Ucraina: Putin ritira truppe ma insiste su federazione

Pubblicato il 31 marzo 2014 da redazione

MOSCA. – Mosca comincia a ritirare le truppe dal confine con l’Ucraina, alla vigilia delle esercitazioni aeree Nato nei Paesi baltici in concomitanza con la riunione dei ministri degli esteri dell’Alleanza. E non boccia più a priori la legittimità delle presidenziali convocate per il 25 maggio. Ma non retrocede dalla sue proposte per uscire dalla crisi, in particolare da una riforma federale che per ora Kiev rifiuta in modo sdegnato e categorico. Putin ha insistito sulla sua necessità, “per tutelare gli interessi legittimi degli abitanti di tutte le regioni” dell’Ucraina, in una telefonata alla cancelliera tedesca Angela Merkel, alla quale ha denunciato inoltre il blocco in Moldova della Transnistria, altra regione russofona secessionista. Qualcosa comunque sembra muoversi dopo l’incontro parigino tra il segretario di Stato Usa John Kerry e il ministro degli Esteri russo Serghiei Lavrov. Pur mantenendo opinioni divergenti, i capi delle due diplomazie hanno concordato di cercare “un terreno comune” per una soluzione diplomatica della crisi. Kerry aveva chiesto, tra l’altro, il ritiro delle forze militari russe dai confini, ritenendo che non si possa dialogare con una pistola puntata alla testa. E adesso Mosca ha lanciato un primo segnale, dopo che nei giorni scorsi si erano diffuse voci sulla presenza di alcune decine di migliaia di militari pronti per un eventuale blitz. La Russia “sta ritirando progressivamente” le truppe alla frontiera, ha reso noto un portavoce del ministero ucraino della Difesa, Olexii Dmitrashkivski, secondo cui i movimenti potrebbero essere legati “ad un avvicendamento dei militari” oppure più probabilmente “ai negoziati tra Russia e Stati Uniti” di domenica. “La situazione ai confini orientali è stabile, il numero dei soldati è diminuito”, gli ha fatto eco più tardi il vice comandante dello Stato maggiore ucraino Oleksandr Rozmaznin, pur confessando di non essere in grado di fornire cifre esatte. Per ora Mosca ha confermato il rientro alla base di un battaglione (circa un migliaio di uomini) della 15/ma brigata di artiglieria motorizzata dalla regione meridionale di Rostov sul Don, al confine con l’Ucraina orientale. Ad una mossa distensiva ha fatto seguito una mossa irritante agli occhi di Kiev, ossia lo sbarco in Crimea del premier Medvedev e di alcuni suoi ministri per discutere lo sviluppo socio-economico della penisola: l’Ucraina ha protestato con una nota ufficiale, ma per Mosca l’annessione è ormai un processo irreversibile, una materia esclusa da qualsiasi negoziato. Per usare le parole del vicepremier Dmitri Rogozin, “la Crimea è nostra e basta”. Del resto Lavrov era stato chiaro alla tv russa: “Se l’Occidente vuole accettare il governo di Kiev, frutto di un colpo di Stato, allora deve accettare anche quello che è successo in Crimea, tanto più che è espressione della volontà popolare”. Quali sono allora i nodi su cui stanno negoziando Russia e Usa tentando di coinvolgere Kiev? Lo scioglimento delle organizzazioni paramilitari legate al Maidan, a partire da quella di estrema destra Pravi Sektor, e una riforma costituzionale che trasformi il Paese in una federazione per dare più potere alle regioni russofone del sud-est, consentendo loro di usare il russo come seconda lingua ufficiale e di eleggere il proprio governatore, ora nominato da Kiev. Solo così, secondo Mosca, le presidenziali potranno avere una loro legittimità. Ma il presidente ucraino ad interim Oleksandr Turcinov boccia l’ipotesi federalista: “Al momento non ci sono i pre-requisiti in Ucraina per il federalismo. L’Ucraina è uno Stato unitario”. “Il governo russo dovrebbe occuparsi dei problemi della Federazione russa, e non dei problemi dell’Ucraina”, ha aggiunto sdegnato. La proposta russa è stata bocciata anche da Petro Poroshenko, l’oligarca filo Maidan ora grande favorito per le presidenziali. “L’Ucraina era, è e sarà uno stato unitario”, ha assicurato, rivendicando la restituzione della Crimea e rilanciando il processo di integrazione europea ma dicendosi pronto ad un “dialogo trasparente” con Mosca. (Claudio Salvalaggio/Ansa)

Ultima ora

16:04Figc: Malagò, non posso commissariare

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Commissariare la Federcalcio? Sulla base di quello che è emerso non ci sono gli estremi, fermo restando che ognuno ha una sua idea della partita e vediamo se il mondo del calcio, come sembra volere, dimostrerà di riuscire da solo autonomamente a venire fuori da fatti abbastanza curiosi". Così il presidente del Coni, Giovanni Malagò, nel giorno in cui scadeva l'ultimatum alla Figc per il commissario. Provvedimento che il n.1 del Comitato olimpico nazionale aveva legato all'eventuale mancata elezione delle cariche in Lega A ma aggirato dalla richiesta di proroga del commissariamento in capo al presidente dimissionario della Figc, Carlo Tavecchio. "C'è stata questa richiesta esplicita della Lega di A e bisogna prenderne atto - aggiunge Malagò a margine della presentazione della partnership di Coni e Cip con Toyota - Vediamo se il mondo del calcio vorrà cambiare, a cominciare dalla Lega A che da tempo infinito sta cercando di eleggere i suoi nomi. Non è vero che facciamo il tifo affinché ciò non avvenga".

