Afghanistan: Le donne sfidano tabù, molte di più al voto

Pubblicato il 04 aprile 2014 da redazione

KABUL. – Nel clima teso della vigilia pre-elettorale legato alle minacce dei talebani e ai timori di brogli su vasta scala, molti si chiedono se non sarà una marcata ed inedita partecipazione delle donne il vero fattore di novità di questa consultazione presidenziale e provinciale in Afghanistan.  Ne è convinta Marzia Rahmani, attivista della provincia settentrionale di Kunduz, per la quale “per la prima volta il numero di donne che hanno partecipato alle attività elettorali è andato oltre ogni aspettativa. Sono state molte migliaia di più – ha assicurato – di quante ne avevamo viste nel 2009”. Pur rappresentando la metà della popolazione, le donne afghane lottano ogni giorno per affermare i diritti di base ad istruzione, salute e all’esercizio del voto. “Credo – ha spiegato all’Ansa la Rahmani – che le campagne degli anni scorsi, gli sforzi della società civile e la presenza di donne in Parlamento abbiano incoraggiato le giovani, soprattutto quelle che studiano, a prendere parte al processo elettorale”. E i dati raccolti nei giorni scorsi parlano chiaro: c’è stato un incremento di circa il 35% delle registrazioni femminili per le presidenziali e le provinciali. Questo non vuol dire certo che queste votanti saranno libere di esprimere il loro voto o che alla fine andranno davvero ai seggi superando le pressioni famigliari. Ma è ovvio che si tratta di un processo irreversibile che non potrà che giovare alla società  afghana. A poco a poco, anche negli ambienti religiosi islamici dove si annidano le sacche di maggiore resistenza all’emancipazione femminile, si stanno creando squarci e aperture che possono mettere fine ad una storica segregazione. Essa raggiunse il massimo durante il governo dei talebani (1996-2001) quando le donne erano escluse dall’istruzione, dal voto e da molti lavori, e non potevano uscire di casa se non accompagnate da parenti. Ma il vento è cambiato. Come nella provincia di Khost, dove durante una conferenza organizzata dalla Commissione elettorale indipendente (Iec) un religioso, il Maulvi Nasrullah Qasimi, ha sostenuto che “le donne hanno il diritto di partecipare pienamente nel processo elettorale perché il Corano non lo impedisce”. Una posizione appoggiata dal capo del Consiglio degli ulema della provincia, Maulvi Mohammad Mohammadi, per il quale “le donne hanno il diritto di votare per chi vogliono”. Al riguardo Amina, una militante per i diritti civili in Paktia, ha confermato all’Ansa che il governo ha accettato di accompagnare questa apertura islamica. “Religiosi sono intervenuti in tv – ha raccontato – incoraggiando le donne a votare e questo ha aiutato migliaia di esse, soprattutto in provincia, a dire sì alla partecipazione elettorale”. E’ molto contenta per questo Habiba Sarabi, già governatrice della provincia di Bamyan ed ora candidata come seconda vicepresidente per uno dei favoriti alla successione di Karzai, l’ex ministro degli Esteri Zalmai Rassoul. “Se otterremo l’incarico – ha detto ai media – mi impegno ad aumentare il numero delle ragazze che hanno accesso all’istruzione ed alla formazione di un governo che abbia almeno il 20% di donne”.

Ultima ora

16:35Israele: premier Netanyahu interrogato dalla polizia

(ANSAmed) - TEL AVIV, 15 DIC - Per la settima volta, il premier Benyamin Netanyahu è stato interrogato dalla polizia nella sua residenza ufficiale di Gerusalemme nell'ambito di due inchieste giudiziarie su presunte corruzioni. Lo riportano i media ricordando che l'ultimo interrogatorio del premier si è svolto, per quatto ore, lo scorso 19 novembre sempre a Gerusalemme.

16:30Gerusalemme:1 milione protesta a Gaza

(ANSAmed) - GAZA, 15 DIC - Una massiccia adunata - calcolata da fonti locali in quasi un milione di persone - si è svolta in queste ore a Gaza partendo da Rafah, nel sud, fino Beit Hanoun, al nord, lungo la strada Salah Adin. Durante la dimostrazione - convocata da tutte le fazioni palestinesi contro la decisione di Trump su Gerusalemme subito dopo le preghiere del venerdì nelle Moschee - è stato chiesto di continuare la protesta ogni venerdì. Subito dopo manifestanti si sono diretti verso la barriera di demarcazione con Israele dove sono cominciati scontri con l'esercito dello Stato ebraico.

