La giornata politica: Renzi ha deciso di portare la sua offensiva anche sul fronte di Bruxelles

Pubblicato il 13 marzo 2014 da redazione

ROMA. – La polemica a distanza con la Bce, che rimprovera all’Italia di non aver fatto nessun progresso nella riduzione del deficit, dimostra che Matteo Renzi ha deciso di portare la sua offensiva anche sul fronte di Bruxelles. Come? Semplicemente con un rapporto di reciprocità. Il governo rispetterà gli impegni ma anche l’Europa deve cambiare, spiega il Rottamatore sul filo di un pensiero peraltro condiviso dalle massime cariche dello Stato. Come ha detto la presidente della Camera Laura Boldrini, a Bruxelles serve una svolta perché la politica dell’austerità ad ogni costo non regge più. Il premier, insomma, non si lascia intimidire dalla sortita dei banchieri europei che, all’indomani della presentazione del suo programma, hanno implicitamente invitato il governo italiano a non toccare i decimali sotto il 3 per cento del Pil che invece dovrebbero contribuire alla manovra; addirittura sembrano suggerire nuovi sacrifici per toccare quota 2 per cento. Nel fine settimana il premier-segretario incontrerà in successione Fran&Daggerois Hollande ed Angela Merkel: saranno questi i due colloqui decisivi per capire se l’Europa approva davvero la svolta renziana. All’appuntamento, il Rottamatore si presenta forte di una convinzione: l’Unione europea ha più bisogno dell’ Italia di quanto l’Italia abbia bisogno dell’Unione europea. Ciò naturalmente non significa aprire uno scontro preventivo, ma chiedere almeno parità di trattamento grazie al cammino di riforme appena impostato e all’imminente semestre di presidenza italiana che un peso lo ha sul tavolo del negoziato. L’arma preferita di Renzi resta quel ”mettere la faccia” su tutto ciò che fa: così, per garantire che il 27 maggio i lavoratori che guadagnano meno di 1.500 euro al mese avranno il loro aumento in busta paga, il premier autorizza a chiamarlo ”buffone” se ciò non accadrà. Ammette esplicitamente che c’è del markenting nelle sue dichiarazioni, ma del resto è qualcosa a cui il Paese è abituato dopo il ventennio berlusconiano. L’obiettivo di Renzi è quello di giungere alle elezioni europee con qualche risultato tangibile. Si tratta infatti del suo primo test elettorale e sarebbe imbarazzante perderlo contro gli euroscettici. Il grillino Luigi Di Maio, infatti, fa sapere di essere in possesso di sondaggi che farebbero del Movimento 5 Stelle il primo partito italiano. Per bloccare questo trend al premier non resta che una strada: disegnare una sinistra di governo vincente che richiami l’esperienza di Tony Blair e che soprattutto trasmetta la sensazione di un programma per così dire social-liberale, esattamente come fu quello del leader laburista. Si tratta di una scommessa politica piuttosto rischiosa. Per due motivi: il malessere della sinistra democratica che si trova improvvisamente circoscritta in una sorta di riserva e lo speculare malumore dei berlusconiani che, nell’accettare il patto sulle riforme, avevano forse sottovalutato gli effetti della britzkrieg renziana. Gianni Cuperlo, leader della minoranza interna del Pd, ammette che la redistribuzione delle risorse preannunciata da Renzi è un’operazione tipicamente di sinistra. Nichi Vendola e Susanna Camusso non possono che convenire. Ma ciò significa riconoscere che Renzi è riuscito là dove avevano fallito tutti gli altri leader democratici: per la prima volta tornano nelle tasche del ceto medio-basso un po’ di soldi dopo anni di tassazione crescente. In tal senso, la polemica sulla legge elettorale (che dovrà essere discussa in seconda lettura solo dopo l’abolizione del Senato, dunque con tempi medio-lunghi) rischia di assumere i toni della battaglia di retroguardia. Renzi non solo ha realizzato un’operazione che molti giudicavano impossibile, superando le resistenze di destra e sinistra, ma si è anche impossessato di idee che provenivano proprio dall’area dell’ opposizione interna e dai suoi predecessori alla guida del governo: e minaccia di dimostrare che esse erano perfettamente realizzabili. Un bel problema che riguarda in fondo anche Berlusconi ed Alfano (che cerca di intestarsi il blocco della patrimoniale). Al di là della simpatia umana verso il Rottamatore, Berlusconi corre il pericolo di passare per un venditore di fumo se davvero Renzi riuscirà in pochi mesi a fare quello che a lui non è riuscito: pagare i debiti della Pubblica amministrazione, riformare il mercato del lavoro, abbassare le tasse e perfino dare una sforbiciata all’Irap. Per di più tagliando i costi dell’odiata burocrazia e dei top manager di Stato (vecchio cavallo di battaglia del centrodestra) e i suoi simboli come le auto blu. Ciò spiega le bordate polemiche dei forzisti all’ indirizzo delle ”chiacchiere” di un uomo che comincia a calamitare le attenzioni dell’elettorato moderato.  (di Pierfrancesco Frerè/Ansa)

Ultima ora

01:11Calcio: Foggia-Venezia 2-2

(ANSA) - FOGGIA, 15 DIC - Il Foggia riesce ad acciuffare negli ultimi secondi del recupero il pareggio (2-2) insperato contro un Venezia ben organizzato che aveva mostrato per quasi tutta la partita di poter sovrastare e controllare facilmente gli avversari rossoneri. Una partita che poteva finire tranquillamente con tre o quattro gol di vantaggio per gli uomini di Pippo Inzaghi, ma che e' stata recuperata con la forza della disperazione da un Foggia molto confusionario ma comunque volitivo.