16:00Coni: Malagò precisa, nessuna legge ad personam

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Legge 'ad personam' per il sottoscritto sul limite dei mandati? Non è assolutamente così. Quello è un testo superato e tutti i presidenti federali che hanno fatto anche più di tre mandati possono concludere questo mandato e candidarsi anche al prossimo. È una notizia riportata in modo sbagliato da chi vuole sempre strumentalizzare". Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, allontana così le polemiche sulle modifiche all'emendamento della legge di Stabilità sull'innalzamento a tre del limite dei mandati. Secondo alcuni giornali, una legge 'ad personam' in quanto non sarebbe prevista la retroattività per i presidenti federali ma soltanto per il presidente del Coni: "Non è così. C'è semplicemente la volontà di rispettare quelli che sono gli insegnamenti del Cio - precisa Malagò - il Coni è emanazione del Cio ed è giusto che ne segua anche quelle che sono le indicazioni, i suggerimenti. Il Cio prevede un limite di tre mandati a presidente e si chiede di uniformarci".

15:52Champions: Malagò, poteva andare peggio

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "I sorteggi di Champions? Ora gli allenatori (Allegri e Di Francesco, ndr) diranno, come è giusto che sia, che serve la massima cautela, ma mi sembra che poteva andare peggio. Non ci si può lamentare". Lo dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò, a margine della presentazione della partnership di Coni e Comitato Paralimpico con la Toyota avvenuta a Roma, commentando i sorteggi degli ottavi di finale di Champions League, che vedono la Juventus affrontare gli inglesi del Tottenham e la Roma gli ucraini dello Shakhtar Donetsk.

15:49Champions: la carica di Di Francesco

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Lo Shakhtar Donetsk è una squadra forte, che ha saputo qualificarsi attraverso un girone molto difficile. Noi abbiamo lottato per guadagnarci questi ottavi, ce la metteremo tutta per continuare il nostro cammino. Forza Roma!". Questo il commento, via Twitter, del tecnico Eusebio Di Francesco dopo l'accoppiamento negli ottavi di Champions League tra la Roma e la formazione ucraina. La Roma in passato ha incrociato già lo Shakhtar nella massima competizione europea. Nel 2006 le due squadre si affrontarono nella fase a gironi (vittoria dei giallorossi per 4-0 all'Olimpico e sconfitta per 1-0 a Donetsk), mentre nel 2011 si sfidarono negli ottavi con due sconfitte per la Roma (2-3 e 3-0) e conseguente eliminazione.

15:44++ New York, esplosione a stazione bus Manhattan ++

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Un'esplosione è avvenuta a Port Authority, la stazione centrale dei bus a New York. La polizia e i vigili del fuoco sono sul posto, secondo i media americani, che riferiscono di scene di panico.

15:43Europa League: il quadro dei 16/i di finale

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il quadro dei sedicesimi di finale di Europa League dopo il sorteggio di Nyon (andata 15 febbraio 2018, ritorno 22 febbraio): Borussia Dortmund-Atalanta; Nizza-Lokomotiv Mosca; Copenaghen-Atletico Madrid; Spartak Mosca-Athletic Bilbao; Aek Atene-Dinamo Kiev; Celtic-Zenit San Pietroburgo; Napoli-Lipsia; Stella Rossa-Cska Mosca; Lione-Villarreal; Real Sociedad-Salisburgo; Partizan-Viktoria Plzen; Steaua Bucarest-Lazio; Ludogorets-Milan; Astana-Sporting Lisbona; Ostersunds-Arsenal; Sporting Braga-Marsiglia.

15:42Avvelenati tallio: killer ha usato acqua minerale

(ANSA)- MONZA, 11 DIC - Avrebbe utilizzato l'acqua minerale per avvelenare i suoi familiari Mattia Del Zotto, il 27 enne di Nova Milanese (Monza), reo confesso di aver ucciso volontariamente i nonni paterni e una zia e di aver tentato di uccidete i nonni materni, due zii e la badante, perché "soggetti impuri". È quanto emerso stamane dall'interrogatorio di garanzia reso dal giovane al Gip Federica Centonze sabato mattina in carcere a Monza. Le indagini della Procura di Monza si concentrano quindi sulle bottiglie a cui il giovane aveva accesso nella cantina comune della palazzina dove vive tutta la sua famiglia a Nova. Il veleno, senza sapore o odore, potrebbe essere inoltre stato inserito dal giovane anche in alcuni integratori destinati ai nonni materni e ad un infuso alle ortiche.

Archivio Ultima ora