Terremoto Ferrari, via Domenicali arriva Mattiacci

Pubblicato il 14 aprile 2014 da redazione

MARANELLO (MODENA).- L’addio di Stefano Domenicali, il rilancio di Luca di Montezemolo, l’arrivo dalla Ferrari North America di un altro uomo cresciuto a Maranello, Marco Mattiacci. La rivoluzione di un Cavallino Rampante in profondo rosso si consuma tra venerdì e stamani, col doppio annuncio, anche se il dramma professionale del team principal era emerso palesemente in Bahrein, il 6 aprile. Il trionfo Mercedes e la mesta figura Ferrari fecero esplodere quasi di rabbia lo stesso responsabile della squadra, di solito così curiale. Era il punto più basso della parabola discendente di quella che fino a pochi anni fa era la Scuderia da battere. Un uomo cresciuto per 23 anni nei luoghi sacri di Maranello dopo quella disfatta ha detto al suo capo, Luca di Montezemolo, che semplicemente non ce la faceva più: non sopportava più di sentire, di leggere ovunque che oramai il problema era lui, che pure era convinto di avere fatto tutto il suo possibile per dare ad Alonso e Raikkonen una macchina per vincere. Mai pervenuta. Venerdì, al Museo Ferrari, c’era anche l’Ad Fiat, Sergio Marchionne. C’era già il giorno prima a Maranello, per la verità, in incognito. Montezemolo, che aveva deciso di accettare le dimissioni di Domenicali, certamente avvertì del nome del sostituto il gran capo del Gruppo in cui gravita la stessa Ferrari, forte della recentissima riconferma in sella all’icona italiana grazie a risultati economici eccezionali, soprattutto quelli dell’ultimo bilancio. Che abbia ricevuto l’ok, e che in quel giorno si consumò la fine di Domenicali e l’arrivo di Mattiacci, lo si può dedurre da un altro indizio: quella stessa giornata, ricevendo il Tapiro del tg satirico di Canale 5, Montezemolo disse che era meritato. Che, infatti, era arrabbiato perché “non era colpa dei piloti se non gli diamo delle buone macchine per vincere”. Era il preludio al gran scossone. Dopo i rumors, oggi l’annuncio dell’addio, con Domenicali che dice: “Da capo, mi assumo la responsabilità – come ho sempre fatto – della situazione che stiamo vivendo”. Ricevendo il grazie del suo, di capo, “non solo per il costante contributo e impegno, ma per il grande senso di responsabilità che ha saputo dimostrare anche oggi anteponendo l’interesse della Ferrari al proprio”. In sua vece arriva Mattiacci, 43 anni, romano, in Ferrari dal 2001, attivo tra Nordamerica, Giappone e poi Cina, dove ha seguito il lancio Ferrari. Dal 2010 è Ad di Ferrari North America. Anche lui cresciuto in Ferrari, ma con uno sguardo internazionale e aziendale diverso da quello “Maranello based” di Domenicali, il quale è noto per essere grande mediatore, e dunque non quel signornò che forse è più adatto a gestire team di primedonne come quelli di F1, dove comandano uomini duri e vince gente che magari sa poco di strategie ma sa molto di come si governa. Così era Jean Todt, così si dice sia questo Mattiacci, capace di gestire situazioni complesse e difficili col piglio del manager che decide, magari chiudendo porte, o dando dispiaceri. Dovrà far meglio di Domenicali con un gruppo che non è in discussione, almeno per ora. In discussione è il metodo Domenicali. Mattiacci dovrà cambiare registro. E con quello provare a riportare in auge il buon nome di un marchio che da qualche anno è forte nelle vendite ma in pista non ribadisce la nomea di vincente, il più vincente di tutti. (Giampiero Moscato/Ansa)

Ultima ora

21:27Calcio: Mondiale club,2-1 all’Al Jazira e R.Madrid in finale

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Real Madrid vince 2-1 contro i padroni di casa dell'Al Jazira di Abu Dhabi e stacca il biglietto per la finale del Mondiale per club di sabato, dove affronterà i brasiliani del Gremio Porto Alegre, campioni in carica del Sudamerica.

21:23Gerusalemme: sirene di allarme nel sud di Israele

(ANSAmed) - TEL AVIV, 13 DIC - Le sirene di allarme anti missili sono risuonate poco fa nel sud di Israele, nella zona della cittadina di Sderot non lontano dalla Striscia. Lo conferma l'esercito, citato dai media. Secondo questi ultimi ci sarebbe stato almeno un razzo dalla Striscia intercettato dall'Iron Dome.

