La Festa della Donna nelle parole di Marcella Mosca

Pubblicato il 08 marzo 2014 da redazione

CARACAS – L’8 marzo, data ufficiale della festa della donna, è sinonimo di conquiste sociali, politiche ed economiche delle donne. La trasformazione della società occidentale riguardo i diritti al femminile, è prodotto di diverse correnti di pensiero. Secondo la prima, il significato simbolico dell’8 marzo si fa risalire nella ritorsione ordita, nel 1908, dal proprietario dell’industria tessile Cotton di New York, a causa della quale persero la vita 129 operaie. La seconda, invece, adduce la scelta dell’8 marzo alla marcia per “il Pane e per la Pace” realizzata nel 1917, a San Pietroburgo, da un gruppo di donne sceso in strada per rivendicare i propri diritti, e con essi la fine della guerra. In Italia, le cose cominciano a cambiare a partire dal 1946, grazie ad  un decreto legge del 1945 in cui le donne ottengono, per la prima volta, la possibilità di andare a votare, di essere elette, di contribuire alla stesura della Costituzione e di presentare in Parlamento le prime proposte di legge contro le discriminazioni di genere e in favore della parità. In quell’anno, la mimosa assurge anche al rango di vessillo floreale della ricorrenza.

Il decennio compreso tra gli anni cinquanta e sessanta, l’emigrazione italiana nel mondo ha rappresentato uno dei caratteri più singolari ed importanti della storia del Belpaese. Numerose sono state le famiglie che lasciarono dietro la patria in cui erano nate per cercare un futuro migliore. Il ruolo delle donne nell’emigrazione italiana è stato un aspetto a lungo dimenticato. Le leggi che vengono approvate in Italia si battono per promuovere la pari dignità, sia sul piano sessuale, sia su quello sanitario.

Come si sono tradotti però queste leggi e questi cambiamenti nella vita delle donne emigranti?

In occasione di questa data così importante, l’abbiamo chiesto a una delle voci femminili più appassionate e preziose che abbiamo ancora la fortuna di avere tra noi: la Signora Marcella Mosca. Coordinatrice del Gruppo Ecologico e pioniere nella promozione  dei grandi eventi culturali del Centro Italiano Venezuelano, ha commentato in maniera gentile il percorso storico che ha portato le donne a vedersi riconoscere tutti i diritti sul piano personale, professionale e familiare:

– Non ci sono dubbi in relazione al costante contributo delle donne per il progresso dell’umanità. Dalla politica alla scienza, passando per le arti e la filosofia, la storia è piena di donne importanti che hanno lasciato proprie e vere traccie in progetti decisivi come Rita Levi, Eleanor Roosevelt, Madre Teresa di Calcutta,  Coco Chanel e tante altre.

Nata in Italia nel 1919, ha vissuto a Roma durante la Seconda Guerra Mondiale, un’esperienza sconvolgente che ha rafforzato i suoi principi, il valore della vita e l’importanza di prendersi cura della madre Terra.

Il progresso dalle adepte all’embrionale movimento femminista è stato possibile grazie allo sviluppo degli studi antropologici dei primi del novecento, i quali hanno contribuito ad innescare un necessario mutamento ideologico. Mosca commenta:

– Ci sono voluti  anni di lotte prima che le donne potessero iniziare a sentirsi libere dall’oppressione maschilista.

Arrivata in Venezuela nel 1952, la signora Mosca mette l’accento sull’evoluzione della società italiana e venezuelana riguardo al  maschilismo:

– Oggigiorno, non è frequente parlare del maschilismo come si faceva nel passato, anche se questo atteggiamento non è scomparso del tutto della nostra società.

Secondo Marcella Mosca, «ancora oggi le donne hanno molta strada da percorrere per riaffermare la propria femminilità», una sfida sempre appesantita di ostacoli da superare. La trasfigurazione dei pregiudizi e «rimuovere le logiche più ostili e conservatrici sono obiettivi che si devono raggiungere con rispetto e tolleranza», dice.

Nel caso venezuelano afferma che «il matriarcato è molto più marcato» e coincide con Simone de Beauvoir, scrittrice e filosofa francese, nel considerare che «donne non si nasce, lo si diventa». Per lei, il fatto di essere donna è più una costruzione sociale che una condizione biologica. Quello è l’orientamento per cui si regge la sua famiglia.

Quando si parla della gioventù, è molto enfatica:

– Occorre riscattare i valori ed i principi morali per garantire ai nostri ragazzi un futuro in cui possano sviluppare, in maniera sana, la propria sessualità. Non soltanto a livello fisico, ma anche psicologico. Molti dei nostri valori sono andati a detrimento di un ambiente moralmente sano per la gioventù.

Attualmente le leggi e le istituzioni che vedono come protagoniste le donne hanno cambiato significativamente le società tanto la italiana che quella venezuelana, anche se «è necessario diffondere ed istruire i ragazzi in materia di diritti per rafforzare la lotta contro la discriminazione e la violenza».

La Giornata Internazionale della Donna, nelle parole della signora Marcella Mosca, «è un modo per ricordare da dove veniamo e dove stiamo andando». L’occasione per rivendicare i diritti femminili e dimostrare che, oltre a “portare i pantaloni”, le donne indossano orgogliosamente le loro gonne riappropriandosi con grazia, intelligenza e determinazione delle opportunità che si presentano ogni giorno nella loro vita.

Arianna Pagano

Ultima ora

10:58Tornano gli Italian sport awards, Immobile fra i premiati

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Ritornano gli Italian sport awards, i premi ai calciatori italiani protagonisti della stagione 2016/17. Appuntamento lunedì a Cappacio-Paestum (Sa). L'evento, ideato da Donato Alfani è giunto alla 7/a edizione e si è contraddistinto come uno dei riconoscimenti più importanti nel panorama nazionale, tanto da ricevere il patrocinio di Coni e Figc. Tanti gli ospiti presenti alla serata di gala: per la Serie A incetta di premi per la Lazio, con Immobile, Parolo e Inzaghi. Premiati anche Cordaz, Nalini, il tecnico Rastelli, il ds Zamagna dell'Atalanta, l'arbitro Rocchi. Grande spazio anche alla Serie B, con i premi ad Amato Ciciretti, Coda, Dionisi, Soddimo, Favilli, oltre agli allenatori Semplici e Bucchi, protagonisti con Spal e Perugia, all'arbitro Manganiello. Tanti anche i premi destinati ai club di Serie C e D. "Siamo alla 7/a edizione e questo è già motivo d'orgoglio - dice Alfani -. Vorrei ringraziare tutti i membri della giuria che hanno supportato questo format".

10:48Auto: Profeta va all’assalto della Ronde di Sperlonga

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Tradizionale impegno di fine anno per il pilota palermitano Alessio Profeta che, nel prossimo week-end, sarà al via della 9/a Ronde di Sperlonga (Lt). Il ventunenne portacolori della scuderia Island motorsport sarà al volante della Peugeot 208 in configurazione R5, coadiuvato dalla conterranea Jessica Miuccio. L'affiatato equipaggio isolano, già sfortunato protagonista nella Ronde di Gioiosa Marea (Me) di pochi giorni addietro (archiviata anzitempo per l'afflosciamento della gomma anteriore sinistra, dovuto a un brusco 'atterraggio' subito dopo un salto quasi a fine tracciato), punterà a un piazzamento di rilievo, pur consapevole di doversi confrontare con alcuni tra i migliori interpreti nazionali della disciplina. Per Profeta si tratterà della seconda partecipazione consecutiva alla gara laziale, dopo un esordio degno di nota all'edizione 2016, contrassegnato dall'11/a piazza assoluta e, in quell'occasione, per la prima volta alla guida della Ford Fiesta R5. La manifestazione si aprirà sabato 16 dicembre.

10:48Calcio: Copa Sudamericana, vincono argentini Independiente

(ANSA) - SAN PAOLO (BRASILE), 14 DIC - Gli argentini dell'Independiente hanno vinto la Copa Sudamericana, secondo trofeo più prestigioso del Sud America (paragonabile a un'Europa League sudamericana). Un pareggio ieri sera per 1-1 con i brasiliani del Flamengo a Rio de Janeiro ha regalato agli argentini una vittoria per 3-2 nel risultato complessivo e il loro secondo titolo nella competizione. Il titolo riporta un certo orgoglio all'Independiente, dopo che la squadra di Buenos Aires è stata retrocessa nel suo campionato nazionale nel 2013.

10:39Sci: Cortina 2021, siglati protocolli antimafia

(ANSA) - BELLUNO, 14 DIC - Una 'lente d'ingrandimento' sulle vicende societarie delle imprese esecutrici e un controllo coordinato dei cantieri: sono gli strumenti principali previsti nelle due intese sottoscritte in Prefettura a Belluno per prevenire le infiltrazioni mafiose nel settore degli appalti legati all'organizzazione dei Mondiali di sci alpino di Cortina nel 2021. Il progetto è articolato su due accordi che consentiranno di rendere più efficace la prevenzione da indebite ingerenze della criminalità organizzata nell'esecuzione delle opere pubbliche. Il primo consentirà di disporre di un quadro informativo completo sulle ditte appaltatrici, il secondo di prevenire tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata nelle opere rientranti nel "Piano straordinario per l'accessibilità a Cortina 2021".

10:24Gerusalemme: fonti, rinviata visita Mike Pence

(ANSAmed) - TEL AVIV, 14 DIC - La visita dal 17 al 19 dicembre del vicepresidente Usa Mike Pence in Israele e nella regione è stata rinviata "di qualche giorno". Lo afferma una fonte a Gerusalemme secondo cui la decisione è legata all'esigenza della presenza di Pence al Congresso Usa. La visita - secondo la stessa fonte - è stata riprogrammata per la metà della prossima settimana.

10:01Tunisia: disordini ieri sera nella capitale

(ANSAmed) - TUNISI, 14 DIC - E' tornata la calma nel quartiere popolare del Kram di Tunisi, dopo gli scontri ieri sera tra forze dell'ordine e un gruppo di giovani sceso in strada per protestare contro il trattamento brutale, secondo alcuni testimoni, riservato dalla polizia a un pescivendolo del quartiere. Dopo l'uso di gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti la situazione è tornata alla normalità, riferiscono i media locali.

10:00Giappone: indennizzo governo a operaio Fukushima

(ANSA) - TOKYO, 14 DIC - Il ministero del Lavoro giapponese ha certificato il diritto all'indennizzo delle spese mediche per un ex operaio della centrale nucleare di Fukushima, ammalatosi di leucemia dopo un'eccessiva esposizione alle radiazioni. Secondo il canale pubblico Nhk, l'uomo, poco più che quarantenne, ha lavorato 19 anni per la Tokyo Electric Power (Tepco), il gestore dell'impianto che ha subito le maggiori conseguenze dello tsunami e la successiva dispersione delle radiazioni. L'operaio è stato esposto a 99,3 millisieverts di radiazioni; un valore che secondo il ministero della Salute nipponico può causare la leucemia. Si tratta della quarta persona in Giappone a vedere riconosciuti i propri diritti ad un rimborso, dopo aver certificato lo sviluppo della leucemia e il cancro alla tiroide, come conseguenza delle condizioni di lavoro. Dalla catastrofe di Fukushima circa 56.000 persone sono state impiegate per i lavori di smantellamento dell'impianto fino al maggio di quest'anno.

Archivio Ultima ora