In Italia quasi 600 giorni per definizione di cause civili

Pubblicato il 17 marzo 2014 da redazione

BRUXELLES. – L’Italia è penultima in Europa, con quasi 600 giorni, per la definizione di cause civili e commerciali in primo grado. Peggiora rispetto al passato (2010), quando di giorni ne bastavano 500 circa. E si conferma maglia nera per numero di cause civili e commerciali pendenti. Emerge dalla seconda edizione del Quadro di valutazione della giustizia Ue (focalizzata su giustizia civile, amministrativa e commerciale), presentanta dal vicepresidente della Commissione Ue Viviane Reding, che esprime “preoccupazione” per quei Paesi che come l’Italia si trovano “in basso” nella graduatoria. Parlando in generale, Reding spiega che “la giustizia ritardata è giustizia negata”, e se si tratta di cause civili, commerciali e amministrative “scoraggia gli investitori” e “danneggia l’economia”. Non a caso i risultati dello studio verranno usati anche nella preparazione delle raccomandazioni Ue per Paese e per i programmi di aggiustamento economico. I principali problemi del Belpaese, secondo Bruxelles, restano “la durata dei procedimenti ed i casi pendenti”, e anche se si colgono “segnali positivi per il tasso di esecuzione”, ovvero la capacità dei tribunali di smaltire il carico di lavoro, sulla base del rapporto tra casi aperti e chiusi nel periodo di riferimento pesa tuttavia la mole degli arretrati. Stando alla pubblicazione della Commissione (che si basa su studi Cepej, Banca mondiale, Forum economico mondiale ed altri), l’Italia fa registrare un peggioramento nella durata per la definizione di cause civili e commerciali in primo grado: se secondo la precedente analisi occorrevano quasi 500 giorni (2010), dall’attuale emerge un aumento fino a circa 600 (2012). E anche se all’appello mancano i dati di Cipro, Belgio, Irlanda Bulgaria, Olanda e Gran Bretagna, l’Italia è penultima su 22 paesi. Peggio fa solo Malta, dove di giorni ne occorrono quasi 700. L’Italia risulta poi la peggiore (per la seconda volta) quanto a numero di casi pendenti per cause civili e commerciali, sebbene mostri qualche miglioramento. Se infatti sulla base dei dati 2010 raggiungeva oltre sei casi pendenti in primo grado ogni cento abitanti, i dati 2012 rivelano che i casi si sono ridotti a circa 5,5. Peggio solo Croazia e Grecia (mancano i dati di Cipro, Belgio, Bulgaria, Irlanda, Regno Unito e Olanda). Il tasso di esecuzione sale dal 120% circa al 130%, e per questo indicatore il Paese è secondo in Europa, dopo il Lussemburgo. Quanto ai tempi per la soluzione delle insolvenze, l’Italia è al dodicesimo posto (dati 2013), con poco meno di due anni. La migliore performance in questo caso spetta all’Irlanda (meno di sei mesi) e la peggiore alla Slovacchia (quattro anni). Dall’Italia, il vicepresidente del Csm Michele Vietti commenta: “E’ ora di passare dalle parole ai fatti”. Intanto l’Organismo unitario dell’avvocatura ribadisce l’urgenza di convocare il tavolo sul processo civile. Il responsabile giustizia di Scelta civica Andrea Mazziotti richiama l’importanza di “riforme radicali”, mentre Anna Maria Bernini di Forza Italia chiede a Renzi di inserire “la riforma della giustizia tra le priorità di governo”. Maurizio Sacconi (Ncd) parla di “Paese da sbloccare”. (Patrizia Antonini/Ansa)

Ultima ora

13:16Camionista trovato legato e privo di sensi in cabina

(ANSA)- LENTATE SUL SEVESO (MONZA), 12 DIC - Legato e immobilizzato all'interno della cabina del suo mezzo, forse a scopo di rapina: così è stato trovato un camionista di 39 anni dagli operatori del 118, intervenuti su segnalazione di un passante, in una frazione di Lentate Sul Seveso (Monza). Durante il trasporto in ospedale a Desio (Monza), i soccorritori sono riusciti a rianimarlo. Non sarebbe in pericolo di vita. Proveniva da Reggio Calabria il camionista 39enne di origine indiana trovato legato e incosciente nella cabina del suo camion. L'uomo, che si era fermato in un'area di sosta, aveva i polsi legati con del nastro adesivo ma non aveva altri segni di violenza, quindi probabilmente è stato addormentato con del narcotico. Quando si è svegliato ha visto che non c'era più il rimorchio del camion. L'autista non ha saputo dire quale fosse il contenuto del carico.

13:16Incidenti ferroviari: due morti a Cesano Maderno

(ANSA)- CESANO MADERNO (MONZA), 12 DIC - Due persone - un uomo e una donna, entrambi pensionati - sono morte travolte da un treno regionale in transito, proveniente da Seveso (Monza) e diretto a Milano Bovisa, mentre stavano attraversando i binari a Cesano Maderno (Monza), intorno alle 10 di oggi. La dinamica dell'incidente ferroviario è ancora al vaglio della Polfer, che procede ai rilievi.

12:52Tennis: Itf Dubai, Errani al secondo turno

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Sara Errani si è qualificata per il secondo turno del torneo Itf di Dubai (100 mila dollari di montepremi, cemento) negli Emirati Arabi Uniti: la romagnola, numero 144 del ranking mondiale, ha superato per 6-2 6-1 la romena Alexandra Cadantu. Prossima avversaria di Sara la bielorussa Vera Lapko, numero 134 del ranking Wta ed ottava testa di serie del torneo.

12:45Trovato senzatetto semi carbonizzato in un appartamento

(ANSA) - GROSSETO, 12 DIC - Un ragazzo di circa 25 anni è stato trovato semi carbonizzato in un appartamento a Grosseto. Il giovane, un senzatetto, stando alla ricostruzione dei carabinieri, avrebbe accusato un malore e sarebbe morto asfissiato e bruciato dal fuoco che aveva acceso per scaldarsi. Gli amici hanno avvertito le forze dell'ordine la notte scorsa intorno all'una quando il 25enne non rispondeva dall'appartamento che aveva occupato abusivamente da qualche giorno. Sul posto anche il nucleo scientifico dei carabinieri.

12:34Maltempo: Enza rompe argini, evacuate mille persone

(ANSA) - BOLOGNA, 12 DIC - E' in corso, nel Reggiano, a Lentigione, nel Comune di Brescello, l'evacuazione di oltre mille persone per la tracimazione del fiume Enza. Il fiume ha rotto gli argini e ha invaso l'abitato e la zona industriale. Per l'evacuazione delle persone si sta usando anche un elicottero. Per la piena dell'Enza è stata interrotta anche la statale 63. Situazione meno preoccupante, invece, dove il fiume ha riempito le golene, ma non si registrano situazioni particolari anche se alcune piccole frazioni sono state evacuate per precauzione. Sotto osservazione, nel Parmense, anche il torrente Parma che è tracimato nella zona di Colorno allagando giardini e spazi esterni. Il maltempo dei giorni scorsi sta provocando disagi anche in Appennino, dove alcune strade provinciali sono state chiuse per frane e dove alcune abitazioni sono senza elettricità e collegamenti telefonici.

12:29Sardo ucciso a Londra, ergastolo all’ex fidanzata bengalese

(ANSA) - NUORO, 12 DIC - E' stata condannata all'ergastolo Hasna Begum, la commessa di 25 anni originaria del Bangladesh, ritenuta responsabile dell'omicidio del nuorese Pietro Sanna, 24 anni, ucciso a coltellate nella sua casa di Londra il 23 giugno scorso. La giovane secondo i giudici londinesi avrebbe ucciso per gelosia dopo la fine della relazione con il 24enne di Nuoro. Una relazione durata un anno, ma poi dopo la separazione la giovane commessa avrebbe iniziato un'azione che i giudici londinesi definiscono di "stalking" nei confronti del giovane, che da alcuni anni lavorava a Londra come commesso e come deejay. Lo controllava attraverso i social, si era convinta che avesse una relazione con un'altra. Ed è a questo punto, secondo i giudici britannici, che sarebbe maturato il proposito di vendetta. Dopo aver indossato una parrucca bionda, lei scura di capelli, è arrivata con un taxi a casa di Pietro nel quartiere di Canning Town e lo avrebbe colpito con un coltellaccio da cucina con cui ha poi infierito con 36 colpi.

12:23Migranti: Amnesty, governi Ue complici torture in Libia

(ANSA) - BRUXELLES, 12 DIC - "I governi europei" ed "in particolare l'Italia" sono "consapevolmente complici delle torture e degli abusi su decine di migliaia di migranti detenuti dalla autorità libiche per l'immigrazione in orribili condizioni in Libia". Lo scrive Amnesty International in un rapporto. "Non solo non sono stati pienamente consapevoli di questi abusi ma, sostenendo le autorità libiche nel fermare le traversate e tenere la gente in Libia, sono stati complici di questi crimini" ha detto il direttore John Dalhuisen.

Archivio Ultima ora