La giornata politica: Renzi, l’Italia sa da sola che cosa fare

Pubblicato il 06 marzo 2014 da redazione

ROMA. – Matteo Renzi si deve essere reso conto del pericolo di un appiattimento sulla linea del governo Letta in Europa. La sua prima replica alla bocciatura di Bruxelles era sembrata fin troppo accomodante. Così proprio dalla capitale europea, dove si trova per tutti altri motivi (la crisi ucraina), ha fatto sapere all’Unione che l’Italia sa da sola che cosa fare e che non accetta che le siano dettati i ”compiti a casa”. Il governo italiano, in particolare, non ritiene di dover fornire rassicurazioni di alcun tipo sui nostri conti pubblici; di più: non è in agenda nessuna manovra correttiva, come paventato dalle opposizioni. L’impressione è che il premier abbia accettato la sfida della commissione Ue proprio sul terreno dei parametri. L’analisi di Olly Rehn è suonata infatti come una mossa preventiva per dire che non ci sono margini per rinegoziare i tetti del Patto di stabilità. Ora il fatto è che il programma di rilancio del Rottamatore punta proprio a questo obiettivo, sia pure nelle forme possibili (dallo sganciamento degli investimenti produttivi dai tetti fino all’uso dei fondi europei). Del resto il leader del Pd è incoraggiato a procedere su questa strada dallo stesso capo dello Stato, che denuncia il livello non più sostenibile della disoccupazione italiana, e dal Nuovo centrodestra (Cicchitto dice che l’Ue ci chiede l’impossibile). Renzi ha giocato fin qui la sua partita su un’immagine e su promesse completamente diverse da quelle del suo predecessore e non può insistere sulla strada dei tagli e del rigore senza smentirsi clamorosamente alla prima prova impegnativa. Come dice l’azzurra Mara Carfagna, Rehn ci ha detto in sostanza che le cure da cavallo di Monti e di Letta sono state inutili e dunque sarebbe contradditorio proseguire in quella direzione. Il ministro dell’Economia Paodan se la cava dicendo che l’Ue ci chiede le cose che stiamo già facendo, ma in realtà non è proprio così. Il Jobs Act, il piano casa, il taglio del cuneo fiscale sono misure che devono ancora essere dettagliate e presentate in Europa: solo dopo si potrà dire se corrispondono davvero alle attese di Bruxelles. E comunque Renzi ha il problema di non apparire come un leader velleitario anche perché in maggio avrà la sua prova del fuoco: le elezioni europee, il primo vero test della nouvelle vague democratica. Ecco perché le votazioni in corso alla Camera sulla riforma elettorale costituiscono la cartina di tornasole delle prospettive di maggioranza. Il varo dell’Italicum è già slittato alla settimana prossima, nonostante l’opposizione del Pd, a causa della guerriglia parlamentare messa in atto da tutti i piccoli partiti: quasi un anticipo delle difficoltà che si incontreranno a palazzo Madama. E’ facile prevedere che analoghi ostacoli riguarderanno l’abolizione del Senato e la sua trasformazione in camera delle autonomie. Napolitano ha intuito il pericolo delle sabbie mobili e perciò ha auspicato una rapida approvazione della nuova legge. Riservandosi tuttavia di esaminarla con estrema attenzione prima della firma, anche in relazione alla fase di interregno in cui dovrebbero essere in vigore due leggi elettorali diverse per i due rami del Parlamento. Il problema è che il testo originario concordato da Pd e Fi sta subendo continue limature: nel voto segreto la comparsa dei franchi tiratori ha finito per rendere determinanti i forzisti. Le soglie di sbarramento e del premio di maggioranza hanno retto alla prova dell’urna, ma è evidente il crescente nervosismo di Silvio Berlusconi che, dopo aver accettato la limitazione della nuova legge alla Camera, non vuole fare altre concessioni. La questione delle quote rosa, per esempio, sta mettendo a dura prova le intese (gli azzurri sono contro la parità di genere): negli scrutini segreti c’e’ il rischio di infortuni dalle conseguenze imprevedibili. Ciò spiega perché Renzi abbia fretta di chiudere il prima possibile, in modo da tenere fede alla sua prima promessa, il varo di una riforma attesa da anni, e di dare la dimostrazione che l’accordo di legislatura è solido e concreto. (di Pierfrancesco Frerè/ANSA).

Ultima ora

21:27Calcio: Mondiale club,2-1 all’Al Jazira e R.Madrid in finale

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Real Madrid vince 2-1 contro i padroni di casa dell'Al Jazira di Abu Dhabi e stacca il biglietto per la finale del Mondiale per club di sabato, dove affronterà i brasiliani del Gremio Porto Alegre, campioni in carica del Sudamerica.

21:23Gerusalemme: sirene di allarme nel sud di Israele

(ANSAmed) - TEL AVIV, 13 DIC - Le sirene di allarme anti missili sono risuonate poco fa nel sud di Israele, nella zona della cittadina di Sderot non lontano dalla Striscia. Lo conferma l'esercito, citato dai media. Secondo questi ultimi ci sarebbe stato almeno un razzo dalla Striscia intercettato dall'Iron Dome.

21:15‘Boicotta Espresso’, ma blitz Forza Nuova fallisce a Torino

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - Avevano in programma un'azione dimostrativa sotto la redazione torinese del quotidiano La Repubblica, simile a quella effettuata a Roma lo scorso 6 dicembre, i militanti di Forza Nuova che ieri sono stati fermati dalla polizia a Torino. Gli investigatori della Digos hanno intercettato il corteo, non autorizzato, prima che arrivasse in via Lugaro, sede del giornale, e i manifestanti si sono allontanati. Secondo quanto appreso, l'intenzione di Forza Nuova era quella di appendere uno striscione con la scritta 'Boicotta il Gruppo Espresso'. (ANSA).

21:12Calcio: 3-2 alla Sampdoria, Fiorentina ai quarti

(ANSA) - FIRENZE, 13 DIC - La Fiorentina ha battuto 3-2 la Sampdoria negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti affronterà la vincitrice di Lazio-Cittadella, in programma domani sera allo stadio Olimpico di Roma. Viola in vantaggio già al 2' grazie a Babacar. Il pareggio ligure lo firma Barreto a cinque minuti dall'intervallo. Nella ripresa l'arbitro Rosario Abisso, di Palermo, diventa protagonista fischiando tre rigori, due con l'ausilio della Var. Il primo lo trasforma Veretout, il secondo - quello del 2-2 - è opera di Ramirez al 32'. Al 90' ancora Veretout sul dischetto. Il francese non sbaglia battendo Puggioni con grande freddezza. Per la Samp anche un clamoroso palo colpito da Caprari su punizione.

21:10Calcio: Baldissoni “Roma patrimonio collettività,è una fede”

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "La storia della Roma ha un inizio, ma è senza fine. Questa squadra è patrimonio di una collettività e racchiude il capitale emotivo di una comunità. Parliamo di una storia che si aggiorna quotidianamente, perché le emozioni non muoiono mai. La Roma è una fede, una famiglia, è parte di tutti noi e lo sarà per sempre". Così il dg della Roma, Mauro Baldissoni, nel corso della presentazione del libro 'Dimmi cos'è', pubblicato per celebrare i 90 anni del club giallorosso. Il volume, a cura di Tonino Cagnucci e Luca Pelosi (casa editrice Skira), ripercorre la storia della Roma con illustrazioni, disegni d'autore, fotografie inedite. "Da quando è arrivata la nuova proprietà è stato creato un dipartimento dedicato all'archivio storico. Abbiamo fatto un lavoro incessante negli anni, recuperato e organizzato centinaia di migliaia di documenti, foto e oggetti - sottolinea Baldissoni -. Questo grande sforzo di raccolta è stato ora messo su carta, è fruibile da tutti e ne siamo estremamente orgogliosi".

21:09Uccise ladro: condannato a nove anni e quattro mesi

(ANSA) - BRESCIA, 13 DIC - La Corte d'Assise di Brescia ha condannato a 9 anni e 4 mesi per omicidio volontario Mirco Franzoni, il 33enne che la sera del 14 dicembre 2013 a Serle, nel Bresciano, uccise in strada con un colpo di fucile ravvicinato il ladro di origine albanese Eduard Ndoj, che era entrato nell'abitazione del fratello. Il pm aveva chiesto 16 anni, sempre per omicidio volontario.

20:59Nuoto: Europei 25 metri, Scozzoli vince l’oro nei 50 rana

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Due medaglie per l'Italia nella prima giornata di gare dei campionati europei di nuoto in vasca da 25 metri, in corso a Copenaghen. L'azzurro Fabio Scozzoli ha chiuso al primo posto la gara dei 50 rana con il tempo di 25"62, nuovo record europeo, che sottrae dieci centesimi al limite che lui stesso aveva stabilito nel 2013 in coppa del mondo a Berlino. Ha preceduto il russo Kirili Progoda, medaglia d'argento, e il britannico Adam Peaty, bronzo. La seconda medaglia è d'argento, conquistata dagli staffettisti della 4x50 stile libero. Luca Dotto, Lorenzo Zazzeri, Alessandro Miressi e Marco Orsi hanno chiuso in 1'23''67, dietro ai russi che si impongono in 1'23''23.

Archivio Ultima ora