Kiev tende la mano all’est e apre a autonomia

Pubblicato il 11 aprile 2014 da redazione

MOSCA. – Il premier ucraino Arseni Iatseniuk è volato a Donetsk e a Dnipropetrovsk per giocare sul terreno la carta del dialogo contro i malumori del sud-est russofono, mentre continua lo scambio di accuse tra Mosca e l’Occidente (Nato compresa), con Obama che rilancia la minaccia di ulteriori sanzioni in caso di una escalation della crisi. Il viaggio di Iatseniuk ha congelato il ricorso alla forza dopo la scadenza dell’ultimatum di 48 ore intimato ai filorussi armati che hanno occupato alcuni palazzi del potere. Il capo del governo non ha incontrato gli insorti, ma i rappresentanti istituzionali ed economici di queste regioni irrequiete, con la presenza mediatrice dell’oligarca Rinat Akhmetov, l’uomo più ricco e più influente del Paese, già sponsor del deposto presidente Ianukovich. Iatseniuk ha fatto una serie di aperture assicurando di mantenere la legge che riconosce lo status del russo come lingua regionale e promettendo prima delle presidenziali del 25 maggio un decentramento dei poteri attraverso una riforma costituzionale. Decentramento, e non, come chiedono Mosca e gli insorti filorussi, la federalizzazione del Paese, esclusa tassativamente anche dal presidente ad interim Oleksandr Turcinov per il rischio di frammentazione dell’Ucraina. Ma Iatseniuk ha prospettato anche una nuova legge per tenere referendum regionali, vietati dalla costituzione vigente: il premier non ha precisato quali limiti avranno tali consultazioni ma appare logico supporre che non potranno portare alla secessione. Si tratta comunque di un’altra mano tesa verso la protesta, benché non sia ancora chiaro se le offerte del governo soddisferanno i separatisti, che attendono di vedere “passi concreti”. Per ora gli insorti continuano a restare barricati nel palazzo del governo di Donetsk e nella sede dei servizi segreti di Lugansk, rifiutando l’amnistia proposta da Turcinov per chi depone le armi. Intanto resta aperta la guerra del gas dichiarata all’insolvente Kiev da Putin, che in una lettera a 18 capi di Stato e di governo europei ha ammonito sul rischio delle interruzioni delle forniture al vecchio continente. “Il nostro messaggio non cambia: è interesse di tutti che l’energia non sia usata come strumento politico”, ha commentato la portavoce della Commissione Ue, Pia Ahrenkilde, precisando che la “risposta politica” sarà definita nel Consiglio Esteri di lunedì. “Il 70% dell’export russo di energia è verso l’Europa e rappresenta il 50% delle entrate federali. Teniamo a mente queste cifre”, ha aggiunto. Putin ha preferito chiarire il senso della sua lettera, ribadendo che Mosca onorerà completamente i suoi obblighi di fornire gas all’Europa ma che “il problema è assicurare il transito attraverso l’Ucraina” se Gazprom sarà costretta a chiudere i rubinetti a Kiev per il mancato pagamento del metano. L’Ucraina ha definito “inaccettabile” il prezzo di 480 dollari per mille metri cubi e ha annunciato non solo che chiederà l’annullamento del contratto del 2009 ma anche che è in trattative con la compagnia energetica tedesca Rwe e con un’altra compagnia francese per importare gas europeo con il metodo del reverse flow. Obama, parlando con la cancelliera tedesca Angela Merkel, ha “sottolineato la necessità che gli Stati Uniti e l’Unione Europea e gli altri Paesi partner si preparino a rispondere ad una ulteriore escalation russa (in Ucraina) con nuove sanzioni”. Resta alta anche la tensione tra Nato e Mosca: lo stato maggiore russo ha contestato alla Nato di aver diffuso immagini satellitari sulla presenza massiccia di truppe russe vicino al confine ucraino che – secondo la Russia – risalgono a esercitazioni di otto mesi fa, ma l’Alleanza ha confermato la vericidità delle date. Il ministero degli Esteri russo Serghiei Lavrov ha assicurato che Mosca non ha alcun piano di far aderire le regioni sud-orientali dell’Ucraina alla Russia (“contraddice i nostri interessi”) e ha negato la presenza di militari e agenti in quell’area, respingendo così le accuse ucraine e americane sull’attività di “agenti provocatori” russi per creare il caos e quindi il pretesto per un intervento militare. Nel frattempo è stata confermata la riunione quadripartita tra Ucraina, Russia, Stati Uniti e Unione europea per il 17 aprile a Ginevra. Un incontro – ha spiegato il dipartimento di Stato americano – per “continuare negli sforzi per disinnescare la situazione e trovare una soluzione diplomatica”. (Claudio Salvalaggio/Ansa)

Ultima ora

14:03Savoia: atterrato a Cuneo aereo con salma re

(ANSA) - CUNEO, 17 DIC - L'aereo partito questa notte da Alessandria d'Egitto con le spoglie del re Vittorio Emanuele III, è atterrato pochi minuti fa all'aeroporto di Cuneo-Levaldigi. La salma del re verrà traslata al Santuario di Vicoforte, nei pressi di Mondovì, dove riposerà accanto alla moglie regina Elena di Savoia. Non è vero che una parte della famiglia reale è stata tenuta all'oscuro dell'arrivo in Italia delle salme. "Erano tutti assolutamente informati: bisogna distinguere nettamente fra discrezione e segreto, o tentativo di occultare". Lo ha detto ai giornalisti Aldo Alessandro Mola, già presidente della Consulta dei senatori del Regno. "Qui - ha precisato - non c'era niente da occultare. La scelta di Vicoforte era stata individuata sin dal 19 marzo 2011, nel centocinquantesimo dell'Unità d'Italia".

13:49Papa: frati Assisi pregano per compleanno Pontefice

(ANSA) - ASSISI (PERUGIA), 17 DIC - "Il nostro ricordo per è la preghiera sulla tomba di San Francesco per il tuo straordinario ministero": è il tweet della comunità del Sacro Convento di Assisi in occasione del compleanno di Papa Francesco. Inviato dal direttore della sala stampa padre Enzo Fortunato. "Un abbraccio francescano da tutti noi" il messaggio augurale dei frati di Assisi al Pontefice. (ANSA).

13:38Gerusalemme: a Bari ‘sit in’ palestinesi contro scelta Trump

(ANSA) - BARI, 17 DIC - Un centinaio di persone ha aderito questa mattina a Bari al 'sit in' della comunità palestinese di Puglia e Basilicata contro la decisione del presidente degli Usa, Donald Trump, di riconoscere Gerusalemme capitale di Israele e di spostare qui l'ambasciata americana. Il presidente della comunità palestinese di Puglia e Basilicata, Afanem Mohammed, ha spiegato che "ora la situazione in Palestina e Medioriente è esplosiva" perché "così si elimina qualsiasi possibilità di pace e quella di creare due Stati per due popoli". "La decisione degli Usa fa saltare - ha detto - tutto il lavoro fatto dalla comunità internazionale negli ultimi 40 anni per portare la pace". "Gerusalemme, oltre a essere dal punto di vista politico la capitale dello Stato di Palestina, - ha aggiunto - è il cuore pulsante sia culturale sia religioso della Palestina". Quanto alle immagini che circolano su Fb di soldati israeliani che arrestano e mettono in carcere bambini palestinesi, Afanem ha evidenziato che "si tratta di immagini vere".

13:22Sci: altro podio per la Goggia, 3/a nel SuperG Val D’Isere

(ANSA) - VAL D'ISÈRE (FRANCIA), 17 DIC - L'azzurra Sofia Goggia e' davvero tornata alla sua maniera e cioe' a suon di podi: seconda nel SuperG di ieri in Val d'Isere e terza pure nel SuperG di oggi in 1.06.28. Ha cosi' rimediato un distacco minimo di tre centesimi dalla piazza d'onore occupata da Tina Weirather del Liechtenstein che infatti chiuso in 1.06.25. Ha vinto - un ritorno al successo dopo una attesa di due anni e mezzo per infortuni - l'austriaca Anna Veith in 1.05.77. Per l'Italia vi sono poi Federica Brignone buona 7/a in 1.06.86, e poi poco piu' indietro Nadia Fanchini in 1.07.45, Johanna Schanrf in 1.07.57 e Marta Bassino in 1.07.97. Non e' invece scesa in pista Lindsey Vonn, vincitrice ieri, lamentando dolori ad un ginocchio. E' invece caduta ad alta velocita' la francese Tessa Worley rimasta illesa anche grazie all'apertura dell'air bag.

13:13Neve su strade al valico di Colfiorito

(ANSA) - PERUGIA, 17 DIC - Intensa nevicata nella zona del valico di Colfiorito, sull'Appennino tra l'Umbria e le Marche. Interessa il vecchio e il nuovo tracciato della strada Val di Chienti. La polizia stradale riferisce che il transito è consentito solo ai veicoli con catene montate. Non sono stati comunque segnalati particolari problemi. Una lastra di ghiaccio si è invece formata nelle prime ore della mattina sul raccordo Perugia-Bettolle, nella zona di Tuoro sul Trasimeno non distante dal lago. Sulla carreggiata che porta in Toscana si è quindi innescato un incidente, coinvolgendo otto veicoli. Nessuno è rimasto comunque ferito. Per la neve e l'incidente sono state impegnate pattuglie della polstrada di Perugia e di città di Castello e una dei carabinieri.

12:18Scherma: Arianna Errigo 2/a nella sciabola in cdm a Cancun

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Una fiorettista sul podio della sciabola. E' accaduto sulle pedane messicane di Cancun dove Arianna Errigo, che col fioretto in mano ha conquistato sin qui un argento olimpico individuale ed un oro a squadre, due volte campionessa del Mondo, due volte campionessa europea, vincitrice di sedici prove di Coppa del Mondo, è finita seconda al termine del Grand Prix FIE. A fermare la scalata dell'azzurra verso il gradino più alto è stata solo l'ucraina Olga Kharlan che ha fermato l'azzurra 15-6.

12:13Bomba devasta negozio a pochi giorni da inaugurazione

(ANSA) - NICOTERA (VIBO VALENTIA), 17 DIC - Una bomba ha devastato la notte scorsa, a Nicotera, il negozio "Splendidi e Splendenti" la cui inaugurazione era attesa a giorni. L'attività commerciale presa di mira con un ordigno, fatto esplodere intorno alle 4.15, è situata nel centro storico del paese. Ingenti i danni, ancora in corso di quantificazione. Sul posto, per spegnere l'incendio seguito alla deflagrazione, sono intervenuti i vigili del fuoco. Le indagini sull'accaduto sono state avviate dai carabinieri. Al momento non viene esclusa nessuna ipotesi. Quella predominante è che si sia trattato di un avvertimento preventivo che alza il livello di attenzione e di preoccupazione nella zona feudo del clan di 'ndrangheta dei Mancuso. (ANSA).

Archivio Ultima ora