Suicidio Inter a Livorno, 2 gol e poi pasticcio

Pubblicato il 31 marzo 2014 da redazione

LIVORNO. – Una brutta Inter pareggia a Livorno sprecando anche il doppio vantaggio guadagnato quasi per caso nel finale di primo tempo. E alla fine gioiscono solo gli amaranto per un punto guadagnato che li riavvicina al Bologna, ora a -1. I nerazzurri costruiscono poco, ma soprattutto appaiono eccessivamente distratti in difesa: i due gol del Livorno arrivano anche grazie a colossali disattenzioni della retroguardia ospite. Ma è lo svarione di Guarin al 39′ della ripresa, che manda in porta Emeghara, a togliere il sonno a Mazzarri e a lasciare il quarto posto occupato dalla Fiorentina ancora distante. Eppure fino a quel momento Palacio e compagni assaporavano il quasi riaggancio anche se con una partita tutt’altro che brillante. Nel primo tempo, infatti, l’Inter si vede solo intorno alla mezz’ora con un destro a giro di Hernanes che spaventa Bardi. Al 39′ però arriva il vantaggio grazie al brasiliano che capitalizza un assist di testa di Icardi, dopo aver ‘ciccato’ il pallone al primo tentativo al volo. Al 45′ arriva anche il raddoppio con Palacio, anche se il Livorno lamenta una spinta in area di Icardi che impedisce a Emerson di saltare e deviare di testa. Si va al riposo con i nerazzurri avanti 2-0 e a quel punto nessuno pensa che il Livorno possa riuscire a fare poco più che il solletico agli ospiti. Ma è una previsione sbagliata, perché dal tunnel escono solo i padroni di casa con gli occhi della tigre e al 10′ accorciano le distanze con Paulinho, in assoluto il migliore in campo, che lascia sul posto Samuel e perfezione lo schema da corner di greco: calcio d’angolo rasoterra raccolto dal centravanti brasiliano che va incontro alla palle e segna con uno splendido destro sotto la traversa. Il Livorno ci crede e prova a spingere: Di Carlo si gioca tutto e schiera tre punte con Emeghara al posto dell’evanescente Belfodil e Siligardi al posto di Emerson. L’Inter sbanda e allora Mazzarri si affida a Zanetti: una specie di feticcio in campo, più che una soluzione tattica vera e propria per provare a portare in fondo la vittoria. Ma il tecnico non fa i conti con Guarin entrato al 24′ al posto di Hernanes per dare vivacità al centrocampo nerazzurro: il colombiano tenta un retropassaggio senza senso da metà campo che innesca Emeghara, che in velocità infila la difesa ospite e batte Handanovic. L’arrembaggio finale dell’Inter non basta a raddrizzare la barca: per conquistare l’Europa ci sarà ancora da sudare. E tanto. 

Ultima ora

07:57Terremoti, sequenza sismica nel Canale di Sicilia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Sequenza sismica nel Canale di Sicilia: nella notte si sono registrate almeno 5 scosse di terremoto di magnitudo superiore a 2, le più forti di 3.9 e 3.7 alle 2:13 e alle 2:59. Epicentri circa 60 km a sud della ragusana Modica. Già ieri altre due scosse di magnitudo 3.5 e 3.6 erano state registrate nella zona tra le 12 e le 13. Non si segnalano danni a persone o cose.

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

Archivio Ultima ora