d'Orlando - Happy Casa Brindisi 67-66 (ieri) Banco di Sardegna Sassari - The Flexx Pistoia 88-81 (ieri) Segafredo Virtus Bologna - Fiat Torino 84-76 EA7 Emporio Armani Milano - Red October Cantù 93-77 Dolomiti Energia Trentino - Vanoli Cremona 90-79 VL Pesaro - Sidigas Avellino 78-83 Germani Brescia - Umana Reyer Venezia 90-71 - Classifica: Brescia 20; Avellino e Milano 16; Venezia, Torino e Sassari 14; Cantù, Capo d'Orlando, Trentino e Bologna 10; Reggio Emilia, Varese, Cremona e Pistoia 8; Pesaro 6; Brindisi 4.

00:36Calcio: Atalanta-Lazio 3-3

(ANSA) - BERGAMO, 17 dic - Posticipo spettacolare quello fra Atalanta e Lazio. Il match finisce 3-3, con i bergamaschi avanti di due gol già al 26' con Caldara e Ilicic (bellissima rete). Poi però i padroni di casa si fanno raggiungere dai biancocelesti, trascinati da Luis Alberto e Milinkovic Savic, quest'ultimo autore della doppietta per il 2-2 (berisha non sembra impeccabile). Nella ripresa Ilicic riporta avanti la Dea trasformando un rigore concesso per fallo di Bastos su Gomez. L'arbitro Irrati annulla con l'ausilio del Var un gol a Caldara, poi la Lazio pareggia ancora con una rete di Luis Alberto, oggi il suo uomo migliore.

Archivio Ultima ora