Denunce abusi e torture, governo respinge accuse

Pubblicato il 11 marzo 2014 da redazione

CARACAS. – Botta e risposta in Venezuela tra opposizione e associazioni di difesa dei diritti umani da una parte e autorità dall’altra su presunti abusi e torture contro i partecipanti alle proteste che si susseguono da oltre un mese nel paese. Nel mirino delle Ong e dei dimostranti sono finite le forze di sicurezza e gruppi irregolari chavisti, mentre il governo di Nicolás Maduro respinge tutte le accuse, replicando che sono i manifestanti ad essere responsabili della violenza nel paese. Il Foro Penale Venezuelano (Fpv), una ong locale, ha presentato la settimana scorsa alla “Defensora del Pueblo” Gabriela Ramírez un rapporto su 40 casi di presunte torture, compreso quello di Juan Manuel Carrasco, uno studente di Carababo che ha denunciato di essere stato stuprato con la canna di un fucile dopo essere stato fermato dalle forze dell’ordine in un corteo antigovernativo. Ramírez, da parte sua, ha risposto alle denunce chiarendo che “bisogna essere molto rigorosi con l’uso dei termini” perché “la tortura consiste nella sofferenza inflitta a una persona per ottenere una confessione”, cosa diversa dall'”uso esagerato della forza”, perché in base a questa distinzione “si stabilisce l’entità della pena e la proporzionalità del castigo”. Maduro è stato però categorico: “In Venezuela non si tortura”, ha detto in una conferenza stampa, spiegando che “perché ci sia tortura ci deve essere l’ordine di qualcuno e il comandante Chávez non ha mai dato quell’ordine e noi facciamo come lui”. Il presidente ha comunque concesso che esistono “casi eccezionali”, come quello degli agenti dell’intelligence sospettati di aver ucciso due persone il 12 febbraio “che attualmente sono sotto inchiesta”. Ma la Ong non accetta queste spiegazioni, sottolineando che i trattati internazionali sulla tortura non prevedono le distinzioni formulate da Gabriela Ramírez, e che i casi di abusi contro i manifestanti arrestati -colpi, isolamento, minacce e accuse giudiziarie – sono troppo numerosi per poter essere considerati come azioni isolate o giustificabili “perché dopo tutto siamo umani”, come ha detto la ministro della Difesa, Carmen Melendez. Il Relatore speciale dell’Onu contra la tortura, l’argentino Juan Mendez, ha detto ieri a Ginevra che il suo organismo ha ricevuto “denunce di ogni tipo” dal paese, fra le quali “alcune, fortunatamente poche, di casi gravi di tortura” che dovrebbero essere investigate. Ha quindi rinnovato la sua richiesta di poter visitare il Venezuela ed è in attesa di una risposta di Caracas.

Ultima ora

13:29Tennis: Ift Dubai, Errani ai quarti

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Sara Errani si è qualificata per i quarti di finale del torneo Itf di Dubai (100 mila dollari di montepremi, cemento), negli Emirati Arabi Uniti: al secondo turno la romagnola, numero 143 del ranking mondiale, ha sconfitto per 6-4 7-6 (7-4) la bielorussa Vera Lapko, numero 134 Wta e ottava testa di serie del torneo.

13:22Carceri: detenuto di 20 anni suicida a San Vittore

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Un detenuto marocchino di 20 anni, condannato per rapina e con fine pena 2020, si è impiccato nel bagno della sua cella nel carcere San Vittore di Milano. Ne dà notizia il segretario regionale lombardo del Sindacato autonomo polizia penitenziaria (Sappe), Alfonso Greco: "L'uomo era detenuto nel V Reparto detentivo del carcere di San Vittore e si è impiccato nel bagno della cella - spiega Greco -. Nonostante il tempestivo intervento dell'Agente di Polizia Penitenziaria, non è stato purtroppo possibile salvargli la vita. Un gesto grave, che lascia in noi amarezza e sgomento". Donato Capece, segretario generale Sappe, denuncia: "Tre detenuti che si tolgono la vita in carcere in meno di una settimana sono un fallimento per lo Stato. Vittime innocenti di un disagio individuale a cui non si riesce a fare fronte nonostante gli sforzi e l'impegno degli operatori". Capece ricorda che "sabato si era tolto la vita un detenuto a Regina Coeli a Roma, domenica un altro di Terni".

13:18Basket: Nba, ko a Cleveland Atlanta perde ancora

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Niente da fare per Marco Belinelli e gli Atlanta Hawks, sconfitti a Cleveland dai Cavaliers: 123-114 il punteggio a favore di LeBron James (autore di 25 punti) e compagni. Per il giocatore azzurro 8 punti in poco più di 20 minuti di gioco. Per gli Hawks, ultimi nella Eastern Conference, si tratta della 21/a sconfitta su 27 partite disputate mentre i Cavs hanno totalizzato il loro 20/o successo mantenendo il secondo posto alle spalle dei Boston Celtics. Nelle altre partite del campionato Nba disputate la scorsa notte vittorie dopo un tempo supplementare dei New York Knicks sui Los Angeles Lakers (113-109) e dei Philadelphia 76ers in casa dei Minnesota Timberwolves (118-112). I Brooklyn Nets hanno superato 103-98 i Washington Wizards, i Dallas Mavericks si sono aggiudicati per 95-89 il derby texano sui San Antonio Spurs e i Sacramento Kings hanno piegato 99-92 i Phoenix Suns. Infine successo esterno per 103-84 dei Denver Nuggets sui Detroit Pistons.

13:16Uomo muore dopo allenamento in palestra nel Foggiano

(ANSA) - MONTE SANT'ANGELO (FOGGIA), 13 DIC - Un 34enne è morto dopo aver sostenuto un allenamento, ieri sera, all'interno di una palestra in via Manfredonia, a Monte Sant'Angelo (Foggia). L'uomo, secondo quanto accertato dai carabinieri del Comando provinciale di Foggia che indagano sull'episodio, aveva appena terminato l'allenamento e si era recato negli spogliatoi per cambiarsi e tornare a casa. All'improvviso si è sentito male e si è accasciato a terra. Malgrado l'immediato intervento dei sanitari del 118, per il 34enne non c'è stato niente da fare.

13:10Pakistan: bambina nasce in volo, la chiamano ‘Paradiso’

(ANSA) - ISLAMABAD, 13 DIC - Una giovane madre pachistana ha messo al mondo ieri sera, su un aereo della compagnia Pakistan International Airlines (PIA), in volo fra la città saudita di Medina e quella pachistana di Multan una neonata a cui, date le circostanze, è stato assegnato il nome di 'Jannat' (Paradiso). Un portavoce della PIA non ha esitato ad evocare un miracolo per commentare il lieto evento. "I miracoli - ha detto ringraziando l'equipaggio che si è adoperato per collaborare con il parto - non succedono tutti i giorni. Ma noi oggi ne abbiamo avuto uno piccolo con la nascita di una bellissima bambina!". "Lei ha aperto gli occhi nel cielo azzurro - ha concluso - ed anche per questo il papà Imran e la mamma Kausar, che lavorano in Arabia saudita e tornavano a casa per vacanze, sono stati d'accordo nell'assegnarle il nome di 'Jannat' (Paradiso).

13:09Calcio: Milan, ‘Donnarumma patrimonio sportivo ed economico’

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non è il tempo del mercato". Nella consueta rassegna stampa pubblicata sul sito del Milan, si conclude così il commento sull'intricato caso di Gianluigi Donnarumma e sull'ipotesi di cessione tornata d'attualità in questi giorni. "Gigio è un patrimonio del Club, sia sportivo (è reduce da ottime parate contro Torino e Bologna) che economico - si legge sul sito della società rossonera -. Tutto questo è valorizzato da un contratto fino al 2021 e rafforzato da un dialogo sempre aperto e positivo fra il giocatore e il suo allenatore, fra il giocatore e il direttore sportivo rossonero Mirabelli. Stabilito questo come ha già avuto modo di affermare proprio Rino Gattuso ieri, il Milan è concentrato adesso solo sul campo. È lì che la squadra rossonera deve continuare a lavorare per tornare grande. Non è questo il tempo del mercato - è la conclusione -, ma solo ed esclusivamente del campo".

13:07Brexit: Barnier, non accetteremo alcun passo indietro da Gb

(ANSA) - STRASBURGO, 13 DIC - "Non accetteremo alcun passo indietro rispetto alla dichiarazione congiunta" siglata venerdì scorso da Regno Unito e Unione europea. Lo ha detto il negoziatore dell'Ue per la Brexit, Michel Barnier, durante un dibattito in plenaria al Parlamento europeo. I punti della 'fase uno' del negoziato, ha detto, "devono essere rapidamente tradotti in un accordo di ritiro giuridicamente stringente. Questa è una delle condizioni per il buon andamento del negoziato". Barnier ha anche sottolineato che questa "è una tappa importante ma ce ne saranno molte altre".

Archivio Ultima ora