Torna incubo 10 aprile per Berlusconi, mi impediranno comizi

Pubblicato il 28 marzo 2014 da redazione

ROMA. – Messa a tacere, per il momento, la polemica interna al partito dopo la decisione presa ieri sulle candidature europee, Silvio Berlusconi si concentra su quello che ormai considera il suo peggiore incubo: la decisione che i giudici di Milano dovranno prendere sul suo futuro, cioè se concedergli i servizi sociali oppure mandarlo agli arresti domiciliari. Il Cavaliere non fa mistero delle sue preoccupazioni ed anche oggi, in una serie di colloqui avuti a palazzo Grazioli, l’argomento è stato centrale: faranno di tutto per impedirmi di parlare – è la convinzione dell’ex capo del governo – e anche se andrò ai servizi sociali non mi consentiranno di fare comizi, nonostante io sia il leader di un partito, per la campagna elettorale per le europee. Che la giustizia sia sempre in cima ai suoi pensieri lo dimostra anche la lettera inviata a Francesco Storace. L’ex premier chiede al leader della Destra di tornare ad essere alleato di Fi perchè il centrodestra “ha un’ultima occasione per prevalere e ribaltare un destino segnato”. Gran parte del suo intervento è riservato però ai problemi giudiziari: “Quello che è successo in questi mesi a me – accusa – non ha eguali in nessuna democrazia occidentale. Ogni regola di giustizia e’ stata calpestata per eliminare attraverso il braccio giudiziario della sinistra l’avversario che non si e’ riuscito ad eliminare con i mezzi della democrazia”. E proprio a questo discorso si lega la richiesta fatta allo stato maggiore del suo partito di parlare il più possibile delle vittime “della mala giustizia”. Non è nuova infatti l’idea di fare anche dei club di riferimento per le vittime della giustizia e chissà, magari domani anche una lista elettorale che possa allearsi a Forza Italia. Discorso, quello sulle alleanze, che Berlusconi ha affrontato anche durante il comitato di presidenza chiedendo di essere “il più inclusivi possibili” nelle intese per le elezioni amministrative. La convinzione dell’ex capo del governo però rimane quella che al massimo tra un anno si torni alle urne: dobbiamo essere pronti – ha ribadito anche oggi – ecco perchè i club devono diffondersi il più possibile. Parole che certificano l’attenzione sempre crescente verso tutto ciò che sia “altro” dalla struttura classica di Forza Italia. La mediazione raggiunta ieri sulle liste elettorali, che apre alla possibilità che possano correre i parlamentari nazionali, è un segnale di attenzione dato alla cosiddetta “vecchia” classe dirigente. Ma con diversi ospiti ricevuti oggi a via del Plebiscito, Berlusconi è tornato a battere sul terreno del cambiamento: Il partito deve capire – è la sintesi – che devo rinnovare così come ha fatto Matteo Renzi. Ed è proprio al premier che il Cavaliere guarda con preoccupazione in vista anche della campagna elettorale “anomala” per gli elettori azzurri che per la prima volta non potranno scrivere il nome di Berlusconi sulla scheda e difficilmente potranno assistere a comizi con lui protagonista. Da qui la richiesta di un cambio assoluto di linea rispetto all’atteggiamento di Forza Italia nei confronti del governo. Eccezion fatta per le riforme, dove l’intenzione è quella di privilegiare il rapporto con il presidente del Consiglio (ciò spiega la decisione di tenere i toni bassi per ora su quanto annunciato da Renzi in direzione nonostante l’idea di invertire il percorso delle riforme non sia gradito), sul resto dei provvedimenti, gli azzurri si preparano alla battaglia: dobbiamo essere più netti ed aggressivi – è la convinzione del Cav – perchè la nostra gente non capisce il nostro atteggiamento. (Yasmin Inangiray/ANSA)

Ultima ora

21:27Calcio: Mondiale club,2-1 all’Al Jazira e R.Madrid in finale

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Real Madrid vince 2-1 contro i padroni di casa dell'Al Jazira di Abu Dhabi e stacca il biglietto per la finale del Mondiale per club di sabato, dove affronterà i brasiliani del Gremio Porto Alegre, campioni in carica del Sudamerica.

21:23Gerusalemme: sirene di allarme nel sud di Israele

(ANSAmed) - TEL AVIV, 13 DIC - Le sirene di allarme anti missili sono risuonate poco fa nel sud di Israele, nella zona della cittadina di Sderot non lontano dalla Striscia. Lo conferma l'esercito, citato dai media. Secondo questi ultimi ci sarebbe stato almeno un razzo dalla Striscia intercettato dall'Iron Dome.

21:15‘Boicotta Espresso’, ma blitz Forza Nuova fallisce a Torino

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - Avevano in programma un'azione dimostrativa sotto la redazione torinese del quotidiano La Repubblica, simile a quella effettuata a Roma lo scorso 6 dicembre, i militanti di Forza Nuova che ieri sono stati fermati dalla polizia a Torino. Gli investigatori della Digos hanno intercettato il corteo, non autorizzato, prima che arrivasse in via Lugaro, sede del giornale, e i manifestanti si sono allontanati. Secondo quanto appreso, l'intenzione di Forza Nuova era quella di appendere uno striscione con la scritta 'Boicotta il Gruppo Espresso'. (ANSA).

21:12Calcio: 3-2 alla Sampdoria, Fiorentina ai quarti

(ANSA) - FIRENZE, 13 DIC - La Fiorentina ha battuto 3-2 la Sampdoria negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti affronterà la vincitrice di Lazio-Cittadella, in programma domani sera allo stadio Olimpico di Roma. Viola in vantaggio già al 2' grazie a Babacar. Il pareggio ligure lo firma Barreto a cinque minuti dall'intervallo. Nella ripresa l'arbitro Rosario Abisso, di Palermo, diventa protagonista fischiando tre rigori, due con l'ausilio della Var. Il primo lo trasforma Veretout, il secondo - quello del 2-2 - è opera di Ramirez al 32'. Al 90' ancora Veretout sul dischetto. Il francese non sbaglia battendo Puggioni con grande freddezza. Per la Samp anche un clamoroso palo colpito da Caprari su punizione.

21:10Calcio: Baldissoni “Roma patrimonio collettività,è una fede”

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "La storia della Roma ha un inizio, ma è senza fine. Questa squadra è patrimonio di una collettività e racchiude il capitale emotivo di una comunità. Parliamo di una storia che si aggiorna quotidianamente, perché le emozioni non muoiono mai. La Roma è una fede, una famiglia, è parte di tutti noi e lo sarà per sempre". Così il dg della Roma, Mauro Baldissoni, nel corso della presentazione del libro 'Dimmi cos'è', pubblicato per celebrare i 90 anni del club giallorosso. Il volume, a cura di Tonino Cagnucci e Luca Pelosi (casa editrice Skira), ripercorre la storia della Roma con illustrazioni, disegni d'autore, fotografie inedite. "Da quando è arrivata la nuova proprietà è stato creato un dipartimento dedicato all'archivio storico. Abbiamo fatto un lavoro incessante negli anni, recuperato e organizzato centinaia di migliaia di documenti, foto e oggetti - sottolinea Baldissoni -. Questo grande sforzo di raccolta è stato ora messo su carta, è fruibile da tutti e ne siamo estremamente orgogliosi".

21:09Uccise ladro: condannato a nove anni e quattro mesi

(ANSA) - BRESCIA, 13 DIC - La Corte d'Assise di Brescia ha condannato a 9 anni e 4 mesi per omicidio volontario Mirco Franzoni, il 33enne che la sera del 14 dicembre 2013 a Serle, nel Bresciano, uccise in strada con un colpo di fucile ravvicinato il ladro di origine albanese Eduard Ndoj, che era entrato nell'abitazione del fratello. Il pm aveva chiesto 16 anni, sempre per omicidio volontario.

20:59Nuoto: Europei 25 metri, Scozzoli vince l’oro nei 50 rana

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Due medaglie per l'Italia nella prima giornata di gare dei campionati europei di nuoto in vasca da 25 metri, in corso a Copenaghen. L'azzurro Fabio Scozzoli ha chiuso al primo posto la gara dei 50 rana con il tempo di 25"62, nuovo record europeo, che sottrae dieci centesimi al limite che lui stesso aveva stabilito nel 2013 in coppa del mondo a Berlino. Ha preceduto il russo Kirili Progoda, medaglia d'argento, e il britannico Adam Peaty, bronzo. La seconda medaglia è d'argento, conquistata dagli staffettisti della 4x50 stile libero. Luca Dotto, Lorenzo Zazzeri, Alessandro Miressi e Marco Orsi hanno chiuso in 1'23''67, dietro ai russi che si impongono in 1'23''23.

Archivio Ultima ora