Ruanda: Vent’anni fa i giorni del genocidio e dell’odio

Pubblicato il 04 aprile 2014 da redazione

ROMA. – “Dovete sterminare tutti gli scarafaggi”. “Le tombe sono riempite solo a metà: chi vuole aiutarci a riempirle del tutto?”: due frasi terribili ma esemplari dell’incitamento alla violenza “vomitato” vent’anni fa 24 ore su 24 da un’emittente hutu sui suoi ascoltatori in Ruanda. Gli “scarafaggi” erano i tutsi, la minoranza che però aveva in mano tutte le leve del potere, politiche, militari, economiche. E che gli hutu avevano deciso di sterminare, a costo di fare a pezzi anche persone della loro stessa etnia, contrarie allo sterminio. L’orgia di sangue e di terrore, secondo le cifre ufficializzate anni dopo a seguito dell’incessante ritrovamento di fosse comuni, provocò in soli tre mesi un milione di morti e due milioni di profughi e si lasciò alle spalle centinaia di bambini mutilati con asce e machete, di bambine stuprate che ancor oggi non possono, e non vogliono, dimenticare. Poi ci fu il colera, 80-90mila morti accertati in Ruanda, ma anche nel vicino Burundi e nei campi profughi del confinante Zaire che oggi, dopo un’altra sanguinosa guerra civile, si chiama Congo (Repubblica democratica del Congo). Solo allora cominciò a uscire dal suo “torpore” la comunità internazionale che per quasi tre anni era stata alla finestra a guardare, riempiendo le sedi di giornali e televisioni di comunicati attendisti e retorici che elaboravano tattiche, senza produrre azioni concrete realmente efficaci. D’altra parte se il genocidio – senza precedenti dopo la Seconda Guerra Mondiale e di cui lunedì a Kigali, capitale del Ruanda, si aprono le commemorazioni – è cronologicamente “fissato” in tre mesi del 1994 (aprile, maggio e giugno), in realtà la conflittualità interetnica tra hutu e tutsi era entrata in una fase sempre più sanguinosa già nel 1992. Ma la guerra di sterminio vera e propria avvenne in seguito all’abbattimento, il 7 aprile 1994, dell’aereo con a bordo i presidenti del Ruanda, Juvenal Habyarimana, e del Burundi, Cyprien Ntaryamira, di ritorno da un vertice in Tanzania dove erano andati proprio per tentare di trovare una soluzione agli scontri fra le etnie dell’area. La loro morte, rimasta a tutt’oggi un mistero, scatenò la mattanza, nella sostanziale indifferenza delle diplomazie internazionali. Indifferenza dovuta, a giudizio degli osservatori, anche alla storia della colonizzazione tedesca e belga: nel 1896 i primi coloni tedeschi trovarono il Ruanda in preda a lotte intestine tra i tutsi, minoritari ma fisicamente più “belli”, alteri e aitanti guerrieri, e gli hutu, agricoltori piccoli di statura il cui nome stesso voleva dire “servo”. Decisero così che i tutsi (neanche il 14% della popolazione) erano la “razza superiore” locale, destinata a dominare i contadini negro-bantù. Il Belgio si impadronì del Ruanda e del Burundi dopo la Prima guerra mondiale e mantenne il sistema lasciato dai tedeschi, accentuando le discriminazioni: ai tutsi rimase gran parte del potere politico, militare ed economico. L’odio atavico crebbe e quando il Ruanda nel 1961 ottenne l’indipendenza si compirono le prime vendette, saccheggi, atrocità. Nell’emulare l’orrore portato dai colonizzatori, la maggioranza degli hutu imparò in fretta a mutilare per far soffrire prima di uccidere e a decapitare con destrezza i bambini di fronte alle madri. Fino al genocidio del ’94. Ora, dopo vent’anni, il Ruanda cerca di guardare avanti. “Ricordare, unire, rinnovare”, si legge su grandi cartelloni installati agli incroci della capitale Kigali. La politica é diventata in gran parte “femminile” ma la sfida resta aperta, le radici dell’odio non sono ancora del tutto estirpate. (Rossella Benevenia/Ansa)

Ultima ora

17:42Gerusalemme: Anp, ‘inaccettabile posizione Usa su Muro’

(ANSAmed) - ROMA, 16 DIC - "Inaccettabile". I palestinesi prendono posizione contro la posizione espressa dall' Amministrazione Usa dopo che ieri fonti della Casa Bianca hanno fatto sapere di considerare il Muro occidentale di Gerusalemme (il Muro del pianto) come parte di Israele. "I palestinesi non accetteranno alcun cambiamento sul confine del 1967 di Gerusalemme est", ha detto Nabil Abu Rudeineh, portavoce del presidente palestinese Abu Mazen. Lo scrive il sito israeliano Haaretz. "Questa presa di posizione da parte americana è la prova ancora una volta che l'attuale amministrazione Usa si è totalmente tirata fuori dal processo di pace", ha precisato, aggiungendo che tale mossa "consoliderà l'occupazione" israeliana.

17:28Biotestamento: arcivescovo Torino, diritto vita prioritario

(ANSA) - TORINO, 16 DIC - "Gli anziani, le persone malate vanno difese e tutelate nei loro diritti e quello della vita è prioritario. Invece nel nuovo quadro normativo si aprono prospettive pericolose e inquietanti anche sui rischi di abusi sulla vita, motivati dai 'costi' di mantenimento delle persone malate". L'arcivescovo di Torino, monsignor Cesare Nosiglia, esprime "apprezzamento" a don Carmine Arice, padre generale del Cottolengo, che ha annunciato l'intenzione di non applicare le disposizioni anticipate di trattamento per il fine vita. "Di fronte ad una richiesta di morte, la nostra struttura non può rispondere positivamente", ha spiegato don Arice, ricevendo il plauso dell'arcivescovo di Torino, che invita comunità religiose, istituzioni, associazioni e tutti i volontari del mondo sanitario e assistenziale della diocesi "ad avere il coraggio di fare scelte di coerenza morale e di testimonianza anche andando controcorrente". Un dovere, conclude, affinché "i valori della vita abbiano peno riconoscimento".(ANSA).

17:25Calcio: Kakà ha deciso, si ritira ma non torna al Milan

(ANSA) - SAN PAOLO, 16 DIC - Doccia fredda per i tifosi del San Paolo: Ricardo Kakà ha deciso di ritirarsi dall'attività agonistica e quindi di non accettare l'offerta del club 'tricolor', della cui tifoseria è uno degli idoli, di giocare per un anno nella squadra che lo ha lanciato. Kakà infatti, secondo quanto riporta il sito brasiliano 'Uol Esporte', ha confidato a persone a lui molto vicine di aver deciso di smettere, per dedicarsi agli studi e capire se può avere un futuro da dirigente. L'ex Pallone d'oro ha anche confermato di aver ricevuto una proposta dal Milan per fare il dirigente della società rossonera, ma di non essere orientato ad accettarla, almeno per ora. "Non è nel mio futuro immediato", avrebbe spiegato Kakà parlando del Milan. Di recente un altro idolo della torcida 'saopaulina', ovvero Raì, ha accettato una carica dirigenziale all'interno del club, e Kakà potrebbe essere il prossimo, mentre Lugano entrerà a far parte dello staff tecnico.

17:20Calcio: Mourinho tenta Kovacic, pronti 30 mln per il Real

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Il Manchester United punta a rafforzarsi nel mercato invernale e uno dei nomi sul taccuino di Josè Mourinho è Mateo Kovacic, il centrocampista croato del Real Madrid poco utilizzato però da Zinedine Zidane (3 partite in Liga e due in Champions). Secondo lo spagnolo 'AS', per accaparrarselo il club dei Red Devils sarebbe disposti a mettere sul piatto 30 milioni. Kovacic, 23 anni, ha un contratto con il Real fino al 2021. E' arrivato a Madrid nell'estate 2015 dall'Inter per 28 milioni, cifra simile a quella offerta al momento da United. Un altro dei club che è sulle tracce del croato, scrive 'AS' è la Juventus.

17:19Si è ripetuto a Napoli il miracolo di San Gennaro

(ANSA) - NAPOLI, 16 DIC - Si è ripetuto alle 12.07, nella cappella del Tesoro di San Gennaro, il miracolo della liquefazione del sangue del patrono di Napoli e della Campania. Il 16 dicembre è la terza data dell'anno - dopo il sabato precedente la prima domenica di maggio e il 19 settembre - in cui le ampolle vengono esposte; nella festività odierna si ricorda l'eruzione del Vesuvio del 1631, che il 16 dicembre risparmiò Napoli dopo ore di preghiere dei fedeli. E' stato l'abate della cappella, monsignor Vincenzo De Gregorio, a celebrare la messa. L'evento, annunciato dal tradizionale sventolio di un fazzoletto bianco, è stato salutato da un lungo e forte applauso da una folla di fedeli accompagnato dall'intonazione dell'antico canto delle 'parenti' di San Gennaro.

17:18Milan: Gattuso ‘con me si sgarra due volte, la terza…’

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 16 DIC - Con Rino Gattuso si può sgarrare due volte, la terza non conviene. "La prima ci può stare, la seconda pure, la terza non fatemela dire. Si capisce...", ha sorriso l'allenatore del Milan, che nelle sue prime due settimane sulla panchina rossonera sta lavorando anche per dare tranquillità alla squadra e spirito di sacrificio. "La chiave deve essere lo scatto di Cutrone al 90' contro il Verona, o i due recuperi di Suso. Io so cosa può dare a livello tecnico questa squadra ma non basta, serve fame, cattiveria, mettersi a disposizione dei compagni" ha spiegato Gattuso, sottolineando l'esempio di Bonucci: "E' un martello, ha la faccia d'angelo ma lavora in modo incredibile, è uno spettacolo vederlo. Se vuoi mollare, è importante vedere 6-7 giocatori che ti incitano, è lo spirito che ci sta facendo lavorare bene. Questa è una squadra forte, lo penso veramente, c'è qualità a livello tecnico e umano e dobbiamo battere su questo aspetto qua".

17:16Calcio: Ballardini, a Firenze voglio Genoa con furore

(ANSA) - GENOVA, 16 DIC - "A Firenze voglio un Genoa con più furore". L'allenatore Davide Ballardini detta subito le condizioni per la sfida con la Fiorentina a pochi giorni dalla sconfitta casalinga con l'Atalanta. "I dati dicono che contro l'Atalanta abbiamo fatto la partita più bella da quando ci sono io, con un baricentro più alto per almeno 70' - ha spiegato il tecnico rossoblù -. Ma preferisco avere un baricentro più basso perché è sempre meglio essere compatti e aggressivi". Nessun timore però di aver perso quella "fame" che aveva contraddistinto il Genoa dal suo arrivo. "Se non hai quella determinazione, quell'attenzione, quel furore che è necessario avere, significa che non hai capito nulla - ha ribadito -. Sono tutte caratteristiche fondamentali, le qualità in questo caso vengono dopo. Il nostro primo obbiettivo è essere sempre compatti con equilibrio. La squadra deve dare sempre la sensazione che sia facile per noi che abbiamo la palla giocare e difficile invece per l'avversario giocare".

Archivio Ultima ora