Prandelli ct Azzurro fino al 2016

ROMA.- Altri due anni da commissario tecnico. Proseguirà fino al 2016 (Europeo in Francia) la storia tra la Nazionale di calcio e Cesare Prandelli, iniziata il 30 maggio 2010, quando fu dato l’annuncio che dopo il Mondiale il tecnico di Orzinuovi avrebbe preso il posto di Marcello Lippi. Per rispondere al richiamo azzurro aveva rescisso il contratto con la Fiorentina, dopo cinque bellissime stagioni in viola, separandosi dal club che l’ha lanciato nel calcio che conta. La presentazione avvenne il primo luglio, allo stadio Olimpico di Roma. Il suo slogan fu “voglio un’Italia di qualità”. Recuperò Antonio Cassano, inserì nel gruppo Mario Balotelli (entrambi esclusi dalla deludente esperienza in Sudafrica) e nominò Gianluigi Buffon nuovo capitano. Stabilì inoltre un “codice etico” in base al quale i calciatori che si macchiano di azioni antisportive non saranno convocati. L’esordio non fu fortunato: il 10 agosto sconfitta per 1-0 nell’amichevole con la Costa d’Avorio, a Londra. Ko indolore. La qualificazione all’Europeo 2012 invece fu una cavalcata senza ostacoli: otto vittorie, due pari e primo posto nel gruppo C. In Polonia l’Italia parte bene: 1-1 con la Spagna campione del Mondo e d’Europa, risultato che si ripete con la Croazia. Il 2-0 all’Irlanda di Trapattoni proietta l’Italia di Prandelli ai quarti, dove batte l’Inghilterra 4-2 ai rigori. In semifinale si rinnova l’eterna sfida con la Germania ed ancora una volta gli azzurri escono vittoriosi: 2-1, doppietta di Mario ‘Hulk’ Balotelli, che festeggia mettendo in mostra i muscoli. In finale è ancora Spagna. L’Italia è già andata oltre le più rosee previsioni e le ‘Furie rosse’ sono di un altro livello. Finisce 4-0 per gli iberici, ma in Italia la critica riconosce che i ragazzi del Ct hanno dato il 110% in tutto il torneo. L’altra manifestazione alla quale Prandelli ha preso parte da Ct è stata la Confederations Cup del 2013, con esito un po’ meno felice. Battuti il Messico 2-1 e (non senza fatica) il Giappone 4-3, l’Italia perde 4-2 con i padroni di casa del Brasile ed in semifinale ritrova la Spagna, che vince ancora, ma ai rigori, dopo che la partita era terminata 0-0. Alla fine l’Italia è terza superando, sempre dal dischetto, 5-4 l’Uruguay (2-2 il risultato allo scadere). Sono 51 fino ad oggi le partite di Prandelli da Ct, con un bilancio di 24 vittorie, 12 sconfitte e 15 pareggi.

Condividi: