Tennis: la favola di Camila Giorgi, eliminata Sharapova

Pubblicato il 11 marzo 2014 da redazione

ROMA. – La piccola favola di una grande Camila Giorgi. Otto giorni dopo il trionfo italiano agli Oscar con ‘La grande bellezza’ di Paolo Sorrentino, un’altra bella impresa italiana illumina quello stesso Stato della California dove Hollywood celebra i fasti e i riti del cinema. Sul cemento di Indian Wells, località nel deserto nota per il torneo di tennis e come residenza di milionari, la 22enne marchigiana, numero 79 del ranking e arrivata dalle qualificazioni, ha eliminato la favoritissima Maria Sharapova, la fuoriclasse russa numero 5 mondiale e campionessa in carica. Ora, negli ottavi di finale – i suoi primi in carriera in un torneo Wta Premier Mandatory – la attende, nella notte, un derby azzurro contro Flavia Pennetta, n. 21, che ha superato nel terzo turno, per 6-4 3-6 6-1, l’australiana Samantha Stosur, n. 17. E’ stata forte, determinata e concentrata la bionda, piccola Camila (‘appena’ 1,68 di altezza, in un circuito di gigantesse, 20 centimetri in meno della 26enne siberiana). Si è imposta in due ore e 36 minuti, con il punteggio di 6-3 4-6 7-5, tra gli applausi del pubblico che tifava apertamente per lei, come a sostenere Davide contro Golia. E’ stata fredda, precisa e potente, senza mollare mai, rispondendo colpo su colpo all’ avversaria, apparsa quasi incredula e piuttosto nervosa, a lungo costretta lontano dalla linea di fondo. Sul 5-5 nel terzo set Camila ha strappato il servizio a Masha aggiudicandosi il game a zero. Ha poi mantenuto la battuta e agguantato il 7-5 che le regala la prima vittoria in carriera contro una Top 5; e fa di lei solo la terza italiana ad aver sconfitto la Sharapova dopo Silvia Farina nel 2004 e la Pennetta nel 2009 e nel 2011. Per lei, alla fine, l’ovazione del pubblico e l’abbraccio di papà Sergio, suo coach e mentore, commosso fino alle lacrime. “All’inizio ero un po’ tesa, nervosa, ma ho sempre cercato di spingere al massimo, anche nei momenti in cui la mia avversaria è tornata sotto”, ha dichiarato la Giorgi. “Ho giocato sempre il mio tennis anche contro la Sharapova, ho rischiato nei momenti cruciali ed è andata bene”, ha aggiunto, spiegando che il tifo degli spettatori le ha dato “una bella sensazione”. “Quando Camila gioca così può battere chiunque, può diventare una delle giocatrici più forti del mondo. Davvero una grande prestazione”, ha detto il capitano azzurro Corrado Barazzutti. Nel torneo maschile, è agli ottavi Fabio Fognini, con il n. 14 primo azzurro del ranking (6-2 3-6 7-5 al francese Gael Monfils, n. 25); fuori invece Andreas Seppi, n. 32 (6-0 6-2 dallo svizzzero Stanislaw Wawrinka, n. 3). Prossimo avversario del 26enne ligure sarà l’ucraino Alexandr Dolgopolov, n. 31, che gli ha fatto il piacere di eliminare il numero 1 del mondo, lo spagnolo Rafa Nadal, battuto a sorpresa per 6-3 3-6 7-6 (5). Agli ottavi anche il n. 6, lo scozzese Andy Murray (6-7/2 6-4 6-4 al ceco Jiri Vesely); e il n. 8, lo svizzero Roger Federer (7-6/7 7-6/2 al russo Dmitry Tursunov).

Ultima ora

13:16Camionista trovato legato e privo di sensi in cabina

(ANSA)- LENTATE SUL SEVESO (MONZA), 12 DIC - Legato e immobilizzato all'interno della cabina del suo mezzo, forse a scopo di rapina: così è stato trovato un camionista di 39 anni dagli operatori del 118, intervenuti su segnalazione di un passante, in una frazione di Lentate Sul Seveso (Monza). Durante il trasporto in ospedale a Desio (Monza), i soccorritori sono riusciti a rianimarlo. Non sarebbe in pericolo di vita. Proveniva da Reggio Calabria il camionista 39enne di origine indiana trovato legato e incosciente nella cabina del suo camion. L'uomo, che si era fermato in un'area di sosta, aveva i polsi legati con del nastro adesivo ma non aveva altri segni di violenza, quindi probabilmente è stato addormentato con del narcotico. Quando si è svegliato ha visto che non c'era più il rimorchio del camion. L'autista non ha saputo dire quale fosse il contenuto del carico.

12:52Tennis: Itf Dubai, Errani al secondo turno

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Sara Errani si è qualificata per il secondo turno del torneo Itf di Dubai (100 mila dollari di montepremi, cemento) negli Emirati Arabi Uniti: la romagnola, numero 144 del ranking mondiale, ha superato per 6-2 6-1 la romena Alexandra Cadantu. Prossima avversaria di Sara la bielorussa Vera Lapko, numero 134 del ranking Wta ed ottava testa di serie del torneo.

12:45Trovato senzatetto semi carbonizzato in un appartamento

(ANSA) - GROSSETO, 12 DIC - Un ragazzo di circa 25 anni è stato trovato semi carbonizzato in un appartamento a Grosseto. Il giovane, un senzatetto, stando alla ricostruzione dei carabinieri, avrebbe accusato un malore e sarebbe morto asfissiato e bruciato dal fuoco che aveva acceso per scaldarsi. Gli amici hanno avvertito le forze dell'ordine la notte scorsa intorno all'una quando il 25enne non rispondeva dall'appartamento che aveva occupato abusivamente da qualche giorno. Sul posto anche il nucleo scientifico dei carabinieri.

12:34Maltempo: Enza rompe argini, evacuate mille persone

(ANSA) - BOLOGNA, 12 DIC - E' in corso, nel Reggiano, a Lentigione, nel Comune di Brescello, l'evacuazione di oltre mille persone per la tracimazione del fiume Enza. Il fiume ha rotto gli argini e ha invaso l'abitato e la zona industriale. Per l'evacuazione delle persone si sta usando anche un elicottero. Per la piena dell'Enza è stata interrotta anche la statale 63. Situazione meno preoccupante, invece, dove il fiume ha riempito le golene, ma non si registrano situazioni particolari anche se alcune piccole frazioni sono state evacuate per precauzione. Sotto osservazione, nel Parmense, anche il torrente Parma che è tracimato nella zona di Colorno allagando giardini e spazi esterni. Il maltempo dei giorni scorsi sta provocando disagi anche in Appennino, dove alcune strade provinciali sono state chiuse per frane e dove alcune abitazioni sono senza elettricità e collegamenti telefonici.

12:29Sardo ucciso a Londra, ergastolo all’ex fidanzata bengalese

(ANSA) - NUORO, 12 DIC - E' stata condannata all'ergastolo Hasna Begum, la commessa di 25 anni originaria del Bangladesh, ritenuta responsabile dell'omicidio del nuorese Pietro Sanna, 24 anni, ucciso a coltellate nella sua casa di Londra il 23 giugno scorso. La giovane secondo i giudici londinesi avrebbe ucciso per gelosia dopo la fine della relazione con il 24enne di Nuoro. Una relazione durata un anno, ma poi dopo la separazione la giovane commessa avrebbe iniziato un'azione che i giudici londinesi definiscono di "stalking" nei confronti del giovane, che da alcuni anni lavorava a Londra come commesso e come deejay. Lo controllava attraverso i social, si era convinta che avesse una relazione con un'altra. Ed è a questo punto, secondo i giudici britannici, che sarebbe maturato il proposito di vendetta. Dopo aver indossato una parrucca bionda, lei scura di capelli, è arrivata con un taxi a casa di Pietro nel quartiere di Canning Town e lo avrebbe colpito con un coltellaccio da cucina con cui ha poi infierito con 36 colpi.

12:23Migranti: Amnesty, governi Ue complici torture in Libia

(ANSA) - BRUXELLES, 12 DIC - "I governi europei" ed "in particolare l'Italia" sono "consapevolmente complici delle torture e degli abusi su decine di migliaia di migranti detenuti dalla autorità libiche per l'immigrazione in orribili condizioni in Libia". Lo scrive Amnesty International in un rapporto. "Non solo non sono stati pienamente consapevoli di questi abusi ma, sostenendo le autorità libiche nel fermare le traversate e tenere la gente in Libia, sono stati complici di questi crimini" ha detto il direttore John Dalhuisen.

12:23Skinheads:movimento Dodici Raggi,in rete foto manifestazione

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - "Eccoci! Ci accusavate di agire la notte...ma il San Martino è nostro dall'alba al tramonto. Ci troverete sempre qui, oggi come allora!": sono le parole scritte dai militanti della Comunità Militante dei Dodici Raggi per accompagnare le foto della manifestazione organizzata lo scorso 18 novembre sul Monte San Martino di Duno (Varese), poco lontano dal Sacrario eretto in memoria dei caduti partigiani, per ricordare i morti dell'esercito tedesco. Manifestazione per cui, insieme ad altri episodi, alcuni militanti ora sono sotto indagine. Sul loro sito i "ragazzi con il bomber nero" come si definiscono, ricostruiscono la storia dei Varese Skinheads, nati nel 1993: "L'impronta da subito inconfutabilmente - scrivono - è quella di ispirazione nazionalsocialista e di matrice pagana". Raccontano dei periodi più duri, "come quelli degli allontanamenti di membri più o meno importanti e quelli delle prime carcerazioni, anche con accuse molto gravi". "Guai giudiziari, che ad oggi - si legge sul sito - hanno portato alla carcerazione di sei membri del gruppo e l'incriminazione per vari reati di quasi tutti gli altri". Poi cinque anni fa "dall'unione con gli ultras 7LAGHI nasce la COMUNITA' MILITANTE DEI DODICI RAGGI con l'apertura di un fight-club e di una sede, base logistica per le attività dei due gruppi. Il territorio di influenza della nostra scena - ammettono - è sempre stato molto limitato. Le città più grandi della provincia, Busto Arsizio, Tradate, Saronno, Gallarate gravitano nell'orbita di altre realtà o ne hanno una propria, il che fa di Varese qualcosa al di fuori del comune, se non altro per la dimensione".

Archivio Ultima ora