16:29Gb: Harry e Meghan si sposano il 19 maggio

(ANSA) - LONDRA, 15 DIC - Il principe Harry e la fidanzata Meghan Markle si sposeranno il prossimo 19 maggio al Castello di Windsor. L'annuncio ufficiale è stato dato da Kensington Palace.

16:28Nato: ‘grave preoccupazione’ per sistema missili russo

(ANSA) - BRUXELLES, 15 DIC - "Gli alleati hanno individuato un sistema missilistico russo che solleva seria preoccupazione". E' quanto afferma, in una nota, il Consiglio Atlantico della Nato sottolineando che il Trattato Inf (che vieta i missili intermedi), "per 30 anni cruciale per la sicurezza Euro-Atlantica", è rispettato dagli Usa mentre il non rispetto da parte russa dei patti post-guerra fredda è motivo di "di grave e urgente preoccupazione".

16:26Gerusalemme: media, scontri e feriti in Cisgiordania

(ANSAmed) - TEL AVIV, 15 DIC - Scontri tra manifestanti palestinesi ed esercito israeliano sono in corso, al termine delle preghiere del venerdì, in località della Cisgiordania e a Gaza presso la linea di demarcazione. Lo riferiscono le agenzie palestinesi Maan e Wafa secondo cui "ci sono decine di feriti" nei confronti a Qalandiya (nord di Gerusalemme), nel villaggio di Kafr, ad Hebron, a nord di Betlemme ma anche a Nablus, Jenin, e Tulkarem. "Una manifestazione di massa svoltasi sulla Spianata delle Moschee - ha scritto la Maan - ha respinto la decisione del presidente Trump su Gerusalemme".

16:09Calcio: Di Francesco, col Cagliari voglio gol e vittoria

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Qualche gol in più rispetto alle ultime uscite e i tre punti. Eusebio Di Francesco non vuole altro dall'impegno di domani sera all'Olimpico contro il Cagliari. "Affrontiamo una squadra da temere, che ha una sua identità ed è molto pericolosa davanti, ma noi dobbiamo giocare per vincere" spiega il tecnico della Roma, soffermandosi sulla mancanza di concretezza dei giallorossi sotto porta: "Questa settimana abbiamo fatto tante esercitazioni per stimolare i miei giocatori ad attaccare meglio. Devo dire che nelle ultime gare per quello che abbiamo costruito siamo stati poco cinici. Da domani voglio che la squadra risponda coi fatti portando a casa il risultato e continuando però a non prendere gol". Riguardo all'utilizzo o meno di Nainggolan, diffidato, Di Francesco è chiaro: "Se per fare la formazione pensassi già alla sfida con la Juventus farei l'errore più grande di tutti. Adesso c'è il Cagliari e lui potrebbe giocare dal 1, poi è ovvio che anche io guardo queste cose ma non in prospettiva della prossima gara".

16:05Calcio: Coutinho, Liverpool vuole 140 mln

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - La telenovela Coutinho-Barcellona non è finita e, complice l'imminente riapertura della finestra invernale di mercati, l'operazione è di nuovo 'fattibile'. Lo scrivono i media spagnoli secondo cui "la firma di Coutinho a gennaio è possibile, ma il Barça - spiega 'Sport.es' - deve pagare una cifra molto alta: circa 140 milioni, anche se sarebbe disposto a rateizzare la somma. La porta è aperta e ora deve essere il Barcellona a decidere se affrontare la firma più costosa della sua storia o meno. Il club blaugrana non ha mai rotto con il Liverpool dopo il rifiuto dell'estate scorsa, gli agenti di Coutinho hanno tenuto in vita i contatti con il club inglese durante questi mesi e il Bara ha riaperto i negoziati nei giorni scorsi. Hanno comunque gia l'intesa raggiunta col calciatore". In caso di partenza dell'asso brasiliano, il Liverpool avrebbe già individuato l'eventuale sostituto in Lemar del Monaco.

Archivio Ultima ora