La giornata politica: L’imminenza delle elezioni europee condiziona le strategie dei partiti

Pubblicato il 26 marzo 2014 da redazione

ROMA. – La corsa contro il tempo del governo Renzi sulle riforme sta incontrando, come prevedibile, i primi ostacoli al Senato. La fiducia un po’ risicata ottenuta sulla riforma delle province ha confermato il rischio di defezioni capaci di logorare il tessuto della maggioranza: alcuni senatori dei Popolari per l’Italia (il gruppo dell’ex ministro Mauro) hanno votato contro il provvedimento che di fatto trasforma le province in enti di secondo livello; ma il punto politico è che i centristi giudicano insopportabile che il premier trasformi in un ”rigurgito della palude” qualunque opinione diversa da quella dell’esecutivo (Dellai). L’interrogativo è se i voti mancati al governo costituiscano solo un episodio o un segnale d’allarme che fa seguito alle votazioni sul filo del rasoio dei giorni scorsi. Il Rottamatore insiste nel dire che se non otterrà l’abolizione del Senato e la fine del bicameralismo perfetto lascerà la politica, ma la verità è che l’ondata di antieuropeismo che percorre il vecchio continente sta cambiando i punti di riferimento che erano alla base del patto con Silvio Berlusconi. L’imminenza delle elezioni europee, in altre parole, condiziona pesantemente le strategie di tutti i partiti. L’ appuntamento è molto meno neutro di quanto voglia far credere il capo del governo. C’è infatti per il Pd il serio pericolo di un sorpasso del Movimento 5 Stelle, sull’onda dell’euroscetticismo montante, il che costituirebbe una bruciante sconfitta per l’uomo che vorrebbe ”cambiare verso” alla politica italiana. E soprattutto Forza Italia, in molti sondaggi, non è più il secondo partito italiano, superato appunto dai grillini: qui si vede quanto possa costare all’asse Renzi-Berlusconi, che ha sorretto finora la svolta riformista, la fuga dei voti azzurri verso l’area dell’astensionismo o della protesta. Certamente l’assenza della guida carismatica, qualunque sia la soluzione che il Cavaliere troverà per sopperire al non poter guidare le sue liste, non autorizza pronostici ottimistici per Fi. Il lento spostamento del movimento berlusconiano verso l’area della protesta antiausterity ed euroscettica potrebbe avere riflessi sulla partita delle riforme e sullo stesso Italicum (che i centristi vorrebbero modificare in punti chiave come le soglie di sbarramento e le preferenze): ciò proprio perché il patto è stato raggiunto in un altro clima politico. Certo, Renzi è riuscito a piantare alcuni paletti. Il voto di fiducia incassato su uno storico tabù come quello delle province (che per ora non scompaiono del tutto, rileva l’opposizione) rappresenta un punto di forza. Ma è chiaro che il continuo gioco al rialzo ha dei limiti e su qualcosa il premier dovrà venire a patti. Intanto non esclude di accettare nel ddl di riforma costituzionale la proposta forzista di dare più forza al premier con il potere di revoca dei ministri, il che indirizzerebbe il sistema in senso semipresidenziale. E poi sta aprendo un negoziato sulla politica europea, la grande imputata del momento. Non a caso Stefano Fassina, per la minoranza democratica, ha presentato un ddl che si propone di cancellare il vincolo di bilancio appena introdotto in Costituzione: lo tradurrà in un emendamento alla riforma del titolo V della Costituzione. Vendola chiede agli oppositori interni di Renzi di aprire un confronto anche sulla riforma del lavoro. Sono tutti temi che andranno affrontati nella Direzione del Pd di venerdì e il cui comune denominatore è quello di imprimere al programma renziano un taglio competitivo nei confronti delle pulsioni grilline e leghiste contro l’euroburocrazia di Bruxelles e il fiscal compact. Del resto che alcuni snodi del programma vadano registrati lo lascia capire anche Giorgio Napolitano quando boccia i ”tagli immotivati” della spesa pubblica. Non sembra solo un no alla filosofia dei tagli lineari. Il capo dello Stato suggerisce piuttosto di puntare su una migliore selettività, escludendo dalla spending review settori come quelli della sicurezza, delle pensioni e di settori strategici della Pubblica amministrazione. Quello renziano è un work in progress bisognoso di continui aggiustamenti. La gente vuole risultati immediati e la luna di miele dura solo cento giorni. Stavolta, forse, anche meno. (di Pierfrancesco Frerè/Ansa)

Ultima ora

15:52Champions: Malagò, poteva andare peggio

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "I sorteggi di Champions? Ora gli allenatori (Allegri e Di Francesco, ndr) diranno, come è giusto che sia, che serve la massima cautela, ma mi sembra che poteva andare peggio. Non ci si può lamentare". Lo dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò, a margine della presentazione della partnership di Coni e Comitato Paralimpico con la Toyota avvenuta a Roma, commentando i sorteggi degli ottavi di finale di Champions League, che vedono la Juventus affrontare gli inglesi del Tottenham e la Roma gli ucraini dello Shakhtar Donetsk.

15:49Champions: la carica di Di Francesco

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Lo Shakhtar Donetsk è una squadra forte, che ha saputo qualificarsi attraverso un girone molto difficile. Noi abbiamo lottato per guadagnarci questi ottavi, ce la metteremo tutta per continuare il nostro cammino. Forza Roma!". Questo il commento, via Twitter, del tecnico Eusebio Di Francesco dopo l'accoppiamento negli ottavi di Champions League tra la Roma e la formazione ucraina. La Roma in passato ha incrociato già lo Shakhtar nella massima competizione europea. Nel 2006 le due squadre si affrontarono nella fase a gironi (vittoria dei giallorossi per 4-0 all'Olimpico e sconfitta per 1-0 a Donetsk), mentre nel 2011 si sfidarono negli ottavi con due sconfitte per la Roma (2-3 e 3-0) e conseguente eliminazione.

15:44++ New York, esplosione a stazione bus Manhattan ++

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Un'esplosione è avvenuta a Port Authority, la stazione centrale dei bus a New York. La polizia e i vigili del fuoco sono sul posto, secondo i media americani, che riferiscono di scene di panico.

15:43Europa League: il quadro dei 16/i di finale

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il quadro dei sedicesimi di finale di Europa League dopo il sorteggio di Nyon (andata 15 febbraio 2018, ritorno 22 febbraio): Borussia Dortmund-Atalanta; Nizza-Lokomotiv Mosca; Copenaghen-Atletico Madrid; Spartak Mosca-Athletic Bilbao; Aek Atene-Dinamo Kiev; Celtic-Zenit San Pietroburgo; Napoli-Lipsia; Stella Rossa-Cska Mosca; Lione-Villarreal; Real Sociedad-Salisburgo; Partizan-Viktoria Plzen; Steaua Bucarest-Lazio; Ludogorets-Milan; Astana-Sporting Lisbona; Ostersunds-Arsenal; Sporting Braga-Marsiglia.

15:42Avvelenati tallio: killer ha usato acqua minerale

(ANSA)- MONZA, 11 DIC - Avrebbe utilizzato l'acqua minerale per avvelenare i suoi familiari Mattia Del Zotto, il 27 enne di Nova Milanese (Monza), reo confesso di aver ucciso volontariamente i nonni paterni e una zia e di aver tentato di uccidete i nonni materni, due zii e la badante, perché "soggetti impuri". È quanto emerso stamane dall'interrogatorio di garanzia reso dal giovane al Gip Federica Centonze sabato mattina in carcere a Monza. Le indagini della Procura di Monza si concentrano quindi sulle bottiglie a cui il giovane aveva accesso nella cantina comune della palazzina dove vive tutta la sua famiglia a Nova. Il veleno, senza sapore o odore, potrebbe essere inoltre stato inserito dal giovane anche in alcuni integratori destinati ai nonni materni e ad un infuso alle ortiche.

15:19Violenza sessuale: aggrediva minorenni, va ai domiciliari

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Un uomo di 50 anni, con una vecchia condanna per reati sessuali, è stato arrestato dai carabinieri di Milano con l'accusa di violenza e atti sessuali su minori nei confronti di tre ragazzine di 7, 12 e 13 anni. L'uomo, secondo quanto spiegato, le individuava a caso, per strada, e le seguiva negli androni quando rientravano a casa da scuola. Le avvicinava fulmineamente, le palpeggiava e scappava. I carabinieri lo hanno individuato dopo sei mesi di indagine dal primo caso, avvenuto ad aprile (gli altri due a maggio e ad agosto) e dopo altri sei mesi l'autorità giudiziaria ha emesso un'ordinanza che ha posto l'uomo, impiegato amministrativo, sposato e con figli, ai domiciliari. Al vaglio degli investigatori dell'Arma, però, ci sarebbero in totale una ventina di episodi. A indagare sui casi sono stati i carabinieri della stazione San Cristoforo, che incrociando telecamere e tabulati sono arrivati a uno scooter, guidato dall'uomo poi raggiunto dall'ordinanza mentre si trovava a lavoro.

15:17Maltempo: Umbria, tanti interventi per problemi vento

(ANSA) - PERUGIA, 11 DIC - Sono oltre un centinaio gli interventi nei quali sono impegnati i vigili del fuoco in quasi tutta l'Umbria a causa dei danni provocati dal forte vento. Al momento non vengono comunque segnalati problemi particolari. In provincia di Perugia gli interventi, più di un centinaio, riguardano rami e alberi caduti, danni ai tetti, ai cartelloni pubblicitari divelti dal vento ma anche a pali della luce. I vigili del fuoco del comando provinciale sono impegnati con tutte le squadre disponibili. Situazione analoga in provincia di Terni dove sono decine gli interventi, soprattutto a Terni e in periferia. (ANSA).

Archivio Ultima ora