00:34India: Sonia Gandhi lascia presidenza partito Congresso

(ANSA) - NEW DELHI, 15 DIC - Con una cerimonia solenne nella sede del comitato centrale a New Delhi, l'italo-indiana Sonia Gandhi lascerà la presidenza del partito del Congresso trasmettendola al figlio Rahul, designato all'unanimità quale successore. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti. Da tempo la Gandhi aveva avvertito che al compimento del 70/o compleanno avrebbe lasciato le sue responsabilità ai vertici del Congresso ed oggi il portavoce della storica formazione politica, Randeep Surjewala, ha sottolineato che "questo non significa affatto che lei abbandonerà la vita politica attiva". In un tweet Surjewala ha spiegato che "Sonia Gandhi ha abbandonato (dopo 19 anni) la presidenza del partito ma non la politica. La sua benedizione, saggezza e innato impegno nei confronti dell'ideologia del Congresso formeranno sempre la luce che ci orienterà".

00:07L’Spd apre a grande coalizione,sì a colloqui con Merkel

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - I socialdemocratici tedeschi hanno preso la loro decisione: affronteranno i colloqui per una possibile coalizione di governo con Angela Merkel all'inizio di gennaio, e nel giro di due settimane presenteranno i risultati a un congresso straordinario di partito, fissato il 14, per stabilire se sedersi al tavolo dei veri e propri negoziati per una nuova edizione della Grosse Koalition. "Colloqui dall'esito comunque aperto", ha ribadito il leader fresco di conferma, senza rinunciare all'ipotesi di nuove forme di collaborazione. La cancelliera ha apprezzato pubblicamente gli sforzi compiuti da un partito costretto ad una evidente, complicata retromarcia, e ha espresso "grande rispetto" per il percorso decisionale degli alleati-avversari, sottolineando poi però che all'Europa serve una Germania stabile. "Ce lo chiedono tutti", è il monito arrivato dopo il vertice di Bruxelles, a Norimberga, dove era ospite dei cristiano-sociali.

23:58Austria: chiuse trattative. Kurz, c’è accordo governo

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - In Austria, le trattative fra l'Oevp del conservatore Sebastian Kurz e il Fpoe del populista di destra Heinz Christian Strache sono concluse, e i due partiti sono pronti a governare. "C'è un accordo turchese-blu", ha affermato Kurz. "Alle elezioni del 15 ottobre si è deciso per il cambiamento, e insieme vogliamo mettere al sicuro questo cambiamento", ha affermato Kurz, che ha annunciato di voler stabilire un "nuovo stile". "La nuova coalizione si impegna per una politica che risparmia nel sistema, e non a carico della gente", ha continuato il cancelliere designato che ha promesso l'abbassamento delle tasse agli austriaci. A soli 31 anni, sarà lui il cancelliere più giovane della storia del suo Paese e dell'Europa. E questo è l'esito di uno stile politico spregiudicato, con cui il giovanissimo ex ministro degli Esteri ha conquistato la leadership del partito popolare e lo ha portato progressivamente più a destra, strappando il possibile successo elettorale dei populisti di destra del Fpoe.

23:57Gerusalemme: fonti Casa Bianca, Muro parte di Israele

(ANSA) - WASHINGTON, 15 DIC - La Casa Bianca manda segnali per far sapere che vede il Muro occidentale di Gerusalemme (il Muro del pianto) come parte di Israele, alla vigilia della visita del vicepresidente Usa Mike Pence nella regione. Benche' precisino che i confini definitivi della citta' santa devono essere definiti dai negoziati israelo-palestinesi, i dirigenti della Casa Bianca contattati dall'Ap escludono fondamentalmente qualsiasi scenario che non mantenga il controllo di Israele sui luoghi sacri dell'ebraismo.

23:55Basket: Eurolega, Panathinaikos-Milano 80-72

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - L'Olimpia ad Atene fa come Penelope ad Itaca: contro il Panathinakos tesse la tela per 15' e si costruisce un vantaggio di 13 punti (37-24), poi la disfa perdendo fluidità in attacco e consistenza in difesa fino al 80-72 che sancisce la quarta sconfitta consecutiva in Eurolega (3-9). Delusione e rimpianti si mischiano alla rabbia per un arbitraggio discusso e discutibile: con la gara in equilibrio a metà del terzo periodo viene fischiato un fallo tecnico per una simulazione molto dubbia a Theodore che costa al playmaker l'espulsione. In quel momento il Panathinaikos piazza un parziale di 7-0 che spacca in due l'incontro. Le triple di Rivers (20 punti, 6/9 da 3) e Lojeski (14, 2/4 dall'arco) e il predomino a rimbalzo di Gost (11 e 7) fanno il resto, lasciando l'AX Milano con il cerino in mano e con tanto amaro in bocca.

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

Archivio Ultima ora