Expo 2015: Palazzo Italia sarà biodinamico e mangia-smog

MILANO. – Palazzo Italia, simbolo di Expo 2015, sarà biodinamico e mangia-smog, in un connubio tra tecnologia e ambiente. L’edificio infatti sarà realizzato con un materiale completamente nuovo, il cemento biodinamico messo a punto da Italcementi, che ha presentato un primo assaggio dell’opera con un’installazione all’Università Statale di Milano. Il Padiglione italiano sarà il cuore della manifestazione del prossimo anno ed il progetto architettonico dello studio Nemesi & Partners prevede la realizzazione di una struttura complessa, che richiama le forme di una foresta ramificata. L’intera superficie esterna e parte degli interni saranno costituiti da pannelli di cemento biodinamico, che al tatto e alla vista sembra marmo, realizzato con l’80% di materiali da riciclo. A contatto con la luce del sole, il principio attivo del materiale (‘Tx Active’), brevettato da Italcementi, consente di catturare alcuni inquinanti presenti nell’aria, contribuendo così a liberare l’atmosfera dallo smog. La dinamicità è una caratteristica propria del nuovo materiale, che presenta una fluidità tale da consentire la realizzazione di forme complesse come quelle che caratterizzano i pannelli di Palazzo Italia. Italcementi, che aveva già realizzato il cemento trasparente (i.light) per il padiglione italiano all’Expo 2010 di Shanghai, ”è di nuovo protagonista di una Esposizione Universale grazie ai suoi prodotti innovativi”, sottolinea il consigliere delegato Carlo Pesenti, ricordando ”la medaglia d’argento all’Esposizione Universale del 1867 di Parigi”. Inoltre, secondo il direttore ricerca e innovazione del gruppo, Enrico Borgarello, ”il cemento biodinamico può avere uno sviluppo superiore all’i.light perché è più facile da utilizzare”. L’Esposizione Universale del 2015 ”è una grande opportunità di rilancio per l’Italia, che permetterà al nostro Paese di valorizzare le nostre numerosissime eccellenze produttive, tecnologiche e scientifiche”, evidenzia il presidente di Expo 2015 e commissario del Padiglione Italia, Diana Bracco, convinta che Palazzo Italia rimarrà ”nel futuro come luogo-icona dell’ Esposizione Universale”.

Condividi: