La giornata politica: Molti si attendevano una manovra più espansiva

Pubblicato il 09 aprile 2014 da redazione

ROMA. – L’invito di Matteo Renzi a ”raccontare meglio” il Def, ”la più grande operazione di redistribuzione mai fatta in Italia”, dimostra che il premier si aspettava un’accoglienza diversa da parte della stampa e dell’opinione pubblica. E’ come se la presentazione della ”Finanziaria”, che darà a dieci milioni di lavoratori i famosi 80 euro in più al mese in busta paga, sia passata un po’ sotto tono: il complesso delle misure sembrano rispondere più alla filosofia di Pier Carlo Padoan che a quella del Rottamatore, tanto da far dire a Stefano Fassina che sono in continuità con l’austerity di Monti e Letta. Naturalmente non è proprio così, ma è un fatto che stavolta la politica degli annunci (come accaduto peraltro in passato a Silvio Berlusconi) ha finito per creare attese forse eccessive. Certo, Bruxelles e il Fmi per ora hanno promosso il Documento di politica e finanza, in attesa di conoscerne il dettaglio, ma con ogni probabilità è proprio questo punto a determinare le perplessità di quanti si attendevano una manovra più espansiva.  Il Def viene accusato da sinistra di eccessiva timidezza perché prevede una crescita piuttosto lenta, e da destra di raschiare il fondo del barile con il rinvio di un anno del pareggio di bilancio. Renzi risponde di aver tenute basse le previsioni per serietà (visti i precedenti, è il sottinteso), ma di aspettarsi ”buone sorprese” nei prossimi mesi. Come dice il fedelissimo Matteo Richetti, 1.000 euro in più in un anno non risolvono la crisi però cambiano la tendenza. In sostanza il governo punta le sue carte sul fattore traino: se si diffonde l’ottimismo sulle possibilità di ripresa, e soprattutto si cambia il modo di funzionare della macchina statale, allora ci sono molte più chance di innescare una vera crescita. E’ un ragionamento non molto dissimile da quello portato avanti dai governi Berlusconi (per la verità senza successo) e che ha un presupposto necessario: dimostrare di controllare non solo il partito ma anche la maggioranza nel cammino delle riforme. Questo è il motivo per cui il premier ripete che su riforma del lavoro e delle istituzioni il suo partito ha già votato (alle primarie e in Direzione) e che dunque la battaglia della minoranza interna non ha nessuna possibilità di successo. I suoi vorrebbero evitare di ricorrere nelle votazioni alla disciplina di gruppo (in questa legislatura non è mai accaduto, ricorda Luigi Zanda), ma è implicito che ciò possa accadere se i dissidenti insisteranno nel sostenere il ddl Chiti per un Senato elettivo. Ciò significherebbe, spiega Maria Elena Boschi, confermare la politicità di un organo che invece deve essere trasformato in voce delle autonomie. Si vedrà nei prossimi giorni se la manovra economica, con i suoi tagli a politici, manager e banche, avrà l’impatto sperato anche nella richiesta di maggiore elasticità dei vincoli europei (che non è gratis, avverte il vicepresidente della commissione Ue Antonio Tajani), ma intanto il Rottamatore ha anche un altro problema: la gestione del rapporto con Berlusconi. Forza Italia è impegnata in una vera e propria battaglia per difenderne l’agibilità politica (ci sarà anche una nuova richiesta alla Corte europea dei diritti di Strasburgo): l’ impressione è che la sentenza del tribunale di sorveglianza non sarà affatto neutra per il futuro del patto del Nazareno. Il Cavaliere non ha interesse a stracciarlo ma allo stesso tempo le previsioni negative per le europee (il sorpasso di Beppe Grillo) lo inducono a perseguire la linea dura: i fedelissimi denunciano una ”democrazia in ceppi”, chiedono che prevalga il ”male minore” (vale a dire un affidamento light ai servizi sociali) e soprattutto non sono disposti a lasciare carta bianca a Renzi sulle riforme. Difficile pensare che il processo possa andare avanti senza un nuovo incontro tra Rottamatore e Cavaliere che valga un po’ da sigillo di novità rispetto all’epoca dell’antiberlusconismo militante che si cerca di archiviare. Il pericolo per i due è che di questi tatticismi si avvantaggi il Movimento 5 Stelle. Grillo definisce Renzi un ”ballista” che restituisce da una parte e taglia dall’altra e spara a zero contro i vincoli europei che soffocano la crescita e sui quali Renzi si è dimostrato finora troppo timido. (di Pierfrancesco Frerè/Ansa)

Ultima ora

01:05Calcio: Roma, Di Francesco “vittoria sofferta ma importante”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Questa gara era importante, avevo dato un segnale, e l'abbiamo vinta soffrendo. Si parla sempre degli episodi, che sono importantissimi, ma noi avremmo potuto fare gol prima. Abbiamo subito il primo tiro contro dopo 83', abbiamo sempre fatto la gara contro un Cagliari molto organizzato ma noi abbiamo voluto fortemente la vittoria. Ci teniamo stretti questi 3 punti". Lo ha detto l'allenatore della Roma, Eusebio Di Francesco, dopo la vittoria al 94' sui sardi. "Abbiamo concesso pochissimo in difesa, il Cagliari non ci ha permesso di essere aggressivi ma abbiamo avuto una grande supremazia territoriale - ha proseguito -. Dovevamo essere più cinici e cattivi, dobbiamo lavorare ancora di più. Ma io non sono d'accordo sulla prestazione negativa, abbiamo fatto la partita. Abbiamo tirato in porta 20 volte, dovevamo essere più precisi".

01:03Cile: frana per piogge torrenziali, 3 morti e 15 dispersi

(ANSA) - SANTIAGO, 16 DIC - Piogge torrenziali nel sud del Cile hanno causato una frana che ha sommerso un villaggio: almeno tre persone sono morte e altre 15 risultano disperse. Lo riferisce il viceministro dell'Interno Madmud Aleuy, aggiungendo che le vittime sono due donne e un turista non ancora identificato. Le piogge hanno causato l'esondazione di un fiume vicino a una collina franata su 20 delle 200 case del villaggio di Villa Santa Lucia, nella regione meridionale di Los Lagos. La presidente Michelle Bachelet ha riferito su Twitter che i servizi di emergenza stanno lavorando dell'area "per soccorrere le persone colpite". Alcuni feriti sono stati evacuati in elicottero. (ANSA)

01:01Omicidio cestista Nba Lorenzen Wright, arrestata moglie

(ANSA) - WASHINGTON, 16 DIC - Per l'uccisione nel 2010 dell'ex giocatore di basket Nba Lorenzen Wright, la polizia di Memphis ha arrestato l'ex moglie Sherra, 46 anni, e un suo coetaneo, Bill Turner, accusati ora di concorso nell'omicidio. Le forze dell'ordine non hanno reso noto cosa le abbia portate ai due e il movente del delitto, ma la svolta sarebbe stata impressa dal ritrovamento dell'arma usata nell'aggressione, in un lago vicino a Walnut, Mississippi, 75 miglia a est di Memphis. Il corpo di Wright, che allora aveva 34 anni, fu trovato alla periferia della città in stato di decomposizione dieci giorni dopo la sua scomparsa. Aveva diverse ferite d'arma da fuoco. Il cestista aveva giocato nell'Nba per 13 anni in 5 squadre, tra cui quella di Memphis.

00:50Basket: serie A, Sassari-Pistoia 88-81

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - La Dinamo Sassari infila la settima vittoria consecutiva fra Lega A e Champions sconfiggendo 88-81 sul parquet del PalaSerradimigni la The Flexx Pistoia in un anticipo dell'11/a giornata di serie A di basket. Mattatore della serata è la guardia biancoblu' Scott Bamforth che chiude la partita con 26 punti e 6 assist guidando i padroni di casa verso una vittoria per nulla scontata. Sassari sale a 14 punti, Pistoia resta ad 8.

00:49Incendi California, ancora evacuazioni contea S.Barbara

(ANSA) - SANTA BARBARA, 16 DIC - Brucia senza sosta la California, nella contea di Santa Barbara, dove sono state ordinate nuove evacuazioni nella zona di Montecito. Il forte vento spinge le fiamme verso le case dove risiedono alcuni vip, fra i quali la star della tv Oprah Winfrey. Finora Thomas Fire (questo il nome dato all'incendio) ha distrutto oltre 1.000 edifici e oltre 700 case e, secondo le autorità, potrebbe colpire altre 18.000 strutture. Ieri è costato la vita a un vigile del fuoco, morto soffocato dal fumo.

00:26Calcio: serie A, Roma-Cagliari 1-0

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - La Roma soffre ma batte il Cagliari nell'ultimo anticipo del sabato della 17/a giornata di serie A. Dopo la sconfitta dell'Inter e la vittoria del Napoli, la squadra di Di Francesco affianca la Juve a 38 punti, ma ha ancora una partita da recuperare. Poche emozioni nel primo tempo. La Roma, che schierava per la prima volta titolare la coppia Dzeko-Schick, ha gestito il possesso senza riuscire però a creare eccessivi pericoli per Cragno, mentre il Cagliari, impegnato in un ragionato contenimento, ha cercato qualche timida reazione in contropiede. Nella ripresa, la Var concede un rigore ai giallorossi, ma Cragno para il lento tiro di Perotti. Nel recupero, Fazio in mischia insacca. Altra Var, e l'arbitro convalida la rete. I tre punti ormai insperati consentono alla Roma di affiancare la Juve al terzo posto, a quota 38, ma entrambe devono ancora giocare una partita. Il Napoli è primo con 42.

22:40Calcio: Premier, il City senza freni, 16 vittorie di fila

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Sedicesima vittoria di fila in Premier League per il Manchester City, che ha dato una lezione al Tottenham battendolo 4-1 con un crescendo nel finale che solo la rete nel recupero di Eriksen ha reso meno umiliante. Di Gundogan, De Bruyne e Sterling le reti dei Citizens, con l'inglese autore di una doppietta e ora terzo nella classifica marcatori. Alla 17/a giornata, la squadra di Guardiola vanta 14 punti di vantaggio sui cugini dello United, ospite domani del West Bromwich penultimo in classifica, e sul Chelsea, che ha battuto 1-0 il Southampton grazie ad una punizione di Marcos Alonso allo scadere del primo tempo. Vittoria con lo stesso punteggio minimo anche per l'Arsenal sul Newcastle, firmata dal tedesco Ozil. I Gunners occupano ora il quarto posto, a -19 dalla capolista, avendo sorpassato il sorprendente Burnley, che ha pareggiato 0-0 a Brighton. Negli altri incontro del sabato, il Leicester è stato sconfitto 3-0 in casa dal Crystal Palace

Archivio Ultima ora