Afghanistan: Altro sangue, rischio spoglio voti irregolare

Pubblicato il 07 aprile 2014 da redazione

KABUL. – La giornata di votazioni per le presidenziali, salutata sostanzialmente come un successo, è ormai alle spalle, ma non lo é la agghiacciante violenza che quotidianamente accompagna la vita degli afghani. Un veicolo per il trasporto di passeggeri ha infatti urtato un ordigno rudimentale (ied) nella provincia di Khandahar, con un bilancio di ben 15 morti e quattro feriti.  La tragedia é avvenuta nel devastato distretto di Maiwand, lo stesso dove poco dopo, sulla statale fra Khandahar City e Kabul, un kamikaze a bordo di una auto si è schiantato contro un automezzo della Forza internazionale di assistenza alla sicurezza (Isaf) che, secondo testimoni oculari, si è incendiato. Non si sa se l’impatto abbia causato vittime. E per dare materiale al cruento bilancio di ieri, Tolo Tv riferisce che un drone ha attaccato postazioni dei talebani nella provincia nord-orientale di Kunar, facendo dieci morti, fra cui il governatore ombra provinciale ed uno distrettuale. Tutto questo mentre nell’ambito di un accurato piano di sicurezza le urne contenenti i voti delle 34 province stanno confluendo su Kabul, dove avverrà una nuova verifica prima del consolidamento dei risultati.  Come era prevedibile, la Commissione elettorale indipendente (Ied) ha annunciato che se possibile i primi risultati preliminari non ufficiali, ma globali, saranno presentati all’opinione pubblica non prima del 24 aprile. Ma già in settimana, ha aggiunto un portavoce, qualcosa potrebbe sapersi del voto a Kabul ed il qualche altra grande città. Dopo il coro internazionale di elogi al governo afghano per aver saputo gestire una difficilissima giornata elettorale che si è svolta in un quadro di pesanti minacce dei talebani, gli osservatori che hanno seguito le operazioni di voto hanno, quasi all’unanimità, sottolineato che ora la fase più delicata è diventata quella dello spoglio delle schede e dell’individuazione di eventuali brogli. In una conferenza stampa a Kabul, l’Istituto nazionale democratico (Ndi), basato negli Usa, ha rivolto un appello agli osservatori di ogni estrazione, e quindi anche ai suoi, a seguire con grande attenzione lo scrutinio e a verificare le denunce di brogli. Lo stesso ha fatto un po’ più tardi Naeem Asghary, portavoce di un’altra importante ong di monitoraggio, il forum Elezioni libere e trasparenti in Afghanistan (Fefa). “E’ ovvio che ci sono stati brogli sui quali si dovrà indagare – ha detto – e stiamo preparando un documento che oggi manderemo alla Commissione indipendente per i reclami elettorali (Eicc)”. Un appello analogo è venuto infine anche dal responsabile del team degli osservatori dell’Unione europea (Ue), l’olandese Thijs Berman, che ha incoraggiato la Iec “a continuare a sviluppare il suo lavoro e a contare i voti con il massimo di trasparenza”. Berman ha concluso dicendo che la mancanza di liste elettorali verificate e serie sono state il “peccato originale” di queste elezioni afghane. Secondo una stima della Iec – ha indicato – “gli aventi diritto al voto sarebbero stati circa 13,5 milioni, mentre sono state stampate 21 milioni di tessere elettorali”. (Maurizio Salvi/Ansa)

Ultima ora

16:12Strangolò la ex, condannato a 30 anni di carcere

(ANSA) - RIMINI, 11 DIC - È stato condannato a 30 di reclusione Michele Castaldo, operaio siciliano di 54 anni che uccise Olga Mattei, 46 anni, commessa di origine moldava, strangolandola nel suo appartamento di Riccione, il 6 ottobre del 2016. In mattinata la sentenza di condanna, che prevede anche cinque anni ulteriori di sorveglianza speciale a fine pena. Castaldo, è stato giudicato con rito abbreviato, dal giudice Vinicio Cantarini che ha accolto tutte le richieste del pubblico ministero Davide Ercolani e che lo ha condannato anche al risarcimento delle parti civili. Il rito è stato condizionato alla perizia psichiatrica secondo cui l'uomo, difeso dall'avvocato Monica Castiglioni, quel giorno agì in preda ad una "tempesta emotiva" che non ne condizionò però la capacità di intendere e volere. Come egli stesso confessò agli inquirenti, mentre stringeva le mani al collo della donna che lo aveva lasciato stanca della forte gelosia del compagno, le disse: "Se non sarai mia non sarai di nessun altro". (ANSA).

16:04Figc: Malagò, non posso commissariare

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Commissariare la Federcalcio? Sulla base di quello che è emerso non ci sono gli estremi, fermo restando che ognuno ha una sua idea della partita e vediamo se il mondo del calcio, come sembra volere, dimostrerà di riuscire da solo autonomamente a venire fuori da fatti abbastanza curiosi". Così il presidente del Coni, Giovanni Malagò, nel giorno in cui scadeva l'ultimatum alla Figc per il commissario. Provvedimento che il n.1 del Comitato olimpico nazionale aveva legato all'eventuale mancata elezione delle cariche in Lega A ma aggirato dalla richiesta di proroga del commissariamento in capo al presidente dimissionario della Figc, Carlo Tavecchio. "C'è stata questa richiesta esplicita della Lega di A e bisogna prenderne atto - aggiunge Malagò a margine della presentazione della partnership di Coni e Cip con Toyota - Vediamo se il mondo del calcio vorrà cambiare, a cominciare dalla Lega A che da tempo infinito sta cercando di eleggere i suoi nomi. Non è vero che facciamo il tifo affinché ciò non avvenga".

16:00Coni: Malagò precisa, nessuna legge ad personam

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Legge 'ad personam' per il sottoscritto sul limite dei mandati? Non è assolutamente così. Quello è un testo superato e tutti i presidenti federali che hanno fatto anche più di tre mandati possono concludere questo mandato e candidarsi anche al prossimo. È una notizia riportata in modo sbagliato da chi vuole sempre strumentalizzare". Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, allontana così le polemiche sulle modifiche all'emendamento della legge di Stabilità sull'innalzamento a tre del limite dei mandati. Secondo alcuni giornali, una legge 'ad personam' in quanto non sarebbe prevista la retroattività per i presidenti federali ma soltanto per il presidente del Coni: "Non è così. C'è semplicemente la volontà di rispettare quelli che sono gli insegnamenti del Cio - precisa Malagò - il Coni è emanazione del Cio ed è giusto che ne segua anche quelle che sono le indicazioni, i suggerimenti. Il Cio prevede un limite di tre mandati a presidente e si chiede di uniformarci".

15:52Champions: Malagò, poteva andare peggio

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "I sorteggi di Champions? Ora gli allenatori (Allegri e Di Francesco, ndr) diranno, come è giusto che sia, che serve la massima cautela, ma mi sembra che poteva andare peggio. Non ci si può lamentare". Lo dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò, a margine della presentazione della partnership di Coni e Comitato Paralimpico con la Toyota avvenuta a Roma, commentando i sorteggi degli ottavi di finale di Champions League, che vedono la Juventus affrontare gli inglesi del Tottenham e la Roma gli ucraini dello Shakhtar Donetsk.

15:49Champions: la carica di Di Francesco

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Lo Shakhtar Donetsk è una squadra forte, che ha saputo qualificarsi attraverso un girone molto difficile. Noi abbiamo lottato per guadagnarci questi ottavi, ce la metteremo tutta per continuare il nostro cammino. Forza Roma!". Questo il commento, via Twitter, del tecnico Eusebio Di Francesco dopo l'accoppiamento negli ottavi di Champions League tra la Roma e la formazione ucraina. La Roma in passato ha incrociato già lo Shakhtar nella massima competizione europea. Nel 2006 le due squadre si affrontarono nella fase a gironi (vittoria dei giallorossi per 4-0 all'Olimpico e sconfitta per 1-0 a Donetsk), mentre nel 2011 si sfidarono negli ottavi con due sconfitte per la Roma (2-3 e 3-0) e conseguente eliminazione.

15:44++ New York, esplosione a stazione bus Manhattan ++

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Un'esplosione è avvenuta a Port Authority, la stazione centrale dei bus a New York. La polizia e i vigili del fuoco sono sul posto, secondo i media americani, che riferiscono di scene di panico.

15:43Europa League: il quadro dei 16/i di finale

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il quadro dei sedicesimi di finale di Europa League dopo il sorteggio di Nyon (andata 15 febbraio 2018, ritorno 22 febbraio): Borussia Dortmund-Atalanta; Nizza-Lokomotiv Mosca; Copenaghen-Atletico Madrid; Spartak Mosca-Athletic Bilbao; Aek Atene-Dinamo Kiev; Celtic-Zenit San Pietroburgo; Napoli-Lipsia; Stella Rossa-Cska Mosca; Lione-Villarreal; Real Sociedad-Salisburgo; Partizan-Viktoria Plzen; Steaua Bucarest-Lazio; Ludogorets-Milan; Astana-Sporting Lisbona; Ostersunds-Arsenal; Sporting Braga-Marsiglia.

Archivio Ultima ora