Petrolio: Russia supera Libia, nel 2013 primo fornitore dell’Italia

ROMA. – La Russia nel 2013 è stato il primo fornitore di petrolio dell’Italia. E’ quanto emerge dalle slide diffuse dall’Unione petrolifera in occasione di un seminario dell’Aiee. Dalla Russia sono state infatti importate 10 milioni di tonnellate di greggio, contro gli 8 milioni di tonnellate provenienti dalla Libia (poco più della metà dei 14,3 milioni del 2012). Il paese nordafricano, tra l’altro, non conquista neanche il secondo posto, occupato dall’Azerbaijan, con 9,9 milioni di tonnellate.

Gli altri principali fornitori dell’Italia, stando alle slide dell’Up, sono l’Arabia saudita con 7,9 milioni di tonnellate (dai 9,9 milioni del 2012) e l’Iraq (3,9 dai precedenti 5,2). Più in generale, emerge una forte crescita del peso dell’area ex Urss, che arriva a totalizzare il 44,9%, e una forte riduzione del Medio Oriente, che a causa dei forti cali da Arabia e Iraq scende al 22,7%. Il peso dell’Africa, infine, “è sceso nuovamente per effetto della minore produzione della Libia, che sta rivivendo grosse tensioni al suo interno”.

Condividi: