Cuba: Disgelo con Francia, dopo 30 anni torna in visita un ministro

PARIGI. – E’ la prima volta da oltre trent’anni che un ministro degli Esteri della Francia si reca a Cuba. Il capo della diplomazia di Parigi, Laurent Fabius, vola sabato prossimo nell’isola caraibica per un incontro ufficiale con il suo omologo cubano Bruno Rodriguez Parrilla. Mentre il presidente, Francois Hollande, sarà nei prossimi giorni nel vicino Messico, su invito del presidente messicano Enrique Peña Nieto. Oltre all’incontro con il capo della diplomazia cubana, Fabius presenzierà l’apertura di una sede dell’agenzia Ubifrance, la struttura pubblica transalpina di sostegno allo sviluppo internazionale delle aziende, “il cui ruolo sarà di appoggiare le imprese francesi nel loro approccio al mercato cubano”. “L’America latina è una delle priorità della nostra politica estera”, afferma il numero 2 del governo francese in un post pubblicato su Twitter, aggiungendo che il “viaggio consentirà di promuovere i partenariati tra i nostri due Paesi ed aiutare le società francesi che intendono impiantarsi o sviluppare progetti a Cuba”. La visita, sottolinea il Quai d’Orsay, “avviene alla vigilia di trattative tra l’Unione europea e Cuba in vista di un accordo di dialogo politico e cooperazione”. Da parte sua, dopo gli intensi giorni che hanno seguito le elezioni municipali e il successivo rimpasto di governo, Hollande sarà in Messico con l’obiettivo di dare nuovo slancio alle relazioni tra i due Paesi. Per l’Eliseo, si tratta di una ”visita importante per segnare la ripresa delle relazioni”, circa un anno dopo la liberazione, il 22 gennaio 2013, di Florence Cassez, la francese detenuta per sette anni in Messico con l’accusa di essersi resa complice di un rapimento. Una vicenda che in passato ha profondamente compromesso le relazioni tra i due Paesi. Parigi intende aumentare scambi e investimenti con il Messico, seconda economia dell’America latina, in particolare, nei settori dell’aeronautica, energia, grandi infrastrutture, ma anche salute, agroalimentare e turismo.

 

Condividi: