Obama minaccia economia russa, colpisce gli amici di Putin

NEW YORK. – Barack Obama alza i toni: pur senza colpire direttamente il presidente russo Vladimir Putin, lo circonda e agita lo spettro delle sanzioni a interi settori economici, incluso quello energetico. Il presidente americano annuncia un nuovo round di sanzioni nei confronti di funzionari russi, come il capo dello staff di Putin Sergei Ivanov, e di individui che per la loro ricchezza e influenza sostengono Putin, quali Arkady Rotenberg e Gennady Timchenko, due amici di vecchia data del presidente russo. Ma anche Yuri Kovalchuk, il titolare di Bank Rossiya, considerato il banchiere di Putin. Un’azione a tutto campo quella di Obama, che rischia – come ammesso lo stesso presidente americano – di aver un impatto economico a livello globale. La Russia è infatti uno dei giganti dei Brics, ricco di petrolio e che ha già fatto scricchiolare le piazze finanziarie mondiali nelle ultime settimane in seguito alla fuga di capitali dal paese innescata dalla crisi in Ucraina. Sanzioni su interi settori economici rischiano di paralizzare l’economia russa, creando difficoltà agli altri giganti mondiali, quali la Cina affamata di petrolio. Le sanzioni di Obama colpiscono i due migliori amici di Putin, Rotenberg e Timchenko, considerati da Forbes fra le figure più influenti al mondo. Ambedue sono diventati multi-miliardari con Putin presidente. Arcady Rotenberg, la cui fortuna è stimata in 4 miliardi di dollari, è insieme al fratello partner di Putin nel judo: i due con le loro società hanno ottenuto 7 miliardi di dollari di commesse per i Giochi di Sochi. La sua ascesa è iniziata nel 2008, con l’acquisizione di alcune delle divisioni del gigante energetico Gazprom, poi confluite in Stroygazmontazh Corporation (o SGM Group), colosso nel settore energetico di cui Arakady controlla il 51%. Una partecipazione che si aggiunge al 26% in Mostotrest e al 50% di TPs Avia, che si è di recente aggiudicata un’importante commessa per l’aeroporto di Mosca. Arkady è presidente della squadra di hockey pluri-campione Dinamo Mosca, prima sponsorizzata dal Kgb. Timchenko è invece un uomo da 15,3 miliardi di dollari. Presidente del board della KHL, la lega di hockey della Russia, Timchenko ha acquistato nel 2013 insieme ad Aracdy una quota nella squadra di hockey finlandese Jockerit. Timochenko, sostenitore degli scacchi, ha ottenuto nel dicembre 2013 da Putin l’onorificenza ‘L’ordine dell’amicizia’ per aver rafforzato le relazioni fra Finlandia e Russia. Timchenko ha la doppia nazionalità con la moglie e la figlia che sono finlandesi. Nella lista anche Andrei Fursenko, consigliere di Putin.

Condividi: