L’Udinese ferma l’Inter, fischi a San Siro

Pubblicato il 27 marzo 2014 da redazione

MILANO. – Altri due punti persi per l’Inter che – contro l’Udinese – non va oltre lo 0-0 grazie alla scarsa vena dell’attacco nerazzurro e alle straordinarie parate di Simone Scuffet, classe ’96 e un talento sorprendente. Erick Tohir assiste all’ennesima prestazione scialba dell’Inter: dopo lo scivolone contro l’Atalanta e la conseguente ramanzina presidenziale, i nerazzurri nel primo tempo faticano a trovare mordente e aggressivita’ grazie a una buona Udinese. A sorpresa, Guidolin manda in panchina Di Natale ma Muriel lo rimpiazza egregiamente. Mazzarri ritocca la difesa: lascia a riposo Rolando, richiama Samuel e conferma Ranocchia. Primo tempo alla camomilla: l’Inter e’ prudente, non riesce a costruire e gioca con il freno a mano tirato. L’Udinese confenziona ottime palle gol con Handanovic che ancora tentenna. Gia’ al 3′ Muriel e’ pericoloso con i nerazzurri che rispondono con un velenoso tiro cross di Jonathan. Hernanes si nasconde e, solo al 25′, arriva un tiro di Cambiasso. La partita non e’ emozionante, ne’ avvincente. Al 28′ Pereyra si lancia in avanti per mettere in azione Muriel sul quale sono bravi a chiudere Samuel e Ranocchia. Al 41′ Handanovic viene impegnato da Bruno Fernandes, due minuti dopo Muriel non approfitta dell’invito perfetto ancora dell’ottimo Bruno Fernandes. L’Inter e’ davvero poca cosa in un primo tempo noioso, giusto qualche tiro da fuori, comunque fuori misura. La squadra di Mazzarri va nello spogliatoio, nessun applauso e qualche fischio. Nella ripresa, l’Inter si scuote e cerca la vittoria.  L’allenatore toglie uno spento Guarin e lo sostituisce con Alvarez. Hernanes si riscatta in parte con una magnifica punizione che finisce a lato di un soffio. I nerazzurri danno l’impressione di avere la partita in mano ma non fanno i conti con la serata incredibile di Scuffet che salva la propria porta al 20′, chiudendo lo specchio sulla conclusione dalla distanza di Hernanes. Il brasiliano trova in area Samuel su corner seguente ma l’argentino spedisce fuori. L’Inter colleziona corner e occasioni. Al 26′ Icardi mette alto dall’interno dell’area piccola. Alvarez sbaglia un facile cross da destra. L’Udinese prova a colpire in contropiede senza essere mai veramente incisiva. Al 40′ azione prolungata dell’Inter che con Icardi cerca la girata vincente ma Scuffet para in due tempi. Mazzarri chiama Milito che sostituisce Nagatomo. L’Inter caparbiamente si riversa in avanti anche con i difensori ma la porta e’ stregata. Contro l’Atalanta, pali e traverse da record. Questa sera Scuffet nega ai nerazzurri il gol e al 43′ compie un vero miracolo su un tiro potente di Cambiasso; la ribattuta di D’Ambrosio viene respinta sulla linea da Domizzi in rovesciata. Non bastano cinque minuti di recupero per sbloccare il risultato. L’Inter sciupa il primo tempo con una prestazione a tratti inspiegabile. Si sveglia nel secondo ma lo sforzo offensivo non e’ stato sufficiente. Il pareggio di San Siro vale il quinto posto con un punto di vantaggio sul Parma e tre da recuperare sulla Fiorentina. L’Udinese senza Di Natale porta via un risultato prezioso, utile a blindare ulteriormente la salvezza. Thohir osserva un’Inter che non sa piu’ segnare, complice anche la sfortuna. Non ci si puo’ affidare al solo Palacio quando nessun altro dei compagni riesce a centrare la porta. Hernanes, uomo chiave del centrocampo, non ha ancora assunto pienamente il ruolo di leader. Guarin e Alvarez confermano i loro limiti, sottolineati dai fischi di San Siro. Il presidente e’ consapevole che, dopo Vidic, servono nuovi acquisti per arrivare al top: le ultime performance casalinghe confermano che ha indubbiamente ragione. 

Ultima ora

22:17Calcio: Peruzzi, Milinkovic Savic? Nella Lazio sta benissimo

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Qui ci sono molti osservatori per Milinkovic Savic? So che lui sta benissimo qui e vuole rimanerci a lungo. Poi che ci siano molti scout è normale, ma per il momento Sergej sta bene alla Lazio". Il dirigente della Lazio Angelo Peruzzi parla delle dinamiche di mercato e in particolare del 'gioiello' serbo che mezza Europa sta tenendo d'occhio.Ma in casa biancoceleste sono stati giorni pesanti, per le polemiche sul Var e sugli arbitraggi che avrebbero penalizzato la squadra di Inzaghi. "Se siamo preoccupati per gli errori del Var di questa giornata? - dice Peruzzi - No, non lo siamo. Poi ogni partita ha i suoi episodi, non voglio polemizzare". "Ma pare che gli episodi siano valutabili a seconda delle circostanze - aggiunge - e sembra che non siano tutti d'accordo. E' come la parabola di Kafka, di un contadino che vuole conoscere la legge ma trova il portone del guardiano sempre chiuso.Non lo fanno mai entrare e lui,nonostante tutti i suoi sforzi,non riesce a capire le dinamiche della legge perché sono confuse".

22:07Calcio: Pescara, Sebastiani, Zeman? devo parlarci poi decido

(ANSA) - PESCARA, 17 DIC - Dichiarazioni pesanti del presidente del Pescara, Daniele Sebastiani, che nel dopopartita di Pescara-Novara, in mixed zone, ha attaccato il tecnico Zeman che ieri aveva detto in conferenza stampa di avere una visione diversa del calcio rispetto al presidente. "Se oggi c'era questo clima allo stadio era per la conferenza stampa di m... dell'allenatore - ha detto Sebastiani -. Se Zeman resterà? Devo parlarci e poi deciderò". Il presidente del Pescara, nonostante la vittoria per 1-0 sul Novara, potrebbe esonerare il tecnico boemo.

22:05Pallavolo: Serie A/1 donne, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A/1 donne di pallavolo, Samsung Galaxy Cup: Imoco Conegliano - Mycicero Pesaro 3-0 (ieri) Foppapedretti Bergamo - Saugella Monza 1-3 Liu Jo Modena - Pomì Casalmaggiore 3-1 Unet E-Work Busto Ar. - Savino Scandicci 2-3 (ieri) Il Bisonte Firenze - Lardini Filottrano 3-0 Sab Legnano - Igor Gorgonzola Novara 0-3 - Classifica: Conegliano 29; Novara 27; Scandicci e Busto Arsizio 24; Modena 18; Monza 16; Pesaro 15; Firenze 14; Legnano 11; Casalmaggiore 10; Bergamo 6; Filottrano 4.

22:03Calcio: Andreazzoli nuovo allenatore dell’Empoli

(ANSA) - EMPOLI (FIRENZE), 17 DIC - Aurelio Andreazzoli è il nuovo tecnico dell'Empoli. Dopo l'esonero quasi a sorpresa di Vincenzo Vivarini la società ha affidato la guida della prima squadra all'ex allenatore della Roma, a riposo da questa estate dopo aver lavorato come collaboratore di Luciano Spalletti. Andreazzoli sarà presentato domani e sarà coadiuvato dall'allenatore in seconda Giacomo Lazzini, ex centrocampista dell'Empoli nella stagione 1992-93. Andreazzoli ha firmato un contratto fino al 30 giugno, con opzione in caso di promozione in serie A. Andreazzoli torna a guidare una prima squadra dopo la stagione 2012-2013 quando in seguito all'esonero di Zeman, gli venne affidata la panchina della Roma, con cui perse la finale-derby di Coppa Italia contro la Lazio e dove rimase fino al termine della stagione per poi tornare al ruolo di collaboratore, prima con Rudi Garcia poi, di nuovo, con Luciano Spalletti. Dalla scorsa estate aveva deciso di rimanere a riposo. Ora la chiamata del presidente dell'Empoli, Fabrizio Corsi.

21:33Reagisce a rapinatore, ferito gestore pizzeria in Molise

(ANSA) - CAMPOMARINO (CAMPOBASSO), 17 DIC - Reagisce al rapinatore che, con volto coperto, entra in pizzeria e gli punta una pistola scacciacani, chiedendogli l'incasso. Tra i due inizia una colluttazione e il gestore del locale resta ferito al volto dopo il colpo con il calcio dell'arma scagliatogli contro dal malvivente. Nella concitazione del momento, il ladro esplode anche due colpi. Poi la fuga con 500 euro. "Abbiamo ancora la paura addosso - dice la moglie del titolare - non riusciamo a capacitarci dell'accaduto". Sull'episodio sono in corso indagini a 360 gradi dei Carabinieri, intervenuti intorno alle 23 di sabato sera, nel locale di Corso Marconi, nel centro di Campomarino (Campobasso). In base alle testimonianze, il malvivente è alto 1.80, sarebbe italiano e di corporatura robusta. "Il rapinatore mi ha ferito al capo con il calcio della pistola - spiega il titolare della pizzeria contattato telefonicamente - durante il corpo a corpo ha esploso dei colpi dalla scacciacani dentro il locale".Nella fuga - a quanto appreso - sembra che il rapinatore abbia perso un caricatore o un pezzo dell'arma, trovato dai Carabinieri e al vaglio degli inquirenti. Non sono state trovate, invece, telecamere funzionanti nei dintorni del locale. Accertamenti a tappeto da parte dei militari. Per tutto il giorno sono stati ascoltati in caserma i testimoni dell'accaduto compreso il gestore dell'attività che ha ripercorso in dettaglio l'accaduto. (ANSA).

21:32Austria: Gozi, mantenga impegni su quote rifugiati assegnate

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Per noi è fondamentale che l'Europa si attrezzi con politiche per governare immigrazione e asilo. Il minimo sindacale dell'Italia è che ogni Paese rispetti le quote di rifugiati loro assegnati. Ribadiremo questa posizione anche al nuovo governo austriaco". Così il sottosegretario agli Affari europei, Sandro Gozi, su Twitter.

21:28Brexit: Tajani, britannici si stanno rendendo conto errore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Se i britannici volessero fare marcia indietro (sulla Brexit) poi tutti gli stati dell'Unione Europea dovrebbero accettare. Certamente più si va avanti più si rendono conto dell'errore commesso": lo ha detto il Presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani. "Fortunatamente - ha aggiunto Tajani - abbiamo risolto la prima parte e siamo riusciti a fare un accordo quadro in difesa dei diritti dei cittadini Ue in Gb, il problema dei confini tra l'Irlanda del Nord e la Repubblica di Irlanda e l'accordo sul conto" di divorzio. "Adesso inizia la fase difficile della trattativa: trasformare l'accordo generale in un trattato e poi vedere quali saranno le relazioni future tra Gb e Ue. Non sarà facile", ha concluso il presidente dell'Europarlamento.

Archivio Ultima ora