Il nunzio Aldo Giordano seguirà le trattative tra Governo e Opposizione

Pubblicato il 10 aprile 2014 da redazione

CITTA’ DEL VATICANO – La notizia non ha destato sorpresa. Negli ambienti  vicino alla nunziatura apostolica in  Venezuela, già nei giorni scorsi, si assicurava  che il nunzio Aldo Giordano – da poco a Caracas in sostituzione di Pietro Parolin, ora Segretario di Stato del Vaticano – sarebbe stato incaricato di seguire a nome del Vaticano le trattative in Venezuela tra il governo e l’opposizione. Le dichiarazioni del direttore della sala stampa vaticana, padre Federico Lombardi, interpellato sull’argomento, hanno solo confermato ufficialmente ciò che era “vox populi”.

E mentre si spera che dal dialogo Governo e Opposizioni, oggi in trincee radicalmente opposte, possa uscire un accordo che restituisca almeno in parte la pace nel Paese, in strada continuano a innalzarsi barricate.

Le proteste, infatti, non tendono a scemare e neppure gli arresti. Nel week-end, è stato arrestato ma è già a piede libero, il giovane italo venezuelano Gerardo Nicola Pezzuti Cozzolino. Il giovane era stato catturato da Policarabobo durante una delle tante proteste che si susseguono giorno dopo giorno nel quartiere Trigal Sur e condotto alla Stazione di Polizia di “Navas Espinola”.

E’ stata, invece, arrestata ieri, ed è ancora in stato di fermo  presso il “Distaccamento Oeste-Caricuao” della Guardia Nazionale, la giovane italo venezuelana Kairolys Del Valle Migliore. Lo ha reso noto il direttore del Foro Penal Venezolano, Alfredo Romero, attraverso un twitter.

A quanto pare, la giovane, arrestata alle 4 del mattino, stava manifestando in una delle tante barricate che ormai quotidianamente s’innalzano nella capitale, soprattutto nei quartieri di classe media.

L’apertura al dialogo del presidente Maduro avviene circa due mesi dopo l’inizio delle proteste il cui bilancio, purtroppo, è di almeno 39 morti, centinaia di feriti e più di 2.000 arresti. La nostra Collettività non è estranea a quanto avviene nel paese. Ed infatti, è suo uno dei morti, il giovane Roberto Annese; e sono 36, stando alle stime ufficiali, i connazionali con doppio passaporto arrestati nelle ultime settimane. Il numero, però, cresce se ai connazionali arrestati, in possesso di doppio passaporto, si dovessero sommare i giovani figli di italiani, ma senza doppia nazionalità, catturati e rilasciati dalla polizia.

Nessuno dubita che si è aperto a Caracas un tavolo di dialogo  dal risultato ancora incerto; dialogo reso concreto e possibile solo dall’intervento esterno dell’Unione delle Nazioni Sudamericane (Unasud) e, soprattutto, del Vaticano. A sottolineare il clima di tensione e di diffidenza che regna nel paese è la trasmissione in diretta delle conversazioni, che avvengono in presenza dei ministri degli Esteri della “troika” dell’Unasud (Brasile, Colombia ed Ecuador) e del nunzio apostolico.

Come era nelle previsioni, hanno disertato il tavolo negoziale i partiti e i movimenti più radicali dell’opposizione. Ad esempio, Volontà Popolare, il partito il cui leader, Leopoldo Lopez, è in prigione da quasi due mesi. Manca anche Maria Corina Machado, la pasionaria delle proteste espulsa dal Parlamento per aver tentato di denunciare la repressione governativa all’Organizzazione degli Stati Americani (Osa), che ha sede a Washington.

 

Ultima ora

05:42Coree: Seul, inviato a Pyongyang se stop provocazioni

PECHINO - Il presidente sudcoreano Moon Jae-in prendera' in considerazione l'invio di un inviato speciale a Pyongyang se il Nord mettera' fine alle sue provocazioni: in un messaggio trasmesso dalle tv di Seul, in occasione dei primi 100 giorni di insediamento alla presidenza, Moon ha spiegato che il dialogo intercoreano puo' esserci solo se finiscono test nucleari e missilistici. ''Nessuna guerra ci sara' sulla penisola'', ha poi ribadito il presidente, ricordando l'impegno Usa a non prendere alcuna azione militare senza il consenso di Seul.

05:38Charlottesville: Carson, ingigantite reazioni a parole Trump

WASHINGTON - Il segretario Usa all'urbanistica Ben Carson ha descritto le polemiche scaturite dalla reazione del presidente Donald Trump ai fatti di Charlottesville come ''piccoli bisticci'' che vengono ''ingigantiti''. Lo stesso Carson -l'unico afroamericano nel governo Trump- in un post su Facebook aveva parlato di ''odio e intolleranza su tutti i fronti'' in reazione a quanto accaduto nella citta' della Virginia.

05:18Gaza: Hamas, kamikaze Isis morto in scontro con sicurezza

GAZA - Hamas ha rivelato che un kamikaze si e' fatto esplodere mentre le forze di sicurezza stavano cercando di impedirgli di infiltrarsi in Egitto, e nell'attentato diverse persone sono rimaste ferite. Il Ministero degli Interni di Hamas ha reso noto che l'attentatore e' morto e un suo complice e' rimasto ferito. Una delle persone coinvolte nell'attacco e' in condizioni definite 'serie'. L'attentato e' il primo portato da un palestinese con una bomba suicida contro le forze di Hamas. Dirigenti di Hamas hanno detto che l'assalitore e' ritenuto un militante dell'Isis.

05:11Charlottseville: Cnn, Trump non rammaricato di sue parole

WASHINGTON - Secondo la Cnn che cita fonti il presidente degli Stati Uniti Donald Trump non si e' pentito di quanto affermato circa i fatti di Charlottesville nel sottolineare che vi sono responsabilita' in entrambe le parti coinvolte. Secondo quanto riferito da una fonte alla Cnn il presidente va avanti ''senza rammarico'', fermamente convinto che i media e le elite della costa orientale stiano iperventilando.

05:06Corea Nord: Bannon, non c’e’ nessuna soluzione militare

WASHINGTON - Non c'e' soluzione militare in risposta alla minaccia della Corea del Nord. Ne e' convinto Steve Bannon, consigliere del presidente Usa Donald Trump e stratega della Casa Bianca, intervistato da The American Prospect. 'Fino a quando non si dimostra che 10 milioni di persone a Seul non muoiono nei primi 30 minuti da armi convenzionali non so di che si parla. Non c'e' nessuna soluzione militare'', ha detto Bannon.

05:01Venezuela: Parlamento chiede tutela internazionale

CARACAS - Julio Borges, presidente del Parlamento venezuelano, in mano all'opposizione, ha chiesto oggi l'aiuto degli organismi internazionali per i diritti umani per ''proteggere i singoli deputati e proteggere il Parlamento stesso'' dalle persecuzioni messe in atto dal governo di Nicolas Maduro. Borges si e' riferito alle accuse mosse dal Procuratore Tarek William Saab contro German Ferrer -deputato del partito di governo e marito di Luisa Ortega Diaz, l'ex Procuratrice ribelle- per le quali ha chiesto all'Assemblea Costituente che sospenda la sua immunita' parlamentare e ne ordini l'arresto.

04:51Afghanistan: soldato Usa ucciso in scontro con Isis a est

KABUL - Un soldato americano e' morto in Afghanistan per le gravi ferite riportate ieri durante una operazione congiunta fra le forze Usa e afghane nella provincia orientale di Nangarhar. In un comunicato il quartier generale delle Forze americane in Afghanistan (USFOR-A) ha aggiunto che militari statunitensi ed afghani sono rimasti feriti nel corso di una operazione mirante a ridurre la presenza dei militanti della sezione Khorasan (Afghanistan e Pakistan) dell'Isis sul territorio afghano.

Archivio Ultima ora