Renzi, da Ue niente compiti a casa, sappiamo cosa fare

Pubblicato il 06 marzo 2014 da redazione

ROMA. – Non abbiamo rassicurazioni da dare: Matteo Renzi interviene sulle frizioni in corso tra Roma, Bruxelles proprio mentre l’esecutivo è al lavoro sulle prime azioni di rilancio che dovrebbero vedere luce (il job act) già la prossima settimana. Al centro delle contestazioni lo stato dei conti pubblici italiani dopo i severi giudizi arrivati ieri dalla Ue. E si torna a parlare di un possibile ‘buco’. Ma l’ex ministro dell’Economia, Fabrizio Saccomanni taglia corto: ”escludo nel modo più assoluto che vi siano buchi” nei conti ”o che vi sia bisogno di fare manovre correttive”. Il governo si impegna comunque a riferire presto in Parlamento. E comunque lunedì sarà lo stesso ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan ad illustrare all’Eurogruppo le priorità economiche del nuovo esecutivo. Ma su una cosa intanto tutti sono concordi (il ministro dell’Economia, l’ex ministro e Palazzo Chigi): non ci sarà bisogno di una manovra di aggiustamento dei conti. Anche perchè – dice appunto il premier Matteo Renzi a Bruxelles – ”non abbiamo rassicurazioni da dare” ai partner europei sullo stato dei conti e basta con il ”costante refrain italiano per cui si dipinge l’Europa come il luogo dove veniamo a prendere i compiti da fare a casa. L’Italia sa perfettamente cosa deve fare e lo farà da sola e lo farà non perchè lo dice l’Europa ma per il futuro dei nostri figli”. Quindi ripete 2 volte: ”la priorità è il lavoro e la crescita, il lavoro e la crescita”. E ribadisce che il 12 marzo il Cdm varerà il pacchetto sul lavoro. La complessa giornata inizia con un’intervista nella quale il titolare di via XX Settembre Pier Carlo Padoan chiarisce che l’obiettivo ora è ”concentrare tutto l’intervento in una direzione”, ”tutto sulle imprese, oppure tutto sui lavoratori”. Quindi si lavora ancora. Quanto alle coperture dalla Spending review queste possono arrivare a ”5 miliardi su base annua”, e poi ci saranno misure transitorie come il ”rientro dei capitali”. Poi i conti: ”sul deficit – sottolinea – non dobbiamo tornare oltre il 3%”. Il debito, aggiunge, va abbattuto e ”non perché ce lo chiede l’Europa ma per noi”. Urge quindi ”rafforzare il programma di privatizzazioni”. Insomma è tutto sotto controllo e il monito della Ue è certo ”severo ma va nella direzione di quello che pensiamo noi”. Interviene anche il governatore della Bce, Mario Draghi, che sembra appoggiare il richiamo dell’Ue: ”senz’altro accogliamo con favore le raccomandazioni della Commissione” e questo perchè ”sarebbe un disastro tornare indietro sul risanamento dopo ”così tanti sacrifici e così tanto dolore”. E la ‘ripresa lenta’ che vede Draghi più la decisione della Bce di non iniettare nuova liquidità, non sembra impressionare troppo i mercati che proseguono la giornata con il segno positivo. Chi sembra invece decisamente contrariato è l’ex ministro Saccomanni, che in una mail ‘di fuoco’ se la prende con Renzi per i commenti ”immotivati e incomprensibili” apparsi sulla stampa e attribuiti al premier sullo stato dei conti lasciati dal governo Letta. Ma arriva la smentita del responsabile economico del Pd, Filippo Taddei: ”Renzi non l’ha detto”. Saccomanni però se la prende anche con la commissione Ue che ”sorprende” nell’analisi sugli squilibri italiani. Ed è sorpreso anche Taddei per le considerazioni sul debito. Infatti – dice Saccomanni – l’alto livello del debito pubblico dipende anche dal pagamento dei debiti arretrati della P.a. e dal pagamento del fondo Salva-Stati (pesa 52 miliardi) che non sono certo azioni che Bruxelles non conosce avendole Roma preventivamente concordate. In tutto questo ‘bailamme’ il tema ‘risorse’ da recuperare resta comunque in primo piano anche perchè riuscire a ricontrattare il rispetto dei parametri europei sembra allo stato decisamente utopico. E mentre Padoan ‘fissa’ l’asticella della spending per il 2014 (5 miliardi), una buona notizia arriva proprio da Bruxelles: ”è possibile – spiega una fonte della Commissione – cominciare da subito a investire su poche e mirate misure, concordate con l’Ue, per occupazione e competitività nel quadro della nuova programmazione 2014-2020”. Ma per avere questi fondi ci sono delle condizioni e una è che la programmazione deve essere verificata a posteriori. Inoltre ”non ci sono più margini per modificare i fondi regionali 2007-2013”. Cioè i fondi potranno essere utilizzati in futuro e comunque Bruxelles verificherà. (Francesco Carbone/ANSA)

Ultima ora

23:57Iran: Djalali confessa in tv, sono una spia

(ANSA) - TEHERAN, 17 DIC - Ahmadreza Djalali, il medico arrestato in Iran nel 2016 con l'accusa di spionaggio e condannato a morte a ottobre, ha "confessato" in tv di aver spiato il programma nucleare di Teheran per conto di una nazione europea, senza nominare quale. Il presentatore tv, tuttavia, ha citato il Mossad, mentre scorrevano le immagini dei documenti svedesi dell'uomo e del Colosseo: Djalali, medico, ha infatti trascorso un periodo in Italia. In cambio della sua attività di spia, ha spiegato lui stesso, avrebbe ottenuto la cittadinanza di un Paese europeo.

22:57Savoia: Smuraglia (Anpi),solennità volo Stato urta coscienze

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Quello dei Savoia lo considero un problema chiuso da molto tempo. Una vicenda finita. Smettiamo di parlarne. Ritengo che portare la salma in Italia con solennità e volo di Stato è qualcosa che urta le coscienze di chi custodisce una memoria storica. Urta con la storia di questo dopoguerra. E non si parli più neanche di questa ipotesi di mettere le loro salme nel Pantheon. Basta". Così il presidente emerito dell'Anpi Carlo Smuraglia commenta il rientro in Italia delle spoglie di Vittorio Emanuele III con un volo dell'Aeronautica militare.

22:35Donna uccisa a coltellate in casa nel Milanese

(ANSA) - MILANO, 17 DIC - Una donna di 33 anni, con due figli piccoli, è stata trovata agonizzante, colpita da tre coltellate al torace nella sua abitazione di Parabiago, nel Milanese. E' stata la madre a trovarla, a terra, in bagno. La donna, un'italiana, è morta poco dopo. Indagano i carabinieri della Compagnia di Legnano.

22:26Calcio: Junior Tim Cup oggi al Ferraris

(ANSA) - GENOVA, 17 DIC - Le squadre della Parrocchia Caramagna di Imperia e dell'Oratorio Santa Dorotea di Genova si sono affrontate allo stadio Ferraris prima del match Sampdoria- Sassuolo in un'amichevole terminata con il risultato di 2-10, nel contesto della VI Edizione della Junior TIM Cup, il torneo di calcio a 7 Under 14 sostenuto da Lega Serie A, TIM e Centro Sportivo Italiano. A fine gara, i ragazzi hanno consegnato ai giocatori della Sampdoria e del Sassuolo la fascia da capitano della Junior TIM Cup per poi accompagnarli all'ingresso in campo. La VI edizione della Junior TIM Cup si disputa nelle 15 città le cui squadre militano nella Serie A TIM 2017-2018. Le squadre vincitrici dei concentramenti interregionali di qualificazione alla fase nazionale si contenderanno il titolo di campioni della Junior TIM Cup, il 9 maggio, in occasione della Finale di TIM Cup 2017-2018.

22:17Calcio: Peruzzi, Milinkovic Savic? Nella Lazio sta benissimo

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Qui ci sono molti osservatori per Milinkovic Savic? So che lui sta benissimo qui e vuole rimanerci a lungo. Poi che ci siano molti scout è normale, ma per il momento Sergej sta bene alla Lazio". Il dirigente della Lazio Angelo Peruzzi parla delle dinamiche di mercato e in particolare del 'gioiello' serbo che mezza Europa sta tenendo d'occhio.Ma in casa biancoceleste sono stati giorni pesanti, per le polemiche sul Var e sugli arbitraggi che avrebbero penalizzato la squadra di Inzaghi. "Se siamo preoccupati per gli errori del Var di questa giornata? - dice Peruzzi - No, non lo siamo. Poi ogni partita ha i suoi episodi, non voglio polemizzare". "Ma pare che gli episodi siano valutabili a seconda delle circostanze - aggiunge - e sembra che non siano tutti d'accordo. E' come la parabola di Kafka, di un contadino che vuole conoscere la legge ma trova il portone del guardiano sempre chiuso.Non lo fanno mai entrare e lui,nonostante tutti i suoi sforzi,non riesce a capire le dinamiche della legge perché sono confuse".

22:07Calcio: Pescara, Sebastiani, Zeman? devo parlarci poi decido

(ANSA) - PESCARA, 17 DIC - Dichiarazioni pesanti del presidente del Pescara, Daniele Sebastiani, che nel dopopartita di Pescara-Novara, in mixed zone, ha attaccato il tecnico Zeman che ieri aveva detto in conferenza stampa di avere una visione diversa del calcio rispetto al presidente. "Se oggi c'era questo clima allo stadio era per la conferenza stampa di m... dell'allenatore - ha detto Sebastiani -. Se Zeman resterà? Devo parlarci e poi deciderò". Il presidente del Pescara, nonostante la vittoria per 1-0 sul Novara, potrebbe esonerare il tecnico boemo.

22:05Pallavolo: Serie A/1 donne, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A/1 donne di pallavolo, Samsung Galaxy Cup: Imoco Conegliano - Mycicero Pesaro 3-0 (ieri) Foppapedretti Bergamo - Saugella Monza 1-3 Liu Jo Modena - Pomì Casalmaggiore 3-1 Unet E-Work Busto Ar. - Savino Scandicci 2-3 (ieri) Il Bisonte Firenze - Lardini Filottrano 3-0 Sab Legnano - Igor Gorgonzola Novara 0-3 - Classifica: Conegliano 29; Novara 27; Scandicci e Busto Arsizio 24; Modena 18; Monza 16; Pesaro 15; Firenze 14; Legnano 11; Casalmaggiore 10; Bergamo 6; Filottrano 4.

Archivio Ultima ora