21:15‘Boicotta Espresso’, ma blitz Forza Nuova fallisce a Torino

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - Avevano in programma un'azione dimostrativa sotto la redazione torinese del quotidiano La Repubblica, simile a quella effettuata a Roma lo scorso 6 dicembre, i militanti di Forza Nuova che ieri sono stati fermati dalla polizia a Torino. Gli investigatori della Digos hanno intercettato il corteo, non autorizzato, prima che arrivasse in via Lugaro, sede del giornale, e i manifestanti si sono allontanati. Secondo quanto appreso, l'intenzione di Forza Nuova era quella di appendere uno striscione con la scritta 'Boicotta il Gruppo Espresso'. (ANSA).

21:12Calcio: 3-2 alla Sampdoria, Fiorentina ai quarti

(ANSA) - FIRENZE, 13 DIC - La Fiorentina ha battuto 3-2 la Sampdoria negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti affronterà la vincitrice di Lazio-Cittadella, in programma domani sera allo stadio Olimpico di Roma. Viola in vantaggio già al 2' grazie a Babacar. Il pareggio ligure lo firma Barreto a cinque minuti dall'intervallo. Nella ripresa l'arbitro Rosario Abisso, di Palermo, diventa protagonista fischiando tre rigori, due con l'ausilio della Var. Il primo lo trasforma Veretout, il secondo - quello del 2-2 - è opera di Ramirez al 32'. Al 90' ancora Veretout sul dischetto. Il francese non sbaglia battendo Puggioni con grande freddezza. Per la Samp anche un clamoroso palo colpito da Caprari su punizione.

21:10Calcio: Baldissoni “Roma patrimonio collettività,è una fede”

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "La storia della Roma ha un inizio, ma è senza fine. Questa squadra è patrimonio di una collettività e racchiude il capitale emotivo di una comunità. Parliamo di una storia che si aggiorna quotidianamente, perché le emozioni non muoiono mai. La Roma è una fede, una famiglia, è parte di tutti noi e lo sarà per sempre". Così il dg della Roma, Mauro Baldissoni, nel corso della presentazione del libro 'Dimmi cos'è', pubblicato per celebrare i 90 anni del club giallorosso. Il volume, a cura di Tonino Cagnucci e Luca Pelosi (casa editrice Skira), ripercorre la storia della Roma con illustrazioni, disegni d'autore, fotografie inedite. "Da quando è arrivata la nuova proprietà è stato creato un dipartimento dedicato all'archivio storico. Abbiamo fatto un lavoro incessante negli anni, recuperato e organizzato centinaia di migliaia di documenti, foto e oggetti - sottolinea Baldissoni -. Questo grande sforzo di raccolta è stato ora messo su carta, è fruibile da tutti e ne siamo estremamente orgogliosi".

21:09Uccise ladro: condannato a nove anni e quattro mesi

(ANSA) - BRESCIA, 13 DIC - La Corte d'Assise di Brescia ha condannato a 9 anni e 4 mesi per omicidio volontario Mirco Franzoni, il 33enne che la sera del 14 dicembre 2013 a Serle, nel Bresciano, uccise in strada con un colpo di fucile ravvicinato il ladro di origine albanese Eduard Ndoj, che era entrato nell'abitazione del fratello. Il pm aveva chiesto 16 anni, sempre per omicidio volontario.

20:59Nuoto: Europei 25 metri, Scozzoli vince l’oro nei 50 rana

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Due medaglie per l'Italia nella prima giornata di gare dei campionati europei di nuoto in vasca da 25 metri, in corso a Copenaghen. L'azzurro Fabio Scozzoli ha chiuso al primo posto la gara dei 50 rana con il tempo di 25"62, nuovo record europeo, che sottrae dieci centesimi al limite che lui stesso aveva stabilito nel 2013 in coppa del mondo a Berlino. Ha preceduto il russo Kirili Progoda, medaglia d'argento, e il britannico Adam Peaty, bronzo. La seconda medaglia è d'argento, conquistata dagli staffettisti della 4x50 stile libero. Luca Dotto, Lorenzo Zazzeri, Alessandro Miressi e Marco Orsi hanno chiuso in 1'23''67, dietro ai russi che si impongono in 1'23''23.

Archivio Ultima ora