Bersani, lealtà a Renzi, ma Legge elettorale va cambiata

Pubblicato il 16 marzo 2014 da redazione

ROMA. – Accolto da una standing ovation del pubblico di Che tempo che fa per il suo ritorno in Tv dopo l’emorragia cerebrale, Pier Luigi Bersani ringrazia per la solidarietà ma non dimentica il motivo per cui è lì: fare il controcanto a Matteo Renzi. Compito che esegue con cura: senza tirare troppo la corda, ma puntualizzando tutte le cose che non gli piacciono del nuovo corso e dando voce alle perplessità della minoranza di sinistra del Pd. L’ex segretario riparte dalla battuta sul cervello già pronunciata qualche giorno fa (“l’ho salvato per un pelo non posso riconsegnarlo adesso”) per chiarire che non ha intenzione di passarle tutte lisce a Matteo. A Renzi promette di dare una mano, “ma lo farò con le mie idee”: il che vuol dire “assoluta lealtà e fedeltà alla ditta , ma anche qualche opinione”. E si comincia subito con l’elenco: “Vedo una fragilità, un rischio nel Pd”, dice Bersani. “Per essere utili – sostiene – al Paese il partito deve essere un soggetto politico, non uno spazio politico dove corrono tutti gli individualismi e anche i cinismi”. Lo stile “sfidante” e “combattivo” di Renzi non dispiace a Bersani: la “movida” del premier può “servire a risvegliare la fiducia”. Quello che non va è che il premier-segretario non vuole coinvolgere tutte le anime del pd. E fa male, perché “ci vuole l’aiuto di tutti per dare radicamento, concretezza, effettività”. Insomma, “la partenza è buona”, ma non bisogna dimenticare che “il Paese è in mezzo a un sacco di guai, non si può pensare che i guai siano dietro le spalle”. Ma non è solo l’individualismo e il decisionismo di Renzi che non piacciono a Bersani. Ci sono anche le scelte compiute sulla legge elettorale. Bersani rilancia tutte le critiche della minoranza Pd: “Non sono convinto di operazioni come quella della legge elettorale: deve essere migliorata”. L’ex segretario cita la questione delle quote rosa: “Sulla parità di genere qualcosa si deve fare: quando sento alcune donne che dicono che sono contrarie mi viene la pressione alta. Se io non avessi messo la regola della parità nelle primarie non ci sarebbe il 40 per cento di donne nel pd in parlamento”. Bersani dice no anche ai “nominati” e alle soglie di sbarramento troppo alte. Sulle misure anti-crisi annunciate da Renzi il giudizio è invece positivo. “Sono tutte cose che vanno molto bene, del resto erano tra le priorità che avevamo dichiarato in campagna elettorale”. “Alle spalle di questa politica – osserva – ci sono alcune risorse che ha lasciato Letta ed è giusto dirlo. Poi ce ne sono alcune che mancano e la missione che Renzi sta facendo in Europa per convincere a darci più margini è sacrosanta e va sostenuta”. Infine una precisazione: alle prossime elezioni europee non si candiderà: “Sono a posto così”. (Marco Dell’Omo/ANSA)

Ultima ora

12:56Renzi, c.destra litiga ma sta insieme, noi più seri

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Litigheranno prima, durante e soprattutto dopo, ma il giorno delle elezioni fingeranno di stare insieme per racimolare qualche seggio in più. Tutto legittimo, sia chiaro: ma si tratta di ipocrisia che tutti sanno e tutti fingono di non vedere". Così Matteo Renzi su fb."Su questo punto il Pd è paradossalmente più forte e credibile: la rottura con la sinistra radicale ha amareggiato molti militanti storici, ma ha il pregio di fare chiarezza. E consentirà a tutti noi di fare una campagna elettorale civile e rispettosa, basata sulle idee per l'Italia".

12:55Doping: Froome, mia reputazione non intaccata

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Sono un ciclista professionista, conosco le regole e sono certo: non le ho infrante": Chris Froome ribadisce la sua tesi, dopo la notizia della sua positivita' al salbutamolo. Intervistato dalla BBC a Maiorca, il ciclista del Team Sky spiega quanto detto ieri con un comunicato congiunto con la sua squadra. "Non credo che la mia immagine sia compromessa - dice - Non si tratta di un test positivo: l'Uci mi ha chiesto chiarimenti, daremo tutte le informazioni per spiegare che si tratta di curare una malattia".

12:53Eternit: i processi restano spacchettati

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Cassazione ha dichiarato inammissibili i ricorsi del pg e del pm di Torino contro lo spacchettamento dei processi per la morte di 258 persone a causa dell'amianto Eternit. I processi rimangono quindi incardinati a Torino, Vercelli, Napoli e Reggio Emilia. Confermato anche il "declassamento" dell' accusa da omicidio doloso in omicidio colposo. "Siamo soddisfatti. Avevamo eccepito l'inammissibilità dei ricorsi e la Corte ha deciso in questa direzione", commenta il professor Astolfo Di Amato, avvocato difensore di Stephan Schmidheiny, ex Ad di Eternit Italia, nel processo Eternit bis. "C'erano dei vizi formali", aggiunge. Di diverso parere l'avvocato Massimiliano Gabrielli, dell'Anmil, che parla di "ennesimo regalo a Schmidheiny". "Quando una organizzazione imprenditoriale continua consapevolmente a far soldi sulla pelle della gente - sostiene - bisogna parlare di omicidi volontari, senza se e senza ma...".(ANSA).

12:48Biotestamento: al via dichiarazioni voto, verso ok finale

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Con le dichiarazioni di voto è iniziato in Aula al Senato l'esame del Ddl sul biotestamento. Ieri l'Assemblea di Palazzo Madama ha respinto tutte le proposte emendative. Il via libera definitivo per il testo di legge è atteso entro la mattinata.

12:45Russia: Putin, Artide renderà ricco il Paese

(ANSA) - MOSCA, 14 DIC - L'Artide aiuterà a far crescere "la ricchezza della Russia" perché "è lì che si trovano le risorse": lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin durante la sua conferenza stampa annuale aggiungendo che bisogna però tenere conto della questione ambientale e anche di quella relativa alla sicurezza.

12:42Natale: Meloni,italiani facciamo insieme rivoluzione presepe

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Ho deciso di fare il Presepe quando non lo fa più nessuno, quando nelle scuole dicono che non si può fare perché offende chi crede in un'altra cultura. Continuo a chiedermi come possa un bambino che nasce in una mangiatoia o una famiglia che scappa per difenderlo, offendere qualcuno. Come possa offendere qualcuno la mia cultura. Proprio non me ne faccio una ragione: che si creda in Dio oppure no, in questo simbolo sono raccolti i valori che hanno fondato la mia civiltà. Quello che io sono è in questo simbolo: io credo nel rispetto, nella laicità dello Stato, nella sacralità della vita, nella solidarietà perché me lo ha insegnato questo simbolo". Lo dice il presidente di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni nel video "2 minuti con Giorgia", su Facebook.

12:41Salvini, nessun tavolo con chi protegge stupratori

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Stiamo ricevendo centinaia di telefonate, messaggi, mail di donne e uomini arrabbiati e delusi per l'incredibile scelta di Fi di proteggere stupratori e assassini. Per quanto ci riguarda, sospendiamo le nostre previste partecipazioni a tavoli e incontri con Fi e Berlusconi finché non ci sarà un chiarimento ufficiale". Lo dice il leader della Lega Matteo Salvini dopo il voto contrario di Fi in comm. giustizia al Senato all'iter veloce per la legge Molteni che nega sconti di pena per reati gravissimi.

Archivio Ultima ora