La giornata politica: Un successo alle europee sarebbe l’apertura di un ciclo

Pubblicato il 14 aprile 2014 da redazione

ROMA. – L’effetto Renzi pesa sulla partita delle nomine non meno che sulle riforme: ed è ciò che conta per un governo che ambisce a presentare ai cittadini, prima delle europee, un reale cambiamento di indirizzi. Naturalmente si tratta di una partita tanto complessa da giustificare le lunghe riunioni sull’asse Quirinale-Palazzo Chigi e anche la decisione di incontrare a sorpresa Silvio Berlusconi. Il Rottamatore non rinuncia a dare la propria impronta a negoziati capaci di condizionare i prossimi mesi: un valzer di avvicendamenti, l’ingresso delle ”quote rosa” negli enti pubblici, il tenere vivo il canale di dialogo aperto con il patto del Nazareno ne sono la dimostrazione palpabile. Il premier sa di poter contare, per il momento, sulla compattezza del Pd. Come ha rilevato Massimo D’Alema, non potrebbe essere diversamente: ”Se fallisce Renzi, falliamo tutti noi”, ha commentato. Un successo alle europee viceversa sarebbe il presupposto di apertura di un ciclo. Ciò spiega il mutamento di accenti della minoranza interna. Gianni Cuperlo ha garantito ”spirito costruttivo” perché ”Renzi è il nostro leader”: i democratici devono svolgere una campagna elettorale unitaria che non disorienti l’opinione pubblica. Ne deriva che il capo del governo può escludere sgradite sorprese sul terreno delle riforme: non a caso, si sono smussati i toni sulla riforma del Senato (Gustavo Zagrebelsky ha giudicato accettabile un sistema monocamerale a condizione che esistano garanzie e contrappesi). Quanto al decreto lavoro, saranno possibili forse alcuni emendamenti ma i contenuti essenziali restano ”immodificabili” (lo chiede il Nuovo Centrodestra con Maurizio Sacconi). Il Rottamatore ha avuto l’abilità di far coincidere la discussione con l’apertura della campagna elettorale, cioè con il momento in cui per la minoranza democratica è praticamente impossibile condurre una battaglia ad oltranza contro la maggioranza senza compromettere le prospettive di tutto il partito. Cuperlo ha dovuto escludere in particolare qualsiasi convergenza nel voto con Fi che si rivelerebbe incomprensibile per la sua base. Ciò significa che i berlusconiani al Senato rischiano di restare isolati nella richiesta di modificarne radicalmente il riassetto. Del resto l’ultima defezione nelle file azzurre, quella di Paolo Buonaiuti, storico portavoce del Cavaliere, sta lì a dimostrare come la scelta della linea dura non sia condivisa da tanti forzisti della prima ora. Molto dipenderà anche dalle decisioni finali della magistratura su Berlusconi. L’affido ai servizi sociali lascia un certo spazio all’agibilità politica reclamata dal leader in vista della campagna elettorale. Per il Cav resta il problema di non dare implicitamente ragione ad Angelino Alfano nella scelta di sostenere comunque il governo in questa fase economica delicatissima in cui si comincia a parlare sottovoce di deflazione e allo stesso tempo di difendere il suo profilo di ”padre costituente” e il peso del partito su alcune nomine. Renato Brunetta insiste nelle accuse a Renzi di aver camuffato i conti pubblici per drogare le elezioni, Paolo Romani chiede di ridiscutere il progetto di un Senato delle autonomie affidato ai sindaci. Si tratta di trovare uno spazio che induca il tradizionale elettorato moderato a dare ancora fiducia agli azzurri, orfani della presenza in lista del capo carismatico. Dietro a tutto ciò si intuisce lo scontro sulla futura fisionomia del centrodestra. Alfano punta a creare con Casini e Mauro il nucleo di uno schieramento centrista collegato al Ppe che faccia da traino. Roberto Maroni teme un’ondata di assenteismo e scruta ”le evoluzioni” di Berlusconi per capire quale sia il progetto che ha in mente a cavallo tra lotta e dialogo con Renzi. Tutti dovranno comunque fare i conti con Beppe Grillo, sempre più radicale nelle critiche a Napolitano, Renzi e alla destra. Il leader genovese non ha esitato a strumentalizzare la Shoah e il libro di Primo Levi (”Se questo è un uomo”) per attaccare il capo dello Stato e il premier, accusandoli di lasciare il paese in mano alla mafia e alla P2. Esecrazione generale per una ”infame provocazione”, per usare le parole della comunità ebraica, che tradisce un pericoloso oltranzismo sul quale il M5S sembra giocare tutte le sue carte elettorali. (di Pierfrancesco Frerè/Ansa)

 

Ultima ora

22:58Calcio: Buffon, Juve sta bene nel mucchio selvaggio in testa

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - La Juventus "sta bene nel mucchio selvaggio" in testa al campionato, e "non deve sottovalutare" il Tottenham in Champions League. Gianluigi Buffon analizza la doppia corsa, sottolineando che per i bianconeri "è un bel momento". "Pur non vincendo una gara importante contro l'Inter, i risultati delle altre ci hanno dato una grossa mano a vedere il bicchiere mezzo pieno e a far sì che si sia creato questo mucchio selvaggio in testa alla classifica. È chiaro che diventa un campionato più avvincente e noi secondo me ci sentiamo meglio in una posizione così ravvicinata alla testa della classifica", ha notato il capitano juventino a margine dei Gazzetta Sports Awards. "Il Tottenham è una squadra da prendere con le molle, ha tanta fisicità in quasi tutti i singoli e grande tecnica in cinque o sei elementi. Di solito impone alla gara un ritmo forsennato, di conseguenza sulle due gare è un avversario veramente temibile e da non sottovalutare".

22:44Donna dell’Agrigentino festeggia 106 anni con sorella di 112

(ANSA) - CANICATTI' (AGRIGENTO), 12 DIC - Altro compleanno ultracentenario a Canicattì (Ag) in casa Cammalleri. Attorniata dai familiari, tra cui la sorella Diega "Deddè" di 112 anni e la cognata di 94, ha festeggiato le sue 106 primavere Fifì Cammalleri, nata il 12 dicembre 1911. Le due sorelle vivono nella stessa casa. Nell'ottobre dello scorso anno, per i suoi 111 anni, Diega, che è stata a lungo insegnante, ricevette una medaglia d'oro dall'allora ministro dell'Istruzione Stefania Giannini. In quell'occasione l'interessata disse di non aver mai punito i suoi alunni "ma se necessario li ho solo corretti". Ai festeggiamenti di oggi erano presenti i numerosi nipoti delle due sorelle, anche loro avanti in età. (ANSA).

22:39Tap: Emiliano, Governo incosciente, presenteremo esposto

(ANSA) - BARI, 12 DIC - "I fatti accaduti in Austria hanno dimostrato che le preoccupazioni della Regione Puglia hanno un fondamento evidente che ci obbligherà nei prossimi giorni a sottoporre alla Procura della Repubblica competente un esposto che mira a salvaguardare l'incolumità pubblica dalla incosciente decisione del Governo di ritenere non assoggettabile alle direttive Seveso l'impianto Tap". In una nota, il presidente della Puglia, Michele Emiliano, replica al ministro dello Sviluppo Carlo Calenda, che aveva criticato le rimostranze della regione sul gasdotto Tap. Per Emiliano, "di incoscienza collettiva evidentemente si tratta se è vero che il Ministro Calenda dalle notizie della vittima e dei 21 feriti in Austria trae lo spunto solo per ribadire che il TAP è necessario proprio per sopperire alla temporanea carenza di gas distribuita nel Nord Europa ove dovessero ripetersi incidenti analoghi a quello accaduto oggi". "Si tratta con ogni evidenza - rimarca Emiliano - di un caso di strabismo politico".

22:06Calcio: Mondiale club, 1-0 al Pachuca dts, Gremio in finale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - I brasiliani del Gremio si sono qualificati alla finalissima del Mondiale per club battendo 1-0 i messicani del Pachuca dopo i tempi supplementari del match giocato ad Al Ain, stadio Hazza bin Zayed, negli Emirati Arabi Uniti. Decisivo il gol di Everton al 5' del primo tempo supplementare dopo che i 90' regolamentari si erano conclusi a reti inviolate. La squadra allenata dall'ex romanista Renato affronterà la vincente dell'altra semifinale tra Real Madrid e l'Al-Jazira in programma domani.

21:53Terremoto: Boldrini a delegazione Camerino,vi resterò vicina

(ANSA) - CAMERINO (MACERATA), 12 DIC - "Quello che ho visto nelle vostre terre non lo dimenticherò mai, anche perché la vostra terra è anche la mia terra. Abbiamo fatto molto e sono consapevole che molto di più c'è ancora da fare. Siamo arrivati a fine legislatura, ma io, qualunque sarà il mio ruolo in futuro, continuerò a esservi vicina. Questa è la mia promessa". Sono le parole, si legge in una nota del Comune di Camerino, che la presidente della Camera Laura Boldrini ha rivolto a una delegazione di cittadini camerti, ricevuta in visita a Montecitorio. Insieme al sindaco Gianluca Pasqui c'erano rappresentanti di scuole, associazioni e dell'Università. Pasqui ha anche preso parte alla riunione del Comitato legislativo, ricordando che ''se davvero si vuole fare il bene dei Comuni terremotati bisogna entrare nello specifico delle singole realtà''. "Ho chiesto di rivedere il cratere sismico - ha detto il sindaco -. Non è possibile che ogni comune venga curato alla stessa maniera, che a più malati venga data la stessa medicina. Dobbiamo intervenire con decisione affinché il cratere venga rivisto, senza escludere nessuno, ma intervenendo con le necessarie indicazioni in base alle necessità. Le differenze ci sono e le istituzioni le devono evidenziare affinché parta quella ricostruzione che oggi sembra ancora un miraggio".

21:52Ap: direzione vota documento separazione consensuale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il documento per la separazione consensuale di Ap, che mantiene al momento invariati i gruppi parlamentari, è stato votato all'unanimità dalla Direzione Nazionale.

21:51Migranti: domani vertice a Parigi Macron-Gentiloni-Merkel

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni sarà domani, mercoledì 13 dicembre, a Parigi, per il vertice con il presidente francese Emmanuel Macron, la cancelliera tedesca Angela Merkel e i capi di Stato e di governo del G5 Sahel Burkina Faso, Ciad, Mali, Mauritania e Niger. L'incontro, presso il castello di La Celle-Saint-Cloud, avrà inizio alle ore 12. Al termine è prevista una conferenza stampa congiunta. E' quanto si legge in una nota di Palazzo Chigi.

Archivio Ultima ora