Pensionati sul piede di guerra. Premier rassicura: nessun prelievo

Pubblicato il 13 marzo 2014 da redazione

ROMA. – Sindacati sul piede di guerra contro il contributo temporaneo sulle pensioni medio-alte da destinare alle nuove assunzioni prospettato dal commissario per la spending review, Carlo Cottarelli. Ad attaccare per primi sono proprio i pensionati, considerando l’ipotesi “inaccettabile”, una “ennesima ingiustizia”, dopo aver già pagato tanto. Il premier Matteo Renzi però rassicura: “L’idea che chi guadagna 2000-3000 euro di pensione sia chiamato ad un contributo va escluso. Chi sostiene che i pensionati pagheranno la manovra sbaglia, per i pensionati non cambia niente”, afferma smentendo così l’ipotesi di un prelievo fatta dal super commissario alla Spending Review. Il premier ha già fatto sapere che il super-esperto arrivato dal Fmi risponderà direttamente a Palazzo Chigi, non più al tesoro. E un incontro tra i due, del resto, è fissato per questa mattina mattina quando si riunirà a Palazzo Chigi il comitato per la revisione della spesa al quale parteciperanno molti ministri. Ma, partito il Jobs act e le misure fiscali, sui pensionati i sindacati non sono comunque soddisfatti e puntano il dito contro la mancata svolta per loro, perché non beneficeranno della detrazione Irpef diretta ai lavoratori dipendenti, che porterà mille euro netti in più l’anno nelle buste paga di chi guadagna fino a 1.500 euro netti al mese. “Nessuna svolta buona per i pensionati e gli anziani. Tra le misure annunciate ieri dal governo per loro non c’è niente ed è ormai del tutto evidente che sono considerati a tutti gli effetti dei cittadini di serie B, non meritevoli di alcuna attenzione”, affermano Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp-Uil, che dicono “non resteremo fermi e zitti”. La richiesta di un segnale di attenzione nei loro riguardi arriva anche dai leader confederali: il governo “dovrebbe fare un passo in più e guardare ai tanti pensionati poveri che hanno pensioni basse. Anche a loro è dovuta una restituzione fiscale”, afferma il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso. Come lei, anche il numero uno della Cisl, Raffaele Bonanni, apprezzando il taglio dell’Irpef per i lavoratori, chiede che non siano dimenticati i pensionati con i redditi più bassi. Ma resta un altro nodo da sciogliere, quello delle risorse per la cig in deroga. “C’è una differenza di un miliardo di euro tra ciò che abbiamo finanziato in passato e quello che è in bilancio quest’anno”: a dirlo è lo stesso ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, sottolineando che questo “è un dato meccanico” ma riconoscendo che la questione è aperta. Ma alla domanda su quando verrà sciolto il nodo delle risorse (già il ministro nei giorni scorsi aveva indicato il rischio che a metà anno si resti senza), risponde: “Non lo so, sappiamo che abbiamo questo problema”. Sul Jobs act, Poletti ribadisce che si è fatta “una operazione che rende semplice la possibilità di assumere”. E spiega che le novità su contratti a termine e apprendistato interesserebbero una platea vasta di lavoratori, toccando circa sette assunti su dieci. Per Camusso, il ministro è anche “ottimista” sui fondi per la cassa in deroga, perché “a noi risulta che manca ancora qualche centinaio di milioni per chiudere il 2013 e per il 2014 siamo scoperti”. Tutti i sindacati, Cgil Cisl e Uil, in coro, chiedono quindi con urgenza il rifinanziamento degli ammortizzatori in deroga per l’anno in corso. Per il 2013 sono stati messi a disposizione 2,5-2,6 miliardi di euro; per il 2014 la legge di stabilità ha stanziato 1,6 miliardi di euro (400 milioni sono già stati ripartiti tra le regioni e in parte anche utilizzati per le situazioni rimaste in sospeso dell’anno scorso). Questo mentre i dati dell’Inps continuano a segnare una volata: a febbraio sono state autorizzate 83,3 milioni di ore di cassa integrazione con un aumento del 5,3% rispetto a febbraio 2013 (79,1 milioni); a crescere di più sono proprio le ore di cig in deroga (+55,6%), seguite dalla cig straordinaria (+16,9%) mentre la cig ordinaria è diminuita del 27,4%.

Ultima ora

17:41Doping: Fontana, ingiusto squalificare tutti i russi

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Non ritengo giusto il fatto di squalificare tutti gli atleti, sono sicura che in molti non hanno fatto mai uso di doping". Arianna Fontana, campionessa dello short track e portabandiera azzurra ai prossimi Giochi invernali di PyeongChang 2018, commenta così il bando degli atleti russi. "Veder sfumare il sogno olimpico deve essere una sensazione bruttissima. Potranno gareggiare senza bandiera ma è un po' diverso, è una decisione dura", ha aggiunto Fontana a margine della presentazione della partnership di Coni e Cip con Toyota avvenuta a Roma.

17:40Ordigno stazione Cc, possibili legami con Torino

(ANSA) - TORINO, 11 DIC - Potrebbero esserci connessioni fra l'attentato dello scorso 7 dicembre a Roma, rivendicato dalla sigla Fai-Fri, e gruppi anarchici lottarmatisti orbitanti a Torino, dove è in corso il maxiprocesso Scripta Manent. La possibilità è al vaglio delle forze dell'ordine che si occupano del caso. Di recente ambienti anarchici hanno lanciato la campagna 'Dicembre nero', dedicata a Sebastian Oversluij, morto in Cile nel 2013, e a Alexandros Grigoropoulos, morto nel 2008. I comunicati invitano all'azione che "alimenti incendi e esplosioni contro il potere e i suoi difensori". La rivendicazione dell'attentato di Roma è a firma Fai-Fri 'Cellula Santiago Maldonado'. Il testo, a differenza di iniziative analoghe, non esprime solidarietà agli imputati del processo Scripta Manent, cosa che ha attirato l'attenzione degli investigatori. A Scripta Manent c'è invece riferimento nei comunicati di 'Dicembre nero', dove si legge che "in Italia i nostri compagni lanciano insulti ai giudici riaffermando le proprie convinzioni".

17:40Boldrini, fascismo e nazismo sono tragedie globali

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Il fascismo e il nazismo sono tragedie globali: non si tratta di cose di ragazzi, guai a essere indulgenti". Lo ha detto la Presidente della Camera, Laura Boldrini, aprendo i lavori del secondo Forum parlamentare Italia-America Latina e Caraibi.

17:40Maltempo: in Toscana prolungata allerta rossa

(ANSA) - FIRENZE, 11 DIC - E' stata prolungata fino alle 13 di domani 12 dicembre, l'allerta rossa per l'Alta Toscana per rischio idrogeologico e idraulico. Rimane arancione il livello di allerta per la Versilia e la parte dell'Ombrione pistoiese per rischio idrogeologico, vento e mareggiate. Scende invece al codice giallo la criticità per il resto della regione. Le aree dove il codice è più alto, si spiega dalla protezione civile regionale, sono Lunigiana, Apuane, Garfagnana, valle del Reno, parte inferiore del Serchio fino a Marina di Vecchiano. L'allerta è stata prolungata a seguito dell'ultimo bollettino meteo, in base al quale oggi proseguiranno le precipitazioni persistenti sui rilievi di Lunigiana, Garfagnana, Appennino pistoiese, in parte anche quello pratese e fiorentino. Le piogge, generalmente di moderata intensità, tenderanno ad intensificarsi dal pomeriggio, con possibili rovesci temporaleschi sulla Lunigiana e Garfagnana. In pianura saranno più deboli e intermittenti. Nel corso della notte le precipitazioni, a prevalente carattere di rovescio o localmente di temporale, tenderanno gradualmente a trasferirsi al resto della regione, attenuandosi sul nord-ovest. Dalla sera di oggi, lunedì, ci sarà anche possibilità di temporali sul nord-ovest. Nel corso della notte e la mattinata di domani possibilità di temporali sparsi sul centro-nord, dal pomeriggio su quelle meridionali. Per i venti, oggi raffiche molto forti crinali appenninici e sottovento ad essi, costa centro-meridionale, Colline Metallifere e attorno all'Amiata. Attenuazione dei venti a partire dalle prime ore di domani quando è prevista la rotazione dei venti a libeccio. Oggi ancora mare agitato sulle coste esposte al flusso meridionale e in Arcipelago. Graduale attenuazione del moto ondoso dalle prime ore di domani, martedì.(ANSA).

17:30Roma:domenica ecologia slitta a 25/2, 17/12 pedonalizzazioni

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - La sindaca di Roma Virginia Raggi ha firmato l'ordinanza per posticipare la domenica ecologica del 17 dicembre 2017 alla nuova data del 25 febbraio 2018. In aggiunta allo spostamento della data si è scelto di valutare la possibilità di pedonalizzare, nella giornata del 17 dicembre, una via in ogni Municipio al fine di creare tante isole pedonali libere dalle auto. Alcune associazioni di commercianti avevano chiesto lo slittamento visto che la domenica ecologica cadeva nel fine settimana di shopping pre-natalizio. Inoltre l'assessorato alla Sostenibilità Ambientale ha deciso di riproporre l'iniziativa di piantumazione di essenze nelle tre "domeniche ecologiche" ancora in programma (21 gennaio; 11 febbraio e 25 febbraio).

17:29Calcio: Spalletti, con Juve Inter non perfetta

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - "Contro la Juventus abbiamo giocato con un'unica anima ma non abbiamo fatto la partita perfetta". L'allenatore dell'Inter Luciano Spalletti torna così, alla vigilia della Coppa Italia, ad analizzare il pareggio di Torino. Una sfida che a Spalletti non ha dato indicazioni ulteriori: "A me non ha dato niente di nuovo, è stato come riguardare una foto che avevo già sul cellulare. Ha consolidato le certezze e i punti su cui dobbiamo migliorare per crescere ulteriormente. A Torino abbiamo fatto vedere sia le nostre qualità che ciò che è ancora da mettere a posto".

17:27New York: polizia, uomo fermato si chiama Akayed Ullah

(ANSA) - NEW YORK, 11 DIC - Il fermato per l'esplosione di New York ha 27 anni e si chiama Akayed Ullah. Lo afferma il capo della polizia di New York, James O'Neill. L'uomo è attualmente in ospedale.

Archivio Ultima ora