Renzi a tutto campo, cambia manager e blinda riforme

Pubblicato il 14 aprile 2014 da redazione

ROMA. – Rinnovamento e forte presenza femminile. Matteo Renzi festeggia l’obiettivo raggiunto: vinte le resistenze, il premier impone il suo schema del ‘cambia verso’ al vertice di società che “rappresentano asset fondamentali per il Paese” come Eni, Enel, Finmeccanica, Poste. Ma è stata una lunga giornata quella che precede l’annuncio della fine di una partita complicatissima che da sempre tocca interessi pesanti e stimola gli appetiti dei partiti. Ore non facili, quindi. Raccontano, di intensi contatti e incontri anche fuori dalla maggioranza. A partire dal primo, quello al Colle con il presidente della Repubblica. Un lunedì di fuoco chiuso a sorpresa con un colloquio con Silvio Berlusconi a palazzo Chigi teso a blindare il dossier riforme e a tranquillizzare un alleato assai nervoso in attesa delle decisioni del tribunale di sorveglianza di Milano.  L’annuncio arriva con un comunicato della presidenza del Consiglio (non, come di solito avviene, del ministero dell’Economia) intorno alle 21, a mercati chiusi. In ambienti di governo in un primo momento si ipotizzava potesse arrivare nel pomeriggio, ma da Palazzo Chigi smentiscono ci sia stato alcun ritardo: semplicemente ‘l’attesa dell’after market’, dicono. Renzi con una nota sottolinea il risultato: “una squadra di professionisti di grande qualità e riconosciuta autorevolezza” con una “forte presenza femminile, segno di protagonismo” che ci pone oggi in avanguardia in Europa. Un risultato di non poco conto per il premier, che manifesta la sua grande soddisfazione. Pronto al prossimo obiettivo. Renzi, che poco dopo l’annuncio riceve a Palazzo Chigi Silvio Berlusconi, vuole ora concentrare le sue energie sul taglio dell’Irpef che approderà venerdì in Cdm e sulla lotta alla burocrazia, determinato a imporre il taglio agli stipendi già in vigore per le società pubbliche non quotate, come “best practice” in tutta la P.a.. Dei suoi progetti riferisce al presidente Giorgio Napolitano in mattinata, al Quirinale, di ritorno a Roma dalla sua Pontassieve. Tra nomine e annunciato taglio dell’Irpef, la settimana è cruciale per l’azione del governo sul fronte economico. E già domenica il capo del governo e il presidente della Repubblica si sentono al telefono: al centro del colloquio, riferiscono dal Colle, i temi dell’Expo dopo la visita di Renzi a Milano. Poi, in mattinata l’incontro di persona per una ricognizione sugli sviluppi della politica economica del governo, anche dopo gli incontri internazionali del ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan al Fmi. Ma al centro del colloquio al Colle, riferiscono fonti parlamentari, c’è anche il delicato tema delle nomine. Alla stretta finale, si fanno roventi i telefoni, si intensificano i contatti. Renzi verso le 11.30 si concede, complice la giornata primaverile, una passeggiata a piedi dal Quirinale a Palazzo Chigi che si trasforma in un bagno di folla, tra strette di mano, foto ricordo e anche un fiore bianco ricevuto in dono. Poi, si chiude nel suo ufficio a Palazzo Chigi dove con Graziano Delrio e Luca Lotti lavora per completare liste che rispondano a criteri per lui imprescindibili, come la presenza delle donne. Le resistenze, raccontano, fino all’ultimo non mancano. Verso l’ora di pranzo Renzi viene raggiunto a Palazzo Chigi da Padoan e si procede in “riunione permanente” per circa quattro ore. Ci sono contatti con i partiti: Angelino Alfano raggiunge Renzi nel suo ufficio e si segnalano contatti anche con Forza Italia e con i partiti del centro. Gianni De Gennaro, che andrà al vertice di Finmeccanica, viene avvistato nei pressi del palazzo del governo. L’uscente Paolo Scaroni viene ricevuto al Quirinale. Ore di attesa, tra supposizioni e telefonate roventi. Poi l’annuncio: c’è il rinnovamento, c’è la “forte presenza femminile”, sottolineano da Palazzo Chigi. Come promesso. (